WP_Post Object ( [ID] => 572828 [post_author] => 24 [post_date] => 2018-11-05 19:32:46 [post_date_gmt] => 2018-11-05 18:32:46 [post_content] => Sin dal momento del debutto dell'Alfa Romeo Giulia addetti ai lavori e appassionati hanno riservato sempre un certa attenzione al confronto e al paragone diretto con le rivali tedesche. Sulla stessa lunghezza d'onda, con un pizzico d'irriverenza e sfrontatezza in più, Alfa Romeo USA ha realizzato una campagna marketing che si fonda sulla pubblicità comparativa, particolarmente diffusa negli Stati Uniti, che chiama in causa Audi, BMW e Mercedes.

Tre personaggi desiderosi della Giulia

Da questa nuova campagna del marchio del Biscione nascono i tre spot video, che trovi qui sopra e qui di seguito, che hanno per protagonisti tre personaggi accomunati da un unico scopo: vendere la loro berlina tedesca per mettersi alla guida dell'Alfa Romeo Giulia. Così negli spot troviamo Dan che parla della sua Audi A4, elogiandone la tecnologia, perfetta per il business con e-mail, messaggi e internet, ma che resta "solo" una macchina e dunque se ne vuole liberare per comprare la Giulia. Nel secondo spot c'è Doug a elencare i comfort lussuosi della BMW Serie 3, dai sedili riscaldabili all'impianto audio passando per i morbidi tappetini, ma anche lui ha in testa solo la berlina di Arese. A concludere il terzetto di pubblicità c'è lo spoto con protagonista Shawn che cerca di vendere la sua Mercedes Classe C, nonostante sia così intelligente da frenare da sola, svegliarti se ti addormenti o guidarti fino a destinazione, perché anche lui ha voglia di un'auto che emozioni.

Il fattore emozione per scalare le vendite

Puntando proprio sul "fattore emozione" Alfa Romeo USA lancia così il guanto di sfida diretto alle "fredde" concorrenti tedesche. Inoltre chiamando il numero di telefono che appare in sovrimpressione negli spot rispondono i tre personaggi protagonisti delle tre pubblicità che invitano a visitare il sito web di Alfa Romeo Giulia. Precisando che tutte e tre le vetture tedesche utilizzate negli spot sono le versioni precedenti alle ultime lanciate, il marchio di Arese tenta anche così di scalare la classifica di vendite della Giulia sul mercato americano dove, stando ai dati dei primi sei mesi del 2018, ha parecchio terreno da recuperare sulle rivali: Giulia 6.362 unità, Audi A4 18.142, BMW Serie 3 24.180 e Mercedes Classe C 29.659. [post_title] => Alfa Romeo Giulia, gli spot irriverenti che chiamano in causa Audi, BMW e Mercedes [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => alfa-romeo-giulia-gli-spot-irriverenti-che-chiamano-in-causa-audi-bmw-e-mercedes-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-11-05 19:33:50 [post_modified_gmt] => 2018-11-05 18:33:50 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=572828 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Alfa Romeo Giulia, gli spot irriverenti che chiamano in causa Audi, BMW e Mercedes [VIDEO]

Il Biscione prende in giro le rivali tedesche

Alfa Romeo USA ha realizzato tre spot con protagonisti tre personaggi che vogliono vendere la loro berlina tedesca, Audi A4, BMW Serie 3 e Mercedes Classe C per mettersi alla guida di auto in grado di emozionare come la Giulia.
Alfa Romeo Giulia, gli spot irriverenti che chiamano in causa Audi, BMW e Mercedes [VIDEO]

Sin dal momento del debutto dell’Alfa Romeo Giulia addetti ai lavori e appassionati hanno riservato sempre un certa attenzione al confronto e al paragone diretto con le rivali tedesche. Sulla stessa lunghezza d’onda, con un pizzico d’irriverenza e sfrontatezza in più, Alfa Romeo USA ha realizzato una campagna marketing che si fonda sulla pubblicità comparativa, particolarmente diffusa negli Stati Uniti, che chiama in causa Audi, BMW e Mercedes.

Tre personaggi desiderosi della Giulia

Da questa nuova campagna del marchio del Biscione nascono i tre spot video, che trovi qui sopra e qui di seguito, che hanno per protagonisti tre personaggi accomunati da un unico scopo: vendere la loro berlina tedesca per mettersi alla guida dell’Alfa Romeo Giulia.

Così negli spot troviamo Dan che parla della sua Audi A4, elogiandone la tecnologia, perfetta per il business con e-mail, messaggi e internet, ma che resta “solo” una macchina e dunque se ne vuole liberare per comprare la Giulia. Nel secondo spot c’è Doug a elencare i comfort lussuosi della BMW Serie 3, dai sedili riscaldabili all’impianto audio passando per i morbidi tappetini, ma anche lui ha in testa solo la berlina di Arese. A concludere il terzetto di pubblicità c’è lo spoto con protagonista Shawn che cerca di vendere la sua Mercedes Classe C, nonostante sia così intelligente da frenare da sola, svegliarti se ti addormenti o guidarti fino a destinazione, perché anche lui ha voglia di un’auto che emozioni.

Il fattore emozione per scalare le vendite

Puntando proprio sul “fattore emozione” Alfa Romeo USA lancia così il guanto di sfida diretto alle “fredde” concorrenti tedesche. Inoltre chiamando il numero di telefono che appare in sovrimpressione negli spot rispondono i tre personaggi protagonisti delle tre pubblicità che invitano a visitare il sito web di Alfa Romeo Giulia.

Precisando che tutte e tre le vetture tedesche utilizzate negli spot sono le versioni precedenti alle ultime lanciate, il marchio di Arese tenta anche così di scalare la classifica di vendite della Giulia sul mercato americano dove, stando ai dati dei primi sei mesi del 2018, ha parecchio terreno da recuperare sulle rivali: Giulia 6.362 unità, Audi A4 18.142, BMW Serie 3 24.180 e Mercedes Classe C 29.659.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati