Volkswagen: aperti quattro nuovi stabilimenti di produzione in Cina

Attualmente il Gruppo Volkswagen può contare su 23 siti produttivi in Cina

Il Gruppo Volkswagen scommette sulla crescita del mercato cinese dando vita a quattro nuovi impianti di produzione sia di vetture che di componenti.
Volkswagen: aperti quattro nuovi stabilimenti di produzione in Cina

Il Gruppo Volkswagen in Cina ha una storia di successo da oltre 30 anni. Il Gruppo Volkswagen, infatti, ha fondato la sua prima joint venture in Cina nel 1984: SAIC Volkswagen, di cui il Gruppo detiene una quota pari al 50%. Nel 1985 è uscito dalla linea di assemblaggio la Santana, il primo modello di serie prodotto in loco. Nel 1989 è stata la volta di una nuova joint venture, FAW-VW a Changchun. Un’altra joint venture per lo sviluppo e la produzione di un modello elettrico è stata creata con il Costruttore cinese JAC nell’estate del 2017: anche in questo caso, il Gruppo detiene una quota del 50%. Ad oggi il Gruppo Volkswagen è presente in Cina con 12 brand, ha venduto oltre 35 milioni di veicoli insieme ai partner FAW e SAIC e al mese di agosto 2018 ha una quota di mercato pari al 18,3%. A livello di produzione Volkswagen Group China impiega oltre 100.000 collaboratori in 34 impianti di produzione distribuiti su 23 siti.

Quattro nuovi impianti in Cina

L’espansione del Gruppo Volkswagen non è finita qua: difatti, con l’apertura di tre nuovi stabilimenti FAW-Volkswagen per la produzione di vetture in tre città (Qingdao, Foshan e Tianjin) e di quello Volkswagen FAW Platform Tianjin Branch dedicato ai componenti, il Gruppo Volkswagen ha deciso di rafforzare ulteriormente la propria strategia di localizzazione in Cina. Tutti e quattro i nuovi impianti saranno chiamati ad aumentare in maniera significativa la flessibilità di Volkswagen Group China nel reagire ancora più rapidamente alle esigenze dei nuovi clienti. Ad esempio, secondo le aspettative, solo nel nuovo stabilimento FAW-Volkswagen di Tianjin saranno prodotti più di 300.000 SUV all’anno, mentre, l’impianto di Foshan avrà invece un ruolo pioneristico nella campagna di elettrificazione “Roadmap E” del Gruppo Volkswagen grazie ad una capacità produttiva annuale portata a ben 600.000 unità. Inoltre, proprio in questo stabilimento entro il 2020 sarà avviata la produzione sia di veicoli su base MEB (piattaforma modulare per l’elettrico) sia delle batterie ad essi destinate.

Al via la campagna su SUV ed elettrico

Jochem Heizmann, Membro del CdA di Volkswagen AG e Presidente e CEO di Volkswagen Group China ah affermato al riguardo: “Ci aspettiamo che il mercato automobilistico in Cina continui a svilupparsi positivamente. E Volkswagen Group China continuerà a crescere di conseguenza. Con un volume totale pari a circa 24 milioni di unità vendute, anche tassi di crescita nell’ordine di pochi punti percentuali si traducono in parecchie centinaia di migliaia di veicoli l’anno. Per questo abbiamo lanciato la campagna SUV e quella elettrica nel 2018, così da poter rispondere ancora meglio alle esigenze dei clienti. Vogliamo dare un contributo significativo all’elettrificazione del mercato automobilistico cinese. Entro il 2025 nel Paese saranno prodotti circa 40 modelli elettrici. L’obiettivo è mantenere un successo duraturo per il Gruppo in questo importante mercato.”

Nuova Volkswagen Golf 8 ibrida Da 179 € al mese con Ecoincentivi Statali Richiedi Preventivo

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati