WP_Post Object ( [ID] => 559140 [post_author] => 51 [post_date] => 2018-09-24 12:20:34 [post_date_gmt] => 2018-09-24 10:20:34 [post_content] => Nei giorni scorsi Honda ha svelato la nuova variante ibrida della sua CR-V: è stata una vera e propria première europea in quanto per la prima volta nel Vecchio Continente un SUV Honda è disponibile con la tecnologia ibrida. Nella fattispecie il sistema ibrido messo a punto da Honda è dotato della tecnologia i-MMD (Intelligent Multi-Mode) composta da due motori elettrici, un motore a benzina a ciclo Atkinson ed un’innovativa trasmissione diretta che collaborano attivamente tra loro per fornire il massimo dell'efficienza. Nel dettaglio il comparto motoristico della nuova Honda CR-V Hybrid è formato da un propulsore a benzina i-VTEC da 2.0 litri, due motori elettrici ed un pacco batterie agli ioni di litio per una potenza di sistema di 184 cv ed una coppia di 315 Nm. A livello di trasmissione, Honda, anziché usarne una di tipo tradizionale, ha fatto sapere che "le parti in movimento sono connesse direttamente tra loro mediante un singolo rapporto fisso, che garantisce un trasferimento della coppia più fluido ed offre un più elevato livello di sofisticazione rispetto al comune cambio e-CVT generalmente in uso sugli altri veicoli ibridi in commercio."

Tre modalità di guida per il massimo dell'efficienza

Per quanto concerne la guida offerta dalla nuova CR-V Hybrid, come anticipato in apertura, Honda ha messo a punto l’esclusiva tecnologia i-MMD: secondo il costruttore giapponese la tecnologia i-MMD consente ai diversi organi meccanici ed elettrici di rapportarsi in modo completamente automatico attraverso tre distinte modalità di guida senza la minima interruzione e con la massima efficienza possibile. Le tre modalità di guida sono: EV Drive, in cui il pacco batterie agli ioni di litio alimenta il propulsore elettrico e trasmette il movimento alle ruote con il motore a benzina spento, Hybrid Drive, in cui il motore a benzina alimenta il secondo motore/generatore che integra l’energia elettrica fornita dal pacco batterie ed infine Engine Drive, in cui è il motore a benzina a trasmettere il moto alle ruote. In pratica, il software di controllo del sistema i-MMD decide, a seconda delle condizioni di guida, quando passare da una modalità all’altra per massimizzare l’efficienza: ad esempio nella maggior parte delle situazioni di guida in città, la tecnologia i-MMD della nuova CR-V Hybrid provvede a passare in maniera automatica dalla modalità Hybrid Drive a quella EV Drive, e viceversa, per ottimizzare l’efficienza. Nella modalità Hybrid Drive, l’energia in eccesso prodotta dal motore a benzina può essere sfruttata per ricaricare le batterie attraverso il generatore. Infine, la modalità Engine Drive interviene in caso di guida in autostrada ed in generale alle alte velocità.

Debutta il Driver Information Interface

Dato che i passaggi da una modalità di guida all'altra sono completamente automatici, Honda ha pensato bene di dotare la sua nuova CR-V di un display inserito nella plancia dotato di Interfaccia di Informazione del Conducente (DII, Driver Information Interface) utile a mostrare lo stato di guida al guidatore per fargli comprendere la combinazione di fonti di energia che di volta in volta alimentano la CR-V Hybrid. Inoltre il display può essere usato anche per conoscere il livello di carica della batteria agli ioni di litio, un grafico del flusso di energia in uso e lo stato di ricarica del sistema. [post_title] => Honda CR-V Hybrid: la tecnologia i-MMD per la massima efficienza nella guida [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => honda-cr-v-hybrid-la-tecnologia-i-mmd-per-la-massima-efficienza-nella-guida [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-09-24 12:20:34 [post_modified_gmt] => 2018-09-24 10:20:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=559140 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Honda CR-V Hybrid: la tecnologia i-MMD per la massima efficienza nella guida

La nuova CR-V Hybrid consente tre distinte modalità di guida a seconda delle esigenze

Honda CR-V Hybrid: l'efficienza del sistema ibrido è garantita dall'inedita tecnologia i-MMD (Intelligent Multi-Mode Drive) che permette di passare da una fonte di alimentazione all’altra in totale continuità
Honda CR-V Hybrid: la tecnologia i-MMD per la massima efficienza nella guida

Nei giorni scorsi Honda ha svelato la nuova variante ibrida della sua CR-V: è stata una vera e propria première europea in quanto per la prima volta nel Vecchio Continente un SUV Honda è disponibile con la tecnologia ibrida. Nella fattispecie il sistema ibrido messo a punto da Honda è dotato della tecnologia i-MMD (Intelligent Multi-Mode) composta da due motori elettrici, un motore a benzina a ciclo Atkinson ed un’innovativa trasmissione diretta che collaborano attivamente tra loro per fornire il massimo dell’efficienza. Nel dettaglio il comparto motoristico della nuova Honda CR-V Hybrid è formato da un propulsore a benzina i-VTEC da 2.0 litri, due motori elettrici ed un pacco batterie agli ioni di litio per una potenza di sistema di 184 cv ed una coppia di 315 Nm. A livello di trasmissione, Honda, anziché usarne una di tipo tradizionale, ha fatto sapere che “le parti in movimento sono connesse direttamente tra loro mediante un singolo rapporto fisso, che garantisce un trasferimento della coppia più fluido ed offre un più elevato livello di sofisticazione rispetto al comune cambio e-CVT generalmente in uso sugli altri veicoli ibridi in commercio.”

Tre modalità di guida per il massimo dell’efficienza

Per quanto concerne la guida offerta dalla nuova CR-V Hybrid, come anticipato in apertura, Honda ha messo a punto l’esclusiva tecnologia i-MMD: secondo il costruttore giapponese la tecnologia i-MMD consente ai diversi organi meccanici ed elettrici di rapportarsi in modo completamente automatico attraverso tre distinte modalità di guida senza la minima interruzione e con la massima efficienza possibile. Le tre modalità di guida sono: EV Drive, in cui il pacco batterie agli ioni di litio alimenta il propulsore elettrico e trasmette il movimento alle ruote con il motore a benzina spento, Hybrid Drive, in cui il motore a benzina alimenta il secondo motore/generatore che integra l’energia elettrica fornita dal pacco batterie ed infine Engine Drive, in cui è il motore a benzina a trasmettere il moto alle ruote. In pratica, il software di controllo del sistema i-MMD decide, a seconda delle condizioni di guida, quando passare da una modalità all’altra per massimizzare l’efficienza: ad esempio nella maggior parte delle situazioni di guida in città, la tecnologia i-MMD della nuova CR-V Hybrid provvede a passare in maniera automatica dalla modalità Hybrid Drive a quella EV Drive, e viceversa, per ottimizzare l’efficienza. Nella modalità Hybrid Drive, l’energia in eccesso prodotta dal motore a benzina può essere sfruttata per ricaricare le batterie attraverso il generatore. Infine, la modalità Engine Drive interviene in caso di guida in autostrada ed in generale alle alte velocità.

Debutta il Driver Information Interface

Dato che i passaggi da una modalità di guida all’altra sono completamente automatici, Honda ha pensato bene di dotare la sua nuova CR-V di un display inserito nella plancia dotato di Interfaccia di Informazione del Conducente (DII, Driver Information Interface) utile a mostrare lo stato di guida al guidatore per fargli comprendere la combinazione di fonti di energia che di volta in volta alimentano la CR-V Hybrid. Inoltre il display può essere usato anche per conoscere il livello di carica della batteria agli ioni di litio, un grafico del flusso di energia in uso e lo stato di ricarica del sistema.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati