Bugatti: la prossima hypercar avrà una propulsione ibrida?

Bugatti: la prossima hypercar avrà una propulsione ibrida?

Il glorioso W16 di Bugatti potrebbe avere i giorni contati

Bugatti potrebbe destinare alle sue future hypercar un'unità propulsiva ibrida per rincorrere potenze e prestazioni sempre migliori
Bugatti: la prossima hypercar avrà una propulsione ibrida?

Con ogni probabilità il futuro delle supercar e delle hypercar sarà segnato dall’arrivo dell’assistenza elettrica. Pochi giorni fa, in occasione della presentazione della Lamborghini Aventador SVJ, la casa costruttrice di Sant’Agata Bolognese fece sapere che la Super Veloce Jota è stata l’ultima V12 della sua lunga storia a vantare un propulsore “puro” in quanto l’erede della Aventador sarà equipaggiata con un V12 abbinato ad un sistema ibrido. Lo stesso Maurizio Reggiani, responsabile del reparto di ricerca e sviluppo di Lamborghini, nel corso di un’intervista rilasciata a Top Gear e parlando proprio della Aventador SVJ, dichiarò: “Questa è l’ultima volta che un V12 è rimasto solo. L’erede della Aventador godrà di un V12 aspirato. Tuttavia aggiungeremo un sistema ibrido per rispettare le normative riguardo a consumi ed emissioni. Può darsi che avremo anche un hybrid boost riservato alle prestazioni.” 

La prossima Bugatti sarà ibrida?

Probabilmente Lamborghini non sarà la sola a perseguire la via dell’ibrido per ambire a prestazioni sempre migliori. Anche Bugatti, infatti, potrebbe puntare ad avere unità propulsive ibride: la conferma viene dalle parole di Stephan Winkelmann, CEO di Bugatti, che nel corso di un’intervista rilasciata a CarAdvice, a margine della presentazione della Chiron Divosi è soffermato a parlare del glorioso propulsore W16 8.0 quadriturbo da 1.500 cv di potenza e 1.600 Nm di coppia. Il W16 rappresenta un autentico gioiello di ingegneria che però potrebbe essere giunto al termine della sua vita. Queste le parole di Stephan Winkelmann al riguardo: “E’ davvero un motore incredibile e sappiamo che c’è sempre molto entusiasmo quando se ne parla. A tutti piacerebbe continuare ad averlo per sempre e a svilupparlo, tuttavia se vuoi rimanere al passo coi tempi con l’ultima tecnologia disponibile, allora è importante scegliere il momento giusto per cambiare.”

Meno turbo e meno cilindri in favore di un’assistenza elettrica?

Parole che se da un lato non affermano nulla di concreto, dall’altro potrebbero indicare la tendenza di cui sopra ossia la possibilità che in futuro Bugatti possa ricorrere ad una sorta di assistenza elettrica per incrementare potenza e di conseguenza le prestazioni delle proprie hypercar. Dopotutto, lo stesso Winkelmann, ha chiosato: “la gara verso potenze ancora più elevate non è ancora finita”. In tal contesto, l’ipotetico motore ibrido di una futura prossima Bugatti potrebbe godere dell’assistenza alla propulsione fornita da un motore elettrico, ma contestualmente dovrebbe contemplare anche un taglio a cilindri e turbo del nuovo motore.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati

    Auto

    Bugatti: la storia del celebre badge Macaron

    Realizzato a mano in oltre 10 ore di lavoro, equipaggia le vetture del brand dal 1909
    Bugatti, brand famoso in tutto il Mondo per esclusività, lusso ed altissime prestazioni. Sin dalla sua nascita, il famoso badge