Carburanti, da oggi in vigore i nuovi bollini d’etichettatura

Ecco i simboli che identificano benzina, diesel e gas

Debutta oggi la nuova etichettatura che identificherà, omogeneamente in tutta i Paesi dell'Ue, le tipologie di carburanti con i bollini che riportano le sigle che saranno applicati agli erogatori dei distributori e nei tappi dei serbatoi delle nuove auto.
Carburanti, da oggi in vigore i nuovi bollini d’etichettatura

Da oggi 12 ottobre entrano in vigore le nuove etichettature dei carburanti, uniformate in tutti i Paesi dell’Unione Europea. Se sbagliare pompa al distributore era già alquanto complicato, d’ora in avanti lo sarà ancora di più, soprattutto quando ci si reca all’estero (all’interno dei confini europei), grazie ad un nuovo sistema di riconoscimento fatto dei simboli raffigurati sui nuovi bollini che saranno applicati alle pompe di rifornimento dei distributore e sui tappi dei serbatoi delle auto nuove.

A ogni carburante una sigla

Già a partire dalla forma del bollino la riconoscibilità del tipo di carburante è immediata: rotonda per la benzina, quadrata per il diesel e a rombo per i combustibili gassosi. I bollini riportano poi le sigle con la lettera E a identificare la benzina, la lettera B per il diesel, CNG per il metano, LNG per il gas naturale liquefatto (metano liquido), LPG per il gas di petrolio liquefatto (ovvero il GPL), XTL per il gasolio sintetico e H2 per l’idrogeno.

I numeri per la percentuale di componenti

Accanto alla lettera c’è un numero progressivo che indica la percentuale di componenti. Ad esempio la sigla E5 identifica la benzina con alcol etanolo pari al 5%, E10 per il 10% e così via. Sui carburanti diesel il numero dopo la lettera B fa riferimento alla percentuale di biodiesel, così troveremo B7, B10 (rispettivamente con 7 e 10% di biodesel) oppure B100 che indica il biodiesel puro.

Leggi altri articoli in Carburanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati