Hyundai e Kia introdurranno i pannelli solari su alcuni modelli

Integrati su tetto e cofano forniranno energia aggiuntiva

Tra poco più di un anno Hyundai e Kia lanceranno i primi modelli che integreranno le tecnologie di ricarica solare attraverso l'applicazione di pannelli su cofano e tetto delle vetture.
Hyundai e Kia introdurranno i pannelli solari su alcuni modelli

Hyundai e Kia prevedono di introdurre, dopo il 2019, tecnologie di ricarica con pannelli solari su alcuni dei loro modelli.

Forniranno energia elettrica aggiuntiva

Le due Case automobilistiche sudcoreane hanno sviluppato dei pannelli solari generatori di elettricità che possono essere integrati nel tetto o nel cofano dei veicoli, ed essere così utilizzati per fornire energia elettrica aggiuntiva sulle vetture a combustione interna, ibride ed elettriche. Al momento sono tre i sistemi di ricarica solare in fase di sviluppo: quelli in silicio di prima generazione, quelli con pannelli semi-trasparenti di seconda generazione e quelli con con pannelli leggeri di terza generazione.

Tre generazioni di sistemi di ricarica solare

Il primo di questi sarà utilizzato da vetture ibride e consiste in pannelli solari in silicio che vengono normalmente montati sul tetto dell’auto. A seconda delle condizioni meteorologiche, questo sistema può ricaricare la batteria di un veicolo tra il 30 e il 60% in un giorno. Per quanto riguarda i pannelli solari semi-trasparenti di seconda generazione, questi saranno usati soltanto sui veicoli con motore a combustione interna, applicandoli al tetto panoramico, contribuendo così alla riduzione delle emissioni di CO2. Ultimo, ma non meno importante, è il sistema solar-lid con pannelli leggeri di terza generazione che prevede l’applicazione su cofano e tetto dell’auto.

Hyundai e Kia non hanno ancora specificato quali saranno i loro primi modelli a ricevere la nuove tecnologie di ricarica solare, che in ogni caso saranno lanciati sul mercato non prima del 2020.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati