WP_Post Object ( [ID] => 558686 [post_author] => 24 [post_date] => 2018-09-20 14:47:35 [post_date_gmt] => 2018-09-20 12:47:35 [post_content] => Non si ferma l'avventuroso viaggio dei ragazzi di Peugeot Crew a bordo della 3008 in un percorso che li sta portando a seguire le tracce della Via della Seta scoprendo territori e luoghi di grande fascino, oltre che disseminati di insidie e di percorsi impegnativi. Dopo averli lasciati ad Astana, i ragazzi della Crew sono saliti sulla loro Peugeot 3008 ed hanno ripreso a macinare chilometri in direzione Balquash, proseguendo per Almaty, la vecchia capitale del Kazakistan.

Almaty

Percorrendo strade prive di asfalto e d'illuminazione, oltre che ricche di buche e sconnessioni, la 3008 è giunta ad Almaty che rappresenta il cuore culturale del Kazakistan, caratterizzata dal mix tra tradizioni nomadi tartare ed influenze dell'estremo oriente. Profumata di spezie, la città kazaka ha nell'imponente Cattedrale dell'ascensione uno dei suoi poli attrattivi principali.

Symkent

Il viaggio prosegue con l'avvicinamento al confine uzbeko e la tappa successiva porta la Peugeot Crew e la 3008 da Almaty a Symkent, terza città più popolosa del Kazakistan e importante crocevia commerciale dei nomadi, nonché fulcro nevralgico della Via della Stella. La città, collocata nel sud del Paese, fu distrutta e ricostruita numerose volte. Oggi è caratterizzata dati tanti mercati come il Bazar Samal, capaci di portare indietro nel tempo.

Samarcanda

La Peugeot Crew è ripartita poi verso la frontiera uzbeka con la 3008 che ha fatto il suo ingresso nel Paese trovandosi a macinare altri chilometri su strade molto dissestate prima di arrivare a Samarcanda, città il cui nome significa fortezza di pietra. Samarcanda, anch'essa snodo cruciale nel deserto della Via della Seta, è una delle città più antiche del mondo nonché fulcro dell'impero persiano. In un luogo dove si mescolano le culture araba, uzbeka, turca e russa spicca il maestoso Mausoleo di Tamerlano, oltre alle madrase (le scuole coraniche), i coloratissimi e affollati bazar. Prossima tappa della Peugeot 3008 e della crew del Leone è Nukus, città alle porte della frontiera kazaka che farà da preludio al ritorno in Russia. Il viaggio continua. [post_title] => Peugeot sulle orme della Via della Seta: la 3008 sbarca in Uzbekistan [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => peugeot-sulle-orme-della-via-della-seta-la-3008-sbarca-in-uzbekistan-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-09-20 14:47:35 [post_modified_gmt] => 2018-09-20 12:47:35 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=558686 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Peugeot sulle orme della Via della Seta: la 3008 sbarca in Uzbekistan [FOTO]

L'avventuroso viaggio della crew del Leone prosegue

La Peugeot 3008 e i ragazzi di Peugeot Crew continuano a macinare chilometri nel centro Asia proseguendo il loro viaggio sulle tracce della Via della Seta che finora li ha condotti fino a Samarcanda, in Uzbekistan.

Non si ferma l’avventuroso viaggio dei ragazzi di Peugeot Crew a bordo della 3008 in un percorso che li sta portando a seguire le tracce della Via della Seta scoprendo territori e luoghi di grande fascino, oltre che disseminati di insidie e di percorsi impegnativi. Dopo averli lasciati ad Astana, i ragazzi della Crew sono saliti sulla loro Peugeot 3008 ed hanno ripreso a macinare chilometri in direzione Balquash, proseguendo per Almaty, la vecchia capitale del Kazakistan.

Almaty

Percorrendo strade prive di asfalto e d’illuminazione, oltre che ricche di buche e sconnessioni, la 3008 è giunta ad Almaty che rappresenta il cuore culturale del Kazakistan, caratterizzata dal mix tra tradizioni nomadi tartare ed influenze dell’estremo oriente. Profumata di spezie, la città kazaka ha nell’imponente Cattedrale dell’ascensione uno dei suoi poli attrattivi principali.

Symkent

Il viaggio prosegue con l’avvicinamento al confine uzbeko e la tappa successiva porta la Peugeot Crew e la 3008 da Almaty a Symkent, terza città più popolosa del Kazakistan e importante crocevia commerciale dei nomadi, nonché fulcro nevralgico della Via della Stella. La città, collocata nel sud del Paese, fu distrutta e ricostruita numerose volte. Oggi è caratterizzata dati tanti mercati come il Bazar Samal, capaci di portare indietro nel tempo.

Samarcanda

La Peugeot Crew è ripartita poi verso la frontiera uzbeka con la 3008 che ha fatto il suo ingresso nel Paese trovandosi a macinare altri chilometri su strade molto dissestate prima di arrivare a Samarcanda, città il cui nome significa fortezza di pietra. Samarcanda, anch’essa snodo cruciale nel deserto della Via della Seta, è una delle città più antiche del mondo nonché fulcro dell’impero persiano. In un luogo dove si mescolano le culture araba, uzbeka, turca e russa spicca il maestoso Mausoleo di Tamerlano, oltre alle madrase (le scuole coraniche), i coloratissimi e affollati bazar. Prossima tappa della Peugeot 3008 e della crew del Leone è Nukus, città alle porte della frontiera kazaka che farà da preludio al ritorno in Russia. Il viaggio continua.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati