Ferrari Portofino, seduzione rossa tra i grattacieli di Dubai [VIDEO]

Supercar GT spinta dal V8 turbo da 600 CV

La Gran Turismo coupé-cabriolet del Cavallino si mette in mostra esaltando forme, fascino e potenza tra gli imponenti e lussuosi edifici che caratterizzano lo skyline di Dubai.
Ferrari Portofino, seduzione rossa tra i grattacieli di Dubai [VIDEO]

Nel nuovo video rilasciato dal Cavallino Rampante la Ferrari Portofino si muove con fascino e leggiadria tra le strade delle lussuosa Dubai, dove gli sfarzosi e imponenti grattacieli fanno da sfondo all’eleganza della nuova Gran Turismo che la Casa di Maranello ha presentato un anno fa al Salone di Francoforte.

La Ferrari Portofino è una GT che unisce il design più puro del Cavallino con la versatilità e lo spirito libero di una convertibile. La “open air” della Rosa, dotata di tetto rigido retrattile, baule capiente e abitabilità di buon livello, si arricchisce anche di due posti posteriori utilizzabili per breve percorrenze.

All’estetica mozzafiato delle forme della carrozzeria da coupé-cabriolet, la Ferrari Portofino aggiunge la potenza della motorizzazione che nasconde sotto il cofano. La supercar del Cavallino è equipaggiata con il potente motore V8 turbo da 600 CV e 760 Nm di coppia massima. Una spinta in grado di assicurare alla Portofino un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi e una velocità massima raggiungibile di 320 km/h.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati

    Auto

    Maradona e la storia della sua Ferrari Testarossa nera

    Venduta all'asta nel 2014 per 250.000 euro gli fu regalata da Ferlaino per la vittoria del Mondiale del 1986
    Il più grande calciatore di tutti i tempi ci ha lasciati. Ieri pomeriggio la terribile notizia verso le 16 dall’Argentina