Tesla, Elon Musk lascia la presidenza e paga 40 milioni di dollari di multa alla SEC

Tesla, Elon Musk lascia la presidenza e paga 40 milioni di dollari di multa alla SEC

Accordo di patteggiamento con la consob americana

L'accordo di patteggiamento prevede che Musk lasci la presidenza di Tesla, mantenendo però il ruolo di CEO. Inoltre l'imprenditore pagherà 20 milioni di dollari di multa, ai quali se ne aggiungono altri 20 milioni che pagherà l'azienda californiana.
Tesla, Elon Musk lascia la presidenza e paga 40 milioni di dollari di multa alla SEC

Addio alla presidenza di Tesla e multa di 40 milioni di dollari: tanto è costato ad Elon Musk il tweet scritto lo scorso 7 agosto e tutto ciò che ne è conseguito. Dopo le accuse della Securities and Exchange Commission (SEC), la consob americana, e l’indagine per frode avviata nei suoi confronti, Musk ha patteggiato.

Il patteggiamento

L’accordo di patteggiamento prevede che Musk lasci la presidenza di Tesla per almeno tre anni, ma potrà rimanere CEO della società californiana, oltre al pagamento di una multa di 40 milioni di dollari che sarà pagata per metà dall’imprenditore e per l’altra metà da Tesla. In più l’intesa prevede che il costruttore di auto elettriche osservi delle precise procedure nella comunicazione via Twitter.

Musk accusato di frode

Tutto era partito dal tweet di Musk del 7 agosto con il quale l’imprenditore annunciò la sua intenzione di effettuare un delisting di Tesla a 420 dollari per azione, assicurando sulla disponibilità dei fondi per la transazione. Un annuncio che aveva colto tutti di sorpresa e che molto hanno pensato si trattasse di uno scherzo, facendo leva sulla presenza del numero “420” che, nelle cultura della marijuana, indica proprio il fumare. Un’interpretazione condivisa anche dalla SEC che ha definito le parole di Musk false e ingannevoli: “le dichiarazioni, diffuse via Twitter, indicavano falsamente che se avesse voluto, sarebbe stato virtualmente in grado di operare un delisting di Tesla a un prezzo di acquisto che rifletteva un premio sostanziale rispetto ai livelli di Tesla, che i fondi per la transazione multi miliardaria erano assicurati e che l’unica mossa da attendere era il voto degli azionisti“.

Accusa di frode che era stata respinta da Musk che si era dichiarato “profondamente rattristato e deluso”, parlando di azione ingiustificata da parte delle autorità. Questo fino ad arrivare alla trattativa che ha portato all’accordo di patteggiamento che dovrà ora essere approvato dal tribunale.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati