BMW estende il richiamo a 1,6 milioni di auto diesel per il rischio incendio

La Casa bavarese: "Misura a scopo precauzionale"

BMW allarga il richiamo di quest'estate coinvolgendo 1,6 milioni di veicoli diesel per il rischio incendio derivante da un possibile difetto al sistema di climatizzazione dell'aria.
BMW estende il richiamo a 1,6 milioni di auto diesel per il rischio incendio

Dopo il richiamo dello scorso agosto, che aveva riguardando oltre 320.000 vetture diesel sul mercato europeo, BMW ha esteso la misura coinvolgendo ora 1,6 milioni di auto diesel. Il motivo del richiamo è lo stesso di quest’estate, ovvero il rischio di incendio a causa di un difetto del sistema di condizionamento dell’aria. 

Pericolo incendio

La corsa ai ripari della Casa bavarese era iniziata nei primi di agosto con il richiamo di 100.000 veicoli in Corea del Sud, poi seguiti da un ulteriore richiamo di 324.000 auto in Europa. Il problema che ha determinato il provvedimento riguarda il modulo di ricircolo dei gas di scarico EGR con la possibilità che liquidi di refrigerazione dell’impianto di climatizzazione possano fuoriuscire e mescolarsi a residui di olio o carbonio. Una miscela questa che, diventando un combustibile, ad alte temperature potrebbe scatenare le fiamme e provocare un incendio.

Misura precauzionale

BMW ora interviene in maniera più estesa, a titolo comunque precauzionale, ampliando la platea dei veicoli interessanti dal primo richiamo. Il costruttore di Monaco di Baviera spiega che “nell’ambito di ulteriori indagini su motori con una configurazione tecnica simile, il gruppo BMW ha identificato casi isolati di veicoli che non erano stati inclusi fin dall’inizio”. Per il momento non sono stati diffusi i dettagli sui modelli coinvolti che sono comunque tra quelli prodotti tra agosto del 2010 e agosto del 2017.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati