WP_Post Object ( [ID] => 567726 [post_author] => 24 [post_date] => 2018-10-18 16:28:10 [post_date_gmt] => 2018-10-18 14:28:10 [post_content] => Il prossimo anno Opel festeggerà i 120 anni di produzione automobilistica. Era infatti il 1899, quattro anni dopo la morte di Adam Opel, fondatore della società, che Sophie Opel decide di ascoltare il consiglio dei figli Carl, Wilhelm e Friedrich e avvia la produzione di automobili.

Tecnologia tedesca per tutti

L'epopea Opel inizia in un garage di Rüsselsheim am Main con 65 Opel Patentmotorwagen "System Lutzmann" fatte a mano, che poi diventeranno un fenomeno di massa con oltre 70 milioni di veicoli costruiti fino a oggi. Nei suoi primati Opel può vantare di essere il primo costruttore tedesco a introdurre la catena di montaggio nel 1924. Successivamente godono di successo le versioni della Opel 4 PS, mentre negli anni Trenta debuttano la Opel P4 e la Kadett, modelli che rendono la tecnologia tedesca accessibile a tutti. Così come più avanti farà anche la prima dream car per tutti, la sportiva Opel GT, lanciata nel 1968.

Crescita continua

Nel corso della sua storia Opel ha un ruolo da leader in diversi segmenti con modelli come Kadett, Rekord e Kapitan che caratterizzano il periodo della ricostruzione e gli anni del miracolo economico. Più avanti sarà il turno di icone di stile come Opel GT, Manta e Monza. Negli anni '80 e '90 sono modelli come Corsa, Astra e Zafira a raggiungere i vertici delle classifiche di vendita. Dopo la caduta del muro di Berlino Opel diventa ancora più popolare, così tra il 1991 e il 1998 vengono prodotte 4,2 milioni di unità della Astra prima serie, modello del marchio più venduto di sempre.

Oggi come allora: innovazione accessibile

Ancora oggi, con la gamma attualmente sul mercato, Opel resta fedele alla sua visione di democratizzazione della mobilità, offrendo tecnologie solitamente presenti su costose vetture premium. Un esempio sono i fari IntelliLux LED a matrice disponibili su Astra e Insignia, così come i sedili ergonomici certificati AGR presenti su numerosi modelli o l'ampia gamma di sistemi di assistenza che assicurano maggiore sicurezza e comfort presenti su tutte le vetture del marchio. [post_title] => Opel si prepara alla festa per 120 anni di automobili [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => opel-si-prepara-alla-festa-per-120-anni-di-automobili-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-10-18 16:28:10 [post_modified_gmt] => 2018-10-18 14:28:10 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=567726 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Opel si prepara alla festa per 120 anni di automobili [FOTO]

Il Fulmine "Made in Germany" dal 1899

Il prossimo anno Opel celebra i 120 anni di automobili, una storia partita nel lontano 1899 e arrivata sino ad oggi all'insegna della tecnologia, della perseveranza e dell'innovazione.

Il prossimo anno Opel festeggerà i 120 anni di produzione automobilistica. Era infatti il 1899, quattro anni dopo la morte di Adam Opel, fondatore della società, che Sophie Opel decide di ascoltare il consiglio dei figli Carl, Wilhelm e Friedrich e avvia la produzione di automobili.

Tecnologia tedesca per tutti

L’epopea Opel inizia in un garage di Rüsselsheim am Main con 65 Opel Patentmotorwagen “System Lutzmann” fatte a mano, che poi diventeranno un fenomeno di massa con oltre 70 milioni di veicoli costruiti fino a oggi. Nei suoi primati Opel può vantare di essere il primo costruttore tedesco a introdurre la catena di montaggio nel 1924. Successivamente godono di successo le versioni della Opel 4 PS, mentre negli anni Trenta debuttano la Opel P4 e la Kadett, modelli che rendono la tecnologia tedesca accessibile a tutti. Così come più avanti farà anche la prima dream car per tutti, la sportiva Opel GT, lanciata nel 1968.

Crescita continua

Nel corso della sua storia Opel ha un ruolo da leader in diversi segmenti con modelli come Kadett, Rekord e Kapitan che caratterizzano il periodo della ricostruzione e gli anni del miracolo economico. Più avanti sarà il turno di icone di stile come Opel GT, Manta e Monza. Negli anni ’80 e ’90 sono modelli come Corsa, Astra e Zafira a raggiungere i vertici delle classifiche di vendita. Dopo la caduta del muro di Berlino Opel diventa ancora più popolare, così tra il 1991 e il 1998 vengono prodotte 4,2 milioni di unità della Astra prima serie, modello del marchio più venduto di sempre.

Oggi come allora: innovazione accessibile

Ancora oggi, con la gamma attualmente sul mercato, Opel resta fedele alla sua visione di democratizzazione della mobilità, offrendo tecnologie solitamente presenti su costose vetture premium. Un esempio sono i fari IntelliLux LED a matrice disponibili su Astra e Insignia, così come i sedili ergonomici certificati AGR presenti su numerosi modelli o l’ampia gamma di sistemi di assistenza che assicurano maggiore sicurezza e comfort presenti su tutte le vetture del marchio.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati