WP_Post Object ( [ID] => 576285 [post_author] => 24 [post_date] => 2018-11-19 13:06:59 [post_date_gmt] => 2018-11-19 12:06:59 [post_content] => Carlos Ghosn, presidente dell'Alleanza Nissan-Renault-Mitsubishi, è stato arrestato a Tokyo. Un fulmine a ciel sereno quello che in queste ore si è abbattuto al vertice del Gruppo automobilistico. Stando a quanto emerso fin qui da indiscrezioni di stampa, il manager avrebbe portato avanti per anni una condotta illecita fornendo informazioni false sul proprio compenso e sui bilanci aziendali.

Carlos Ghosn: uso di proprietà aziendali per scopi personali

Nissan ha immediatamente annunciato che Ghosn sarà licenziato e con una nota ha confermato che ha fornito agli inquirenti giapponesi tutte le informazioni richieste, sottolineando la piena collaborazione alle indagini, e che continuerà a farlo per far luce sulla vicenda. Da quanto emerso da un'indagine interna di Nissan, così come confermato dalla stessa Casa automobilistica, il presidente "per molti anni ha riportato un reddito inferiore all'importo effettivo". A questo si aggiungono anche ulteriori illeciti e pratiche scorrette, sempre scoperte dall'indagine interna di Nissan, come "l'uso di proprietà aziendali per scopi personali".

Carlos Ghosn: calo in Borsa di Renault

Prendendo le distanze da quanto emerso e sta emergendo in queste ore, Hiroto Saikawa, delfino di Ghosn dal 2017 alla guida di Nissan, ha dichiarato che proporrà al CdA l'immediata rimozione di Ghosn dalla sue funzioni di presidente e direttore generale. Nel frattempo la notizia ha provocato già effetti importanti in Borsa. Mentre Nissan, prima della diffusione della notizia ha chiuso a Tokyo con un lieve ribasso dello 0,45%, alla Borsa di Parigi il titolo di Renault è arrivato a cedere fino alla doppia cifra. Ghosn, 64 anni, da diversi anni è alla guida dell'Alleanza Renault-Nissan, da poco allargata con l'arrivo di Mitsubishi. La società nel 2017  è arrivata fino al primo posto tra i costruttori mondiali per numero di auto e veicoli commerciali venduti nel mondo, facendo meglio del Gruppo Volkswagen e di Toyota. [post_title] => Nissan-Renault, il presidente Carlos Ghosn arrestato per condotta illecita. Il gruppo: "Verrà licenziato" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nissan-renault-il-presidente-carlos-ghosn-arrestato-per-condotta-illecita-il-gruppo-verra-licenziato [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-11-19 13:06:59 [post_modified_gmt] => 2018-11-19 12:06:59 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=576285 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nissan-Renault, il presidente Carlos Ghosn arrestato per condotta illecita. Il gruppo: “Verrà licenziato”

Ghosn avrebbe mentito sul suo compenso e sui bilanci aziendali

Carlos Ghosn, presidente dell'Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, è stato arrestato a Tokyo con l'accusa di frode e illecito. Nissan ha annunciato che sarà licenziato. Forte calo in Borsa a Parigi per Renault.
Nissan-Renault, il presidente Carlos Ghosn arrestato per condotta illecita. Il gruppo: “Verrà licenziato”

Carlos Ghosn, presidente dell’Alleanza Nissan-Renault-Mitsubishi, è stato arrestato a Tokyo. Un fulmine a ciel sereno quello che in queste ore si è abbattuto al vertice del Gruppo automobilistico. Stando a quanto emerso fin qui da indiscrezioni di stampa, il manager avrebbe portato avanti per anni una condotta illecita fornendo informazioni false sul proprio compenso e sui bilanci aziendali.

Carlos Ghosn: uso di proprietà aziendali per scopi personali

Nissan ha immediatamente annunciato che Ghosn sarà licenziato e con una nota ha confermato che ha fornito agli inquirenti giapponesi tutte le informazioni richieste, sottolineando la piena collaborazione alle indagini, e che continuerà a farlo per far luce sulla vicenda. Da quanto emerso da un’indagine interna di Nissan, così come confermato dalla stessa Casa automobilistica, il presidente “per molti anni ha riportato un reddito inferiore all’importo effettivo”. A questo si aggiungono anche ulteriori illeciti e pratiche scorrette, sempre scoperte dall’indagine interna di Nissan, come “l’uso di proprietà aziendali per scopi personali”.

Carlos Ghosn: calo in Borsa di Renault

Prendendo le distanze da quanto emerso e sta emergendo in queste ore, Hiroto Saikawa, delfino di Ghosn dal 2017 alla guida di Nissan, ha dichiarato che proporrà al CdA l’immediata rimozione di Ghosn dalla sue funzioni di presidente e direttore generale.

Nel frattempo la notizia ha provocato già effetti importanti in Borsa. Mentre Nissan, prima della diffusione della notizia ha chiuso a Tokyo con un lieve ribasso dello 0,45%, alla Borsa di Parigi il titolo di Renault è arrivato a cedere fino alla doppia cifra.

Ghosn, 64 anni, da diversi anni è alla guida dell’Alleanza Renault-Nissan, da poco allargata con l’arrivo di Mitsubishi. La società nel 2017  è arrivata fino al primo posto tra i costruttori mondiali per numero di auto e veicoli commerciali venduti nel mondo, facendo meglio del Gruppo Volkswagen e di Toyota.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati