McLaren: inaugurato il nuovo Composites Technolgy Centre per la lavorazione della fibra di carbonio

E' il secondo impianto di produzione di McLaren Automotive che ha investito per questo sito 50 milioni di sterline

Il nuovo McLaren Composites Technology Centre ha l’obiettivo di diventare il riferimento mondiale per l’innovazione della fibra di carbonio e di materiali compositi
McLaren: inaugurato il nuovo Composites Technolgy Centre per la lavorazione della fibra di carbonio

Durante il Goodwood Festival of Speed 2018 della scorsa estate, McLaren presentò l’ambizioso piano aziendale Track25: il business plan prevedeva un investimento di ben 1.2 miliardi di sterline in ricerca e sviluppo al fine di produrre 18 nuove supercar o derivate entro la fine del 2025. Nella fattispecie, durante la presentazione, era stato rimarcato più volte il vantaggio competitivo di cui avrebbero goduto le future supercar costruite a Woking rispetto alla concorrenza: l’estrema leggerezza garantita dall’ampio utilizzo della fibra di carbonio ed in generale da materiali compositi leggeri. La fibra di carbonio è parte del DNA McLaren: non a caso il costruttore inglese ebbe modo di introdurre il primo telaio in fibra di carbonio nel 1981 su una monoposto di Formula 1. Da allora, precisamente nell’ambito delle vetture stradali, dal 1993 quando il costruttore di Woking diede vita alla iconica F1 con telaio in fibra di carbonio, le proprietà innate della fibra di carbonio, ossia resistenza e leggerezza, hanno portato anche McLaren Automotive a costruire tutte le proprie supercar avvalendosi di tale soluzione.

Obiettivo: diventare un leader mondiale nella lavorazione della fibra di carbonio

In tal contesto, la casa costruttrice inglese ha dato vita al nuovo McLaren Composites Technology Centre (MCTC) con l’ambizioso obiettivo di affermarsi come leader mondiale per l’innovazione della lavorazione della fibra di carbonio e di materiali compositi leggeri. La scelta di scommettere su questo materiale da parte di McLaren è data dal fatto di voler sviluppare in futuro supercar sempre più leggere a tutto vantaggio delle performance. Il progetto del nuovo impianto MCTC fu annunciato per la prima volta nello scorso mese di febbraio del 2017, mentre la costruzione ebbe iniziò dopo soli cinque mesi dall’annuncio. Oggi, dopo soli sei mesi necessari per l’allestimento, il nuovo McLaren Composites Technology Centre è diventata la prima struttura realizzata dall’azienda inglese al di fuori dell’area storica del Surrey. Costruito su un vecchio sito di una miniera di carbone, l’inaugurazione del nuovo Centro di ben 7.000 metri quadrati darà lavoro ad oltre 200 persone che verranno coinvolte nella produzione di vasche in fibra di carbonio che, una volta prodotte, saranno in seguito inviate al McLaren Production Centre di Woking nel Surrey per l’assemblamento finale.

Nel nuovo impianto è già iniziata la produzione di vasche di carbonio per le future McLaren

Nell’occasione dell’inaugurazione, McLaren ha fatto sapere che all’interno del nuovo sito è già iniziata la fase di prototipia delle vasche in fibra di carbonio di nuova generazione che andranno ad equipaggiare le McLaren del futuro. Mike Flewitt, Chief Exectuvie Officer di McLaren Automotive, nel suo discorso di presentazione del nuovo sito ha dichiarato: “E’ una pietra miliare importante per noi come azienda pioneristica e innovatrice e ci permette di poter approfittare della grande energia, vitalità e abilità che questa parte del mondo può offrire. Quello che succede qui al MCTC sarà di vitale importanza per la nostra capacità di crescita e la nostra intenzione di continuare a sviluppare e creare le automobili più leggere della categoria. Sono convinto che la Gran Bretagna tramite strutture come questa possa diventare un leader mondiale nella tecnologia dei materiale leggeri che contribuiranno alla produzione nel futuro prossimo di vetture ancor più efficienti.”

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati