Hyundai lancia i nuovi ecoincentivi in abbinamento all’operazione Doppio Zero

Bonus fino a 1.000 in caso di permuta o rottamazione

Hyundai Italia propone da novembre i nuovi ecoincentivi che, insieme all'operazione Doppio Zero, permettono al cliente di ottenere un consistente vantaggio cliente sull'acquisto di uno dei nuovi modelli del marchio sudcoreano.
Hyundai lancia i nuovi ecoincentivi in abbinamento all’operazione Doppio Zero

A partire dal mese di novembre Hyundai Italia mette a disposizione i nuovi ecoincentivi in abbinamento all’operazione Doppio Zero. Chi acquista una nuova auto con il vantaggioso finanziamento a zero rate per due anni e a zero interessi proposto dalla Casa sudcoreana potrà beneficiare del bonus fino a 1.000 euro legato alla permuta/rottamazione di un veicolo appartenenti alle classi inquinanti da Euro 0 a Euro 4.

Vantaggio cliente consistente su diversi modelli

L’operazione Doppio Zero, che al termine dei due anni offre al cliente la possibilità di tenere, sostituire o restituire la vettura, coinvolge l’intera gamma di Hyundai: Tucson, Kona, Santa Fe, i20, i30, i10 e Ioniq. Il vantaggio cliente è ad esempio di 5.250 euro, con un anticipo di 9.427 euro, sull’acquisto della nuova Hyundai Tucson Xtech 1.6 CRDi 115 CV proposta a 22.450 euro. Risparmio che sale a 5.500 euro sulla nuova Santa Fe Xprime 2.2 CRDi 200 CV offerta a 46.950 euro. La Kona Classic 1.6 CRDi 115 CV viene proposta a 17.500 euro, con un vantaggio cliente di 4.750 euro. Nell’offerta rientra anche la i20 cinque porte Advanced con motore da 75 CV disponibile a 9.350 euro con un vantaggio cliente di 5.550 euro. Risparmio che è di 5.250 e 5.300 euro rispettivamente su gamma Ioniq e i30.

Tre week-end di porte aperte

Per dare l’opportunità ai clienti di conoscere le nuove soluzioni di acquisto, Hyundai ha organizzato tre porte aperte in cui sarà possibile provare tutta la nuova gamma del marchio sudcoreano: gli open weekend presso gli showroom Hyundai di tutta Italia sono previsti nei giorni 10-11, 17-18 e 24-25 novembre.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati