Ford Mondeo: anche la wagon sarà ibrida a partire dal 2019

Verrà prodotta a Valencia, esclusivamente per l'Europa

La Ford Mondeo wagon diventerà anche ibrida, a partire dal 2019. Il marchio dell'Ovale Blu, infatti, ha annunciato il prossimo ingresso a listino di questa versione, che verrà prodotta nello stabilimento di Valencia.
Ford Mondeo: anche la wagon sarà ibrida a partire dal 2019

Prosegue l’elettrificazione in casa Ford: la Mondeo diventerà ibrida anche nella versione station wagon. L’annuncio è stato dato direttamente dalla casa dell’Ovale Blu e sarà un modello esclusivo per il mercato europeo. Questa versione sarà prodotta presso l’impianto spagnolo del marchio a Valencia ed arriverà nelle concessionarie del Vecchio Continente nel corso del 2019.

I motivi della scelta di una Mondeo wagon ibrida

Per molti clienti la praticità offerta da una wagon è assolutamente necessaria – le parole di Roleant de Waard, dirigente di Ford Europe – Siamo lieti, quindi, di annunciare che, dal prossimo anno, anche per loro sarà possibile ridurre le proprie spese di gestione, grazie alla Mondeo Hybrid wagon”.

Il marchio americano rilascerà le specifiche complete e i prezzi della gamma rinnovata di Mondeo Hybrid, a ridosso dell’ingresso sul mercato di questo modello. Tuttavia, dalla casa fanno sapere che “offrirà prestazioni migliorate in termini di consumi di carburante ed emissioni di CO2, un’alternativa convincente ai tradizionali propulsori diesel sia per le flotte sia per i clienti privati”.

Il motore della Ford Mondeo ibrida

La Mondeo ibrida è già disponibile nella sua configurazione berlina ed è spinta da motore a benzina 2.0 a ciclo Atkinson e da 2 motori elettrici che hanno compiti diversi: uno è propulsivo e trasferisce potenza alle ruote, l’altro è utilizzato per la ricarica rigenerativa delle batterie da 1,4 kWh, situate sotto i sedili posteriori. Il propulsore ibrido eroga 187 CV, supportato da una trasmissione automatica per un’ulteriore riduzione nei consumi di carburante.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati