WP_Post Object ( [ID] => 560934 [post_author] => 70 [post_date] => 2018-09-28 15:52:34 [post_date_gmt] => 2018-09-28 13:52:34 [post_content] => La mobilità sta cambiando rapidamente e l’acquisto di una vettura non spesso è più una necessità, in particolare nelle città, ma le persone hanno sempre più la tendenza a ricorrere ad altre formule, come il noleggio per un weekend, il car sharing, il veicolo da trasporto con conducente ed il car pooling. Senza dimenticare l’utilizzo di biciclette o scooter, anche condivisi. La formula adottata dal Gruppo PSA è Free2Move, la piattaforma di mobilità presente in 33 città e 12 paesi.

Cosa offre la formula Free2Move

L’offerta di servizi di Free2Move è già utilizzata da circa tre milioni di clienti nel mondo e comprende operatori di car sharing privati (Emov a Madrid e a Lisbona, Communauto, Bluely a Lione e Bluecub a Bordeaux), operatori di noleggio tra privati (TravelCar, Koolicar), operatori di veicoli per il noleggio privato, veicoli con conducente (Uber, Clever Shuttle, AlloCab) oppure attraverso la rete di concessionari (Peugeot Rent, DS Rent e Citroën Rent&Smile).

Free2Move ed il futuro

L’applicazione Free2Move, come dicevamo, è presente in 33 città e 12 paesi, ma l’obiettivo è quello di crescere ulteriormente e diventare, entro il 2030, il fornitore di servizi di mobilità di riferimento per le persone, che possiedono o meno un veicolo, e per le aziende. Un progetto ambizioso, che avrà anche degli sviluppi a breve termine, con l’aumento del servizio di car-sharing negli Stati Uniti ed introducendone uno in Cina. Ma anche, nei prossimi anni, l’integrazione con altre modalità di trasporto già esistenti, come i trasporti pubblici o i taxi. [post_title] => Free2Move: la formula del Gruppo PSA per la ‘nuova’ mobilità [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => free2move-la-formula-del-gruppo-psa-per-la-nuova-mobilita [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-09-28 15:52:34 [post_modified_gmt] => 2018-09-28 13:52:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=560934 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Free2Move: la formula del Gruppo PSA per la ‘nuova’ mobilità

Dal car sharing ai veicoli con conducente

Free2Move è la formula per la mobilità presente e, soprattutto, futura del Gruppo PSA. E' già utilizzata da circa tre milioni di clienti nel mondo ed entro il 2030 vuole diventare il fornitore di servizi di mobilità per persone e aziende.
Free2Move: la formula del Gruppo PSA per la ‘nuova’ mobilità

La mobilità sta cambiando rapidamente e l’acquisto di una vettura non spesso è più una necessità, in particolare nelle città, ma le persone hanno sempre più la tendenza a ricorrere ad altre formule, come il noleggio per un weekend, il car sharing, il veicolo da trasporto con conducente ed il car pooling. Senza dimenticare l’utilizzo di biciclette o scooter, anche condivisi. La formula adottata dal Gruppo PSA è Free2Move, la piattaforma di mobilità presente in 33 città e 12 paesi.

Cosa offre la formula Free2Move

L’offerta di servizi di Free2Move è già utilizzata da circa tre milioni di clienti nel mondo e comprende operatori di car sharing privati (Emov a Madrid e a Lisbona, Communauto, Bluely a Lione e Bluecub a Bordeaux), operatori di noleggio tra privati (TravelCar, Koolicar), operatori di veicoli per il noleggio privato, veicoli con conducente (Uber, Clever Shuttle, AlloCab) oppure attraverso la rete di concessionari (Peugeot Rent, DS Rent e Citroën Rent&Smile).

Free2Move ed il futuro

L’applicazione Free2Move, come dicevamo, è presente in 33 città e 12 paesi, ma l’obiettivo è quello di crescere ulteriormente e diventare, entro il 2030, il fornitore di servizi di mobilità di riferimento per le persone, che possiedono o meno un veicolo, e per le aziende.

Un progetto ambizioso, che avrà anche degli sviluppi a breve termine, con l’aumento del servizio di car-sharing negli Stati Uniti ed introducendone uno in Cina. Ma anche, nei prossimi anni, l’integrazione con altre modalità di trasporto già esistenti, come i trasporti pubblici o i taxi.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati