WP_Post Object ( [ID] => 546998 [post_author] => 24 [post_date] => 2018-08-16 15:30:09 [post_date_gmt] => 2018-08-16 13:30:09 [post_content] => Incredulità per l'accaduto, vicinanza alle vittime, ai feriti e alle loro famiglie ma anche sgomento per la tragedia che non può essere considerata fatalità e quindi un forte richiamo alle valutazioni sullo stato delle infrastrutture di viabilità nel Paese. È quanto emerge dalle dichiarazioni, dopo le ore dei primi soccorsi, del presidente dell’Automobile Club d'Italia Angelo Sticchi Damiani che, al contempo, ringrazia l'immediato intervento degli uomini dell'ACI, a supporto dell’emergenza e dei soccorsi con i loro mezzi, tecnologie e know how. Queste le parole di Sticchi Damiani: "Allo stato attuale non possiamo commentare questo disastro, né conosciamo le cause tecniche del crollo certamente, però, non possiamo considerarlo un evento imponderabile e le vittime, con i loro cari, ci richiamano alla costante e profonda responsabilità nella gestione e nell'ammodernamento della rete viaria urbana, extraurbana ed autostradale, che ogni giorno milioni di italiani percorrono garantendo lo sviluppo sociale ed economico dell'Italia. Sarà quindi fondamentale, nei prossimi giorni e insieme a tutti i soggetti interessati, effettuare l'analisi dell’accaduto, da cui subito trarre e dare indicazioni su procedure di controllo e standard di qualità, efficienza e sicurezza delle infrastrutture esistenti". [post_title] => Crollo ponte Morandi, Sticchi Damiani, presidente ACI: "La sicurezza viene prima di tutto" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => crollo-ponte-morandi-sticchi-damiani-presidente-aci-la-sicurezza-viene-prima-di-tutto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-08-16 15:30:09 [post_modified_gmt] => 2018-08-16 13:30:09 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=546998 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Crollo ponte Morandi, Sticchi Damiani, presidente ACI: “La sicurezza viene prima di tutto”

"Non possiamo considerarlo un evento imponderabile"

Le parole del presidente dell'ACI, Angelo Sticchi Damiani, a poche ore dalla tragedia del crollo del ponte Morandi sull'A10 avvenuto a Genova due giorni fa.
Crollo ponte Morandi, Sticchi Damiani, presidente ACI: “La sicurezza viene prima di tutto”

Incredulità per l’accaduto, vicinanza alle vittime, ai feriti e alle loro famiglie ma anche sgomento per la tragedia che non può essere considerata fatalità e quindi un forte richiamo alle valutazioni sullo stato delle infrastrutture di viabilità nel Paese. È quanto emerge dalle dichiarazioni, dopo le ore dei primi soccorsi, del presidente dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani che, al contempo, ringrazia l’immediato intervento degli uomini dell’ACI, a supporto dell’emergenza e dei soccorsi con i loro mezzi, tecnologie e know how.

Queste le parole di Sticchi Damiani: “Allo stato attuale non possiamo commentare questo disastro, né conosciamo le cause tecniche del crollo certamente, però, non possiamo considerarlo un evento imponderabile e le vittime, con i loro cari, ci richiamano alla costante e profonda responsabilità nella gestione e nell’ammodernamento della rete viaria urbana, extraurbana ed autostradale, che ogni giorno milioni di italiani percorrono garantendo lo sviluppo sociale ed economico dell’Italia. Sarà quindi fondamentale, nei prossimi giorni e insieme a tutti i soggetti interessati, effettuare l’analisi dell’accaduto, da cui subito trarre e dare indicazioni su procedure di controllo e standard di qualità, efficienza e sicurezza delle infrastrutture esistenti“.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Coppa Milano-Sanremo: 28 – 30 marzo 2019

Presentata ieri l'11° edizione della rievocazione storica della gara più antica d'Italia
Lungo un percorso di oltre 600 chilometri, la manifestazione si snoderà tra Lombardia, Piemonte e Liguria, toccando città e paesaggi dal