WP_Post Object ( [ID] => 553972 [post_author] => 51 [post_date] => 2018-09-07 18:48:35 [post_date_gmt] => 2018-09-07 16:48:35 [post_content] => In questo mese di settembre diventa obbligatoria la procedura WLTP per tutti i costruttori dell’Unione Europea: il ciclo WLTP (sigla che sta per Worldwide harmonised Light vehicles Test Procedure) è una nuova procedura, in sostituzione della precedente NEDC (New European Driving Cycle), che d'ora in avanti verrà utilizzata per misurare in modo più realistico sia i consumi che le emissioni di tutti i nuovi modelli di auto messi in commercio. A tal riguardo, tutti i costruttori saranno chiamati ad omologare i propri modelli secondo le nuove normative.

Tecnologie FAP per i benzina e SCR per i diesel

In tal contesto, proprio al fine di omologare i propri modelli di auto, le case costruttrici hanno progettato inedite tecnologie in grado di far rientrare consumi ed emissioni dei propulsori utilizzati sui nuovi modelli all'interno dei valori stabiliti dalle nuove normative. Nel caso specifico, proprio oggi il Gruppo Renault ha annunciato il lancio di nuovi sistemi di riduzione delle emissioni dei motori benzina e diesel per i suoi veicoli: le tecnologie dei filtri antiparticolato (FAP) per i motori benzina e la riduzione catalitica selettiva (SCR) per i diesel. A tal riguardo ha sottolineato il Gruppo Renault: "I modelli dotati di queste tecnologie rispondono ai requisiti della norma di omologazione Euro 6 D temp e contestualmente le nuove motorizzazioni garantiscono maggiori performance e consumi ottimizzati."

Le nuove denominazioni commerciali sono "TCe FAP" e "Blue dCi"

Con l’occasione, il Gruppo Renault ha anche provveduto a cambiare le denominazioni commerciali dei propri motori in Europa: "TCe FAP" per i motori benzina a iniezione diretta e "Blue dCi" per i propulsori diesel. Nello specifico, i motori benzina a iniezione diretta del Gruppo Renault denominati "TCe FAP" integreranno da oggi un filtro antiparticolato in corrispondenza del sistema di scarico: questa tecnologia, la stessa utilizzata per i motori diesel, libera i gas di scarico dalle polveri sottili che contengono trattenendole in una struttura microporosa alveolare che, a intervalli regolari, si rigenera automaticamente. In aggiunta, i nuovi motori diesel denominati "Blue dCi" vanteranno l'ultimo sistema di riduzione delle emissioni inquinanti: posizionato nel sistema di scarico, il catalizzatore di ossidazione comprenderà da oggi la "riduzione catalitica selettiva" (SCR), una tecnologia che, funzionando con una soluzione a base di urea (Adblue), consente oltre ad una maggiore eliminazione delle emissioni di biossido di azoto (NOx), anche una migliore efficienza e performance del motore.

Al via le nuove motorizzazioni

Per quanto concerne il benzina, Renault adotterà il motore 1.3 "TCe FAP" su Kadjar, Scénic, Grand Scénic e Mégane (sia nella versione sporter che berlina), su tre livelli di potenza: TCe 115 FAP, TCe 140 FAP e TCe 160 FAP. Per quanto riguarda il diesel, invece, Renault introdurrà questa tecnologia su Kadjar col 1.5 Blue dCi 115 cv e su Mégane con il 1.5 Blue dCi da 95 e 115 cv, mentre Dacia la utilizzerà su nuova Duster, Lodgy e Dokker con il motore 1.5 Blue dCi da 75, 95 e 115 cv. Le tecnologie dei filtri antiparticolato (FAP) per i motori benzina e la riduzione catalitica selettiva (SCR) per i diesel verranno successivamente estese a tutte le gamme delle marche del Gruppo. [post_title] => Il Gruppo Renault lancia le nuove motorizzazioni benzina "TCe FAP" e diesel "Blue dCi" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => il-gruppo-renault-lancia-le-nuove-motorizzazioni-benzina-tce-fap-e-diesel-blue-dci [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-09-07 18:49:59 [post_modified_gmt] => 2018-09-07 16:49:59 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=553972 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Il Gruppo Renault lancia le nuove motorizzazioni benzina “TCe FAP” e diesel “Blue dCi”

I nuovi propulsori Renault rispettano la normativa Euro 6D Temp

Da oggi i motori termici del Gruppo Renault beneficeranno delle nuove tecnologie di riduzione delle emissioni: filtri antiparticolato FAP per i propulsori benzina e tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction) per i motori diesel
Il Gruppo Renault lancia le nuove motorizzazioni benzina “TCe FAP” e diesel “Blue dCi”

In questo mese di settembre diventa obbligatoria la procedura WLTP per tutti i costruttori dell’Unione Europea: il ciclo WLTP (sigla che sta per Worldwide harmonised Light vehicles Test Procedure) è una nuova procedura, in sostituzione della precedente NEDC (New European Driving Cycle), che d’ora in avanti verrà utilizzata per misurare in modo più realistico sia i consumi che le emissioni di tutti i nuovi modelli di auto messi in commercio. A tal riguardo, tutti i costruttori saranno chiamati ad omologare i propri modelli secondo le nuove normative.

Tecnologie FAP per i benzina e SCR per i diesel

In tal contesto, proprio al fine di omologare i propri modelli di auto, le case costruttrici hanno progettato inedite tecnologie in grado di far rientrare consumi ed emissioni dei propulsori utilizzati sui nuovi modelli all’interno dei valori stabiliti dalle nuove normative. Nel caso specifico, proprio oggi il Gruppo Renault ha annunciato il lancio di nuovi sistemi di riduzione delle emissioni dei motori benzina e diesel per i suoi veicoli: le tecnologie dei filtri antiparticolato (FAP) per i motori benzina e la riduzione catalitica selettiva (SCR) per i diesel. A tal riguardo ha sottolineato il Gruppo Renault: “I modelli dotati di queste tecnologie rispondono ai requisiti della norma di omologazione Euro 6 D temp e contestualmente le nuove motorizzazioni garantiscono maggiori performance e consumi ottimizzati.”

Le nuove denominazioni commerciali sono “TCe FAP” e “Blue dCi”

Con l’occasione, il Gruppo Renault ha anche provveduto a cambiare le denominazioni commerciali dei propri motori in Europa: “TCe FAP” per i motori benzina a iniezione diretta e “Blue dCi” per i propulsori diesel. Nello specifico, i motori benzina a iniezione diretta del Gruppo Renault denominati “TCe FAP” integreranno da oggi un filtro antiparticolato in corrispondenza del sistema di scarico: questa tecnologia, la stessa utilizzata per i motori diesel, libera i gas di scarico dalle polveri sottili che contengono trattenendole in una struttura microporosa alveolare che, a intervalli regolari, si rigenera automaticamente. In aggiunta, i nuovi motori diesel denominati “Blue dCi” vanteranno l’ultimo sistema di riduzione delle emissioni inquinanti: posizionato nel sistema di scarico, il catalizzatore di ossidazione comprenderà da oggi la “riduzione catalitica selettiva” (SCR), una tecnologia che, funzionando con una soluzione a base di urea (Adblue), consente oltre ad una maggiore eliminazione delle emissioni di biossido di azoto (NOx), anche una migliore efficienza e performance del motore.

Al via le nuove motorizzazioni

Per quanto concerne il benzina, Renault adotterà il motore 1.3 “TCe FAP” su Kadjar, Scénic, Grand Scénic e Mégane (sia nella versione sporter che berlina), su tre livelli di potenza: TCe 115 FAP, TCe 140 FAP e TCe 160 FAP. Per quanto riguarda il diesel, invece, Renault introdurrà questa tecnologia su Kadjar col 1.5 Blue dCi 115 cv e su Mégane con il 1.5 Blue dCi da 95 e 115 cv, mentre Dacia la utilizzerà su nuova Duster, Lodgy e Dokker con il motore 1.5 Blue dCi da 75, 95 e 115 cv. Le tecnologie dei filtri antiparticolato (FAP) per i motori benzina e la riduzione catalitica selettiva (SCR) per i diesel verranno successivamente estese a tutte le gamme delle marche del Gruppo.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati