Pneumatici, conservarli in un posto fresco, asciutto e buio ne allunga la vita media

I consigli di Nokian Tyres sulla corretta conservazione

Su come conservare gli pneumatici il produttore Nokian Tyres fornisce alcuni utili suggerimenti che permettono di allungare la loro durata di vita.
Pneumatici, conservarli in un posto fresco, asciutto e buio ne allunga la vita media

Ieri è entrato in vigore l’obbligo relativo ai pneumatici invernali. Di conseguenza tanti automobilisti in questi giorni hanno dovuto fare i conti con il problema di dove depositare gli pneumatici estivi. Nokian Tyers, noto e affermato produttore di pneumatici dà alcuni consigli sulle modalità di conservazione delle gomme estive per estenderne la durata di vita. Nel conservare gli pneumatici è importante proteggerli da umidità, sostanze chimiche e radiazioni UV.

Conservazione pneumatici: temperatura sotto i 15° C

La scelta più consigliata dove conservare gli pneumatici estivi è quella di un deposito ad hoc. Tuttavia se si ha la possibilità e si sceglie di tenerli in garage, nel seminterrato, sul balcone o in altro luogo, la prima cosa da valutare è la temperatura dell’ambiente. Secondo Martin Drazik, product manager di Nokian Tyres Central Europe, la corretta temperatura di stoccaggio è il fattore più rilevante.

Drazik spiega che tempo fa era consuetudine per molti conservare gli pneumatici vicino alle caldaie del riscaldamento. Una posizione eccessivamente calda, con il calore che provoca effettivi negativi sui composti di gomma, con lo pneumatico che inizierà ad asciugarsi, indurirsi e sviluppare crepe. Oltre al rischio di poter addirittura bruciare.

Conservazione pneumatici: ambiente protetto dalla luce del sole

I pneumatici vanno invece conservati in un posto fresco, con temperatura sotto i 15° C, dove questi rimangono asciutti. L’ideale è uno spazio che sia anche buio e ben protetto dalla luce del sole, considerando che anche le radiazioni UV incidono sulla durata dello pneumatici. Per tale motivo il luogo ideale per la conservazione degli pneumatici è quella dei depositi ad hoc che, oltre a rispettare le condizioni ideali per allungarne la durata, risolvono anche il problema dello spazio, per molti tutt’altro che secondario.

Il product manager di Nokian Tyres spiega che un’adeguata conservazione di uno pneumatico di alta qualità gli permette una durata fino a sei anni. In ogni caso non bisognerebbe utilizzare gli pneumatici che hanno più di dieci anni da quando sono stati fabbricati. La data di produzione della gomma è impressa sulla sua superficie con un numero a quattro cifre: le prime due indicano la settimana di produzione, mentre le seconde l’anno.

Conservazione pneumatici: lavarli e asciugarli accuratamente

Alle raccomandazioni sulla conservazione degli pneumatici, validi per quelli estivi come per quelli invernali, si aggiungono quelle relative alla pulizia e al lavaggio. Bisogna fare attenzione all’utilizzo di idropulitrici troppo potenti che possono danneggiare la gomma. Durante il lavaggio, dopo aver rimosso manualmente le pietre più grandi dalle scanalature, è importante mantenere il punto di pressione dell’acqua ad adeguata distanza dallo pneumatico. Prima di riporre gli pneumatici nel luogo di conservazione, è bene assicurarsi che siano totalmente asciutti.

Conservazione pneumatici: no al contatto con sostanza chimiche

Altro aspetto fondamentale è assicurarsi che gli pneumatici, nel loro stoccaggio, non vengano a contatto con oli, solventi o altri prodotti chimici. In tal caso un’adeguata misura precauzionale è l’acquisto di borse protettive per pneumatici. Inoltre sugli pneumatici impilati uno sopra l’altro non devono essere poggiate altre cose, mentre se sono poggiati sopra ad altre cose è consigliato aumentare leggermente la pressione prima di conservarli, dal momento che lo pneumatico che si trova sotto ha un peso importante da sostenere.

In sintesi questo il vademecum sulla corretta conservazione degli pneumatici:

  • Controllare l’età degli pneumatici e acquistarne di nuovi al più tardi ogni 6-10 anni;
  • Controllare la condizione del battistrada e rimuovere ogni sassolino più grande dalle scanalature;
  • Lavare gli pneumatici e lasciarli asciugare completamente prima di conservarli;
  • Conservare gli pneumatici in un luogo fresco e asciutto;
  • Proteggere gli pneumatici dalla luce del sole e da agenti chimici;
  • Per una maggiore tranquillità, lasciare il lavoro ad un deposito di pneumatici professionale.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati