WP_Post Object ( [ID] => 546841 [post_author] => 70 [post_date] => 2018-08-16 11:42:16 [post_date_gmt] => 2018-08-16 09:42:16 [post_content] => Sono in arrivo dei cambiamenti da casa Alfa Romeo: la Mito saluterà la compagnia all’inizio del 2019, mentre nei prossimi anni sarà lanciato un SUV compatto. Le novità erano già state comunicate con la presentazione del piano industriale FCA, dello scorso 1 giugno, ma ora sono arrivati alcuni nuovi dettagli, attraverso le parole di Roberta Zerbi, responsabile del marchio Alfa Romeo per la regione Emea.

Alfa Romeo Mito: fine della corsa nel 2019

L’Alfa Romeo Mito non sarà più venduta a partire dall’inizio del 2019. “E’ una vettura a tre porte – ha spiegato la Zerbi ad Autocar – e gli automobilisti scelgono sempre più le auto a cinque porte”. L’obiettivo del marchio del Biscione è spostare gli acquirenti della vettura di segmento B verso la Giulia o il nuovo SUV compatto, che arriverà prossimamente. Probabilmente entro due anni.

Come sarà il nuovo SUV compatto

A questo proposito, la responsabile Alfa Romeo per la regione Emea ha rivelato qualche dettaglio su questo futuro modello: “Può aiutare a colmare il divario tra la Giulietta e la Stelvio – le sue parole – E le persone che hanno comprato una Mito crescono, iniziano ad avere figli ed hanno bisogno di un’auto più grande”. Il SUV compatto permetterà al Biscione “di parlare ad un pubblico più ampio e più giovane – ha concluso Roberta Zerbi - con età compresa tra 30 e 40 anni” e non assomiglierà ad una Stelvio più piccola. Non resta che attendere ulteriori indiscrezioni e, magari, anche qualche anticipazione sulle forme di questo nuovo modello. [post_title] => Alfa Romeo: ciao Mito, al lavoro sul SUV compatto [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => alfa-romeo-ciao-mito-al-lavoro-sul-suv-compatto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-08-16 11:42:16 [post_modified_gmt] => 2018-08-16 09:42:16 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=546841 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Alfa Romeo: ciao Mito, al lavoro sul SUV compatto

Le parole di Roberta Zerbi sul futuro del Biscione

All'inizio del prossimo anno l'Alfa Romeo Mito chiuderà la proprie vendite, mentre successivamente arriverà il SUV compatto del Biscione, su cui l'azienda è già al lavoro: le conferme arrivano dalle parole di Roberta Zerbi.
Alfa Romeo: ciao Mito, al lavoro sul SUV compatto

Sono in arrivo dei cambiamenti da casa Alfa Romeo: la Mito saluterà la compagnia all’inizio del 2019, mentre nei prossimi anni sarà lanciato un SUV compatto. Le novità erano già state comunicate con la presentazione del piano industriale FCA, dello scorso 1 giugno, ma ora sono arrivati alcuni nuovi dettagli, attraverso le parole di Roberta Zerbi, responsabile del marchio Alfa Romeo per la regione Emea.

Alfa Romeo Mito: fine della corsa nel 2019

L’Alfa Romeo Mito non sarà più venduta a partire dall’inizio del 2019. “E’ una vettura a tre porte – ha spiegato la Zerbi ad Autocar – e gli automobilisti scelgono sempre più le auto a cinque porte”. L’obiettivo del marchio del Biscione è spostare gli acquirenti della vettura di segmento B verso la Giulia o il nuovo SUV compatto, che arriverà prossimamente. Probabilmente entro due anni.

Come sarà il nuovo SUV compatto

A questo proposito, la responsabile Alfa Romeo per la regione Emea ha rivelato qualche dettaglio su questo futuro modello: “Può aiutare a colmare il divario tra la Giulietta e la Stelvio – le sue parole – E le persone che hanno comprato una Mito crescono, iniziano ad avere figli ed hanno bisogno di un’auto più grande”.

Il SUV compatto permetterà al Biscione “di parlare ad un pubblico più ampio e più giovane – ha concluso Roberta Zerbi – con età compresa tra 30 e 40 anni” e non assomiglierà ad una Stelvio più piccola. Non resta che attendere ulteriori indiscrezioni e, magari, anche qualche anticipazione sulle forme di questo nuovo modello.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati