Autostrade: due ipotesi per il futuro. E a Pisa crolla un cartello

Autostrade: due ipotesi per il futuro. E a Pisa crolla un cartello

Cassa Depositi e Prestiti oppure Anas, dopo la revoca?

Tiene banco la possibile revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia e vengono fatte due ipotesi per il futuro: Cassa Depositi e Prestiti oppure Anas. Nel frattempo, sulla superstrada Fi-Pi-Li crolla un cartello, senza conseguenze.
Autostrade: due ipotesi per il futuro. E a Pisa crolla un cartello

Il crollo del ponte Morandi a Genova ha aperto il fronte della concessione ad Autostrade per l’Italia, con la volontà dell’attuale Governo di revocarla, come manifestato in più occasioni soprattutto dagli esponenti del Movimento 5 Stelle. I tempi tecnici sono piuttosto lunghi, si parla di circa cinque mesi, ma sono già state avanzate le prime ipotesi sul futuro, in caso ci sia davvero la caducazione.

Due possibilità per la gestione

Chi gestirà quei 2.800 chilometri di autostrada? Le ipotesi sono due, almeno attualmente. L’agenzia Bloomberg ha avanzato la possibilità di utilizzo del tesoretto di Cassa Depositi e Prestiti per rilevare Autostrade. Verrebbe rilevata una quota di maggioranza del capitale di Autostrade, con il vantaggio di esserne già un grande creditore, con fondi investiti in alcune tratte autostradali, come Autovie Venete ed il Brennero. L’ipotesi è stata, tuttavia, smentita dal Ministero delle infrastrutture.

Ecco, allora, l’altra via, riportata dal Corriere della Sera, quella di Anas. Già gestisce una buona parte delle strade statali e provinciali nel nostro Paese, potrebbero aggiungersi anche le autostrade. Un passaggio già avvenuto quaranta anni fa, con l’attuale Strada dei Parchi.

Il crollo del cartello sulla Fi-Pi-Li

Nel frattempo, altri problemi sulle strade italiane. Non su un’autostrada, ma sulla superstrada Firenze-Pisa-Livorno. Ieri è caduto un grosso cartello all’altezza di Cascina, in provincia di Pisa, sfiorando alcune auto di passaggio proprio in quel punto. Fortunatamente non ha colpito nessuna vettura e gli automobilisti se la sono cavata con solo un grande spavento e qualche ora con traffico rallentato sul tratto, prima di tornare alla normalità già entro la serata.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati