WP_Post Object ( [ID] => 549975 [post_author] => 51 [post_date] => 2018-08-28 13:29:29 [post_date_gmt] => 2018-08-28 11:29:29 [post_content] => L'isola dell'Asinara sposa la mobilità a zero emissioni garantita da quattro Citroën C-Zero, la vettura elettrica del Double Chevron di compatte dimensioni (la lunghezza è di 3,48 metri) che è spinta dal motore elettrico sincrono a magneti permanenti al neodimio da 64 cv di potenza alimentato da una batteria agli ioni di litio con una capacità di 14,5 kWh. Grazie ad una velocità massima di 130 km/h e ad un’autonomia di circa 150 km, la piccola a zero emissioni di Citroën è particolarmente adatta ai trasferimenti urbani e suburbani in linea con una mobilità più ecosostenibile.

Il progetto "Asinara Emissioni Zero" punta ad una maggiore ecosostenibilità

In linea con il progetto "Asinara Emissioni Zero", nato proprio al fine di sviluppare e promuovere una mobilità maggiormente compatibile con l’ambiente, l’Ente Parco Nazionale dell’Asinara ha acquistato quattro Citroen C-Zero da utilizzare sia come vetture istituzionali per il controllo territoriale che come vetture di cortesia. In tal contesto, le quattro Citroën C-Zero sono state scelte per essere utilizzate al di fuori delle aree cittadine dall’Ente Parco Nazionale dell’Asinara, un’area naturale protetta istituita nel 1997 che comprende l’intera estensione dell’isola dell’Asinara per un totale di 51 chilometri quadrati e ben 110 chilometri di coste.

Le Citroën C-Zero "sponsorizzano" graficamente il territorio

Le quattro Citroen C-Zero acquistate dall'Ente Parco Nazionale dell'Asinara sono state opportunamente personalizzate con una livrea che riproduce fedelmente i simboli degli animali dell’Asinara: un delfino, una tartaruga, un asinello ed un cavallo. Ma non è finita qua poichè il progetto "Asinara Emissioni Zero" mira ad ottenere un respiro a più ampio raggio: stando a quanto riportato anche da Citroën in una nota stampa, il progetto in questione porterà non solo all’installazione di alcune stazioni di ricarica distribuite in diversi punti dell’isola, ma soprattutto mirerà alla produzione autonoma di energia elettrica attraverso pannelli fotovoltaici su strutture già esistenti a tetto piano.

Simone: "un progetto significativo a favore di una mobilità sostenibile"

Angelo Simone, Direttore di Citroën Italia, ha commentato così la scelta dell’Ente Parco Nazionale dell’Asinara di acquistare quattro Citroën C-Zero: "La nostra vettura elettrica è stata scelta soprattutto per la sua praticità d’utilizzo, per l’agilità ed in generale per la sua affidabilità. Tutte doti indispensabili per un’auto che ora è chiamata ad operare su un territorio da proteggere e da rispettare in cui vivono in libertà un numero incredibile di specie animali, in particolare l’asinello bianco, unico al mondo e uno dei simboli dell’Asinara. Siamo orgogliosi che in Italia sorgano questo genere di iniziative nel pieno rispetto del nostro ambiente, un patrimonio da preservare. Un progetto significativo, un esempio che ci auguriamo venga seguito da altre realtà analoghe che si impegnano a favore di una mobilità sostenibile. Un’operazione importante per Citroën Italia perché è una testimonianza dell’impegno del Brand a offrire una gamma di prodotti eco-compatibili. E questo impegno si inserisce in una strategia più ampia di tutto il Groupe PSA che prevede che entro il 2025 tutti i suoi Marchi, e in particolare Citroën, offriranno ogni modello della loro gamma in versione elettrificata, ovvero 100% elettrico oppure ibrido".

Congiatu: "il progetto nasce per il rispetto per la natura e per trasmettere la cultura ambientale"

Pier Paolo Congiatu, Direttore dell’Ente Parco Nazionale dell’Asinara, svela com'è nato il progetto a zero emissioni voluto dall'Ente e detta le linee guida per un futuro più "green": "Il progetto “Asinara Emissioni Zero” nasce circa 2 anni fa ma ha una gestazione molto più lunga. Il primo passo è stato quello di decidere noi stessi di metterci al passo con la tecnologia per il rispetto per l’ambiente: abbiamo deciso che noi per primi e le Istituzioni presenti sull’isola dovevano dare l’esempio e utilizzare vetture con emissioni zero. E questo lo abbiamo fatto. Credo che nei prossimi anni saremo in grado di avere nel nostro Parco mezzi totalmente a trazione elettrica e auto-alimentati e che li potremo mettere a disposizione di chiunque venga all’Asinara, sia per aspetti istituzionali sia come vetture di cortesia. Poi faremo un percorso di promozione per aiutare chiunque lavori all’Asinara a dotarsi di un mezzo elettrico, con procedure di incentivo in modo tale che questo seme che abbiamo messo sull’isola cresca.... che è poi la filosofia di un Parco, ovvero quella di trasmettere il più possibile la cultura ambientale e il rispetto per la natura." [post_title] => Quattro Citroen C-Zero sull'isola dell'Asinara per promuovere una mobilità più ecosostenibile [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => quattro-citroen-c-zero-sullisola-dellasinara-per-promuovere-una-mobilita-piu-ecosostenibile-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-08-28 13:29:29 [post_modified_gmt] => 2018-08-28 11:29:29 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=549975 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Quattro Citroen C-Zero sull’isola dell’Asinara per promuovere una mobilità più ecosostenibile [FOTO]

L'acquisto di quattro esemplari di Citroen C-Zero rientra nel progetto Asinara Emissioni Zero

L’Ente Parco Nazionale dell’Asinara ha acquistato quattro Citroën C-Zero da utilizzare come vetture istituzionali per il controllo territoriale e come vetture di cortesia. L'acquisto è avvenuto in linea con “Asinara Emissioni Zero”, il progetto concepito per sviluppare e promuovere una maggiore mobilità ecosostenibile.

L’isola dell’Asinara sposa la mobilità a zero emissioni garantita da quattro Citroën C-Zero, la vettura elettrica del Double Chevron di compatte dimensioni (la lunghezza è di 3,48 metri) che è spinta dal motore elettrico sincrono a magneti permanenti al neodimio da 64 cv di potenza alimentato da una batteria agli ioni di litio con una capacità di 14,5 kWh. Grazie ad una velocità massima di 130 km/h e ad un’autonomia di circa 150 km, la piccola a zero emissioni di Citroën è particolarmente adatta ai trasferimenti urbani e suburbani in linea con una mobilità più ecosostenibile.

Il progetto “Asinara Emissioni Zero” punta ad una maggiore ecosostenibilità

In linea con il progetto “Asinara Emissioni Zero”, nato proprio al fine di sviluppare e promuovere una mobilità maggiormente compatibile con l’ambiente, l’Ente Parco Nazionale dell’Asinara ha acquistato quattro Citroen C-Zero da utilizzare sia come vetture istituzionali per il controllo territoriale che come vetture di cortesia. In tal contesto, le quattro Citroën C-Zero sono state scelte per essere utilizzate al di fuori delle aree cittadine dall’Ente Parco Nazionale dell’Asinara, un’area naturale protetta istituita nel 1997 che comprende l’intera estensione dell’isola dell’Asinara per un totale di 51 chilometri quadrati e ben 110 chilometri di coste.

Le Citroën C-Zero “sponsorizzano” graficamente il territorio

Le quattro Citroen C-Zero acquistate dall’Ente Parco Nazionale dell’Asinara sono state opportunamente personalizzate con una livrea che riproduce fedelmente i simboli degli animali dell’Asinara: un delfino, una tartaruga, un asinello ed un cavallo. Ma non è finita qua poichè il progetto “Asinara Emissioni Zero” mira ad ottenere un respiro a più ampio raggio: stando a quanto riportato anche da Citroën in una nota stampa, il progetto in questione porterà non solo all’installazione di alcune stazioni di ricarica distribuite in diversi punti dell’isola, ma soprattutto mirerà alla produzione autonoma di energia elettrica attraverso pannelli fotovoltaici su strutture già esistenti a tetto piano.

Simone: “un progetto significativo a favore di una mobilità sostenibile”

Angelo Simone, Direttore di Citroën Italia, ha commentato così la scelta dell’Ente Parco Nazionale dell’Asinara di acquistare quattro Citroën C-Zero: “La nostra vettura elettrica è stata scelta soprattutto per la sua praticità d’utilizzo, per l’agilità ed in generale per la sua affidabilità. Tutte doti indispensabili per un’auto che ora è chiamata ad operare su un territorio da proteggere e da rispettare in cui vivono in libertà un numero incredibile di specie animali, in particolare l’asinello bianco, unico al mondo e uno dei simboli dell’Asinara. Siamo orgogliosi che in Italia sorgano questo genere di iniziative nel pieno rispetto del nostro ambiente, un patrimonio da preservare. Un progetto significativo, un esempio che ci auguriamo venga seguito da altre realtà analoghe che si impegnano a favore di una mobilità sostenibile. Un’operazione importante per Citroën Italia perché è una testimonianza dell’impegno del Brand a offrire una gamma di prodotti eco-compatibili. E questo impegno si inserisce in una strategia più ampia di tutto il Groupe PSA che prevede che entro il 2025 tutti i suoi Marchi, e in particolare Citroën, offriranno ogni modello della loro gamma in versione elettrificata, ovvero 100% elettrico oppure ibrido”.

Congiatu: “il progetto nasce per il rispetto per la natura e per trasmettere la cultura ambientale”

Pier Paolo Congiatu, Direttore dell’Ente Parco Nazionale dell’Asinara, svela com’è nato il progetto a zero emissioni voluto dall’Ente e detta le linee guida per un futuro più “green”: “Il progetto “Asinara Emissioni Zero” nasce circa 2 anni fa ma ha una gestazione molto più lunga. Il primo passo è stato quello di decidere noi stessi di metterci al passo con la tecnologia per il rispetto per l’ambiente: abbiamo deciso che noi per primi e le Istituzioni presenti sull’isola dovevano dare l’esempio e utilizzare vetture con emissioni zero. E questo lo abbiamo fatto. Credo che nei prossimi anni saremo in grado di avere nel nostro Parco mezzi totalmente a trazione elettrica e auto-alimentati e che li potremo mettere a disposizione di chiunque venga all’Asinara, sia per aspetti istituzionali sia come vetture di cortesia. Poi faremo un percorso di promozione per aiutare chiunque lavori all’Asinara a dotarsi di un mezzo elettrico, con procedure di incentivo in modo tale che questo seme che abbiamo messo sull’isola cresca…. che è poi la filosofia di un Parco, ovvero quella di trasmettere il più possibile la cultura ambientale e il rispetto per la natura.”

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati