WP_Post Object ( [ID] => 576308 [post_author] => 40 [post_date] => 2018-11-19 16:52:39 [post_date_gmt] => 2018-11-19 15:52:39 [post_content] => "Confermo la data del 15 dicembre come inizio dei lavori per il ponte. Penso che riusciremo a farcela." Il sindaco di Genova e commissario straordinario per la ricostruzione, Marco Bucci, è intervenuto nuovamente sugli sviluppi della vicenda, dopo il crollo dello scorso 14 agosto che causò la morte di 43 persone.

Un impegno su più fronti

Interpellato nel corso della trasmissione "Che Tempo che Fa", il primo cittadino di Genova ha sottolineato la sua soddisfazione per la legge 109 (il cosiddetto "decreto Genova"), in particolare per la cifra legata a questa che ammonta a circa 900 milioni di euro. Il 15 dicembre risulta il possibile giorno della svolta, lo stesso suggerito in precedenza dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli. Nell'occasione, il titolare del Mit ipotizzava un possibile inizio della ricostruzione nel mese di aprile, qualora i tempi coincidano. Tra i temi figura anche il ruolo di Autostrade per l'Italia, chiamata a pagare i lavori di ricostruzione senza poter agire in prima persona. In proposito, il sindaco Bucci ha sottolineato che, una volta chiarito il quadro generale delle spese e dei costi, spedirà "una fattura, chiamiamola così" a società Autostrade che "avrà 30 giorni per pagare", ha aggiunto. Argomento altrettanto importante è quello degli sfollati, un altro aspetto su cui pone massima attenzione il commissario straordinario per la ricostruzione. In questo caso nell'arco di trenta giorni, ha chiarito durante il suo intervento, è prevista la partenza delle "pratiche di vendita e acquisto" di nuove abitazioni destinate alle persone colpite.

Un protocollo d'intesa per la città di Genova

In giornata, attraverso una nota congiunta, Gruppo Cassa depositi e prestiti, Fincantieri, Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, Snam e Terna hanno segnalato la sottoscrizione di un protocollo d'intesa con il commissario delegato per l'emergenza, Giovanni Toti, il commissario straordinario per la ricostruzione, Marco Bucci, la Regione Liguria, il Comune, l’Autorità del Sistema portuale del Mar Ligure Occidentale e la Finanziaria ligure per lo Sviluppo economico. Un protocollo a sostegno della ripresa economica di Genova e del suo territorio, è stato reso noto. Tra le diverse misure riferite al supporto finanziario a famiglie, imprese ed enti pubblici, nonché indirizzate all'emergenza abitativa come segnalano i colleghi del Secolo XIX, figura anche l'impegno tecnico dei citati soggetti. In particolare, come sottolineato: "Fincantieri fornirà il progetto per la realizzazione di un ponte in acciaio sul Polcevera per la viabilità alternativa e fornirà altresì il progetto per il potenziamento infrastrutturale del cantiere di Sestri Ponente". Affianco a questo, Gruppo FS Italiane opererà sul versante del trasporto pubblico locale anche ampliando, tenendo sempre in considerazione diversi parametri, le stesse di infrastrutture di interscambio per strade, ferrovie e zona portuale. Mentre Snam, da quanto emerge, si occuperà di impianti funzionali a una mobilità più sostenibile, tipo il biometano e stazioni di rifornimento di gas naturale compresso e liquefatto (Cng/Lng), nonché attività che possano abbattere le emissioni inquinanti nell’area del porto genovese, oltre ad altri aspetti legati a questa tematica. Il fronte energetico riguarda anche la stessa Terna, con un piano di interventi che accrescano la qualità della rete elettrica cittadina e ligure, così come un collaborazioni con l’Università degli Studi di Genova promuovendo ricerche e studi di settore. Foto: Vigili del Fuoco [post_title] => Ponte di Genova: inizio dei lavori prospettato per il 15 dicembre, un progetto da Fincantieri per la viabilità alternativa [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => ponte-di-genova-inizio-dei-lavori-prospettato-per-il-15-dicembre-un-progetto-da-fincantieri-per-la-viabilita-alternativa [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-11-23 11:18:06 [post_modified_gmt] => 2018-11-23 10:18:06 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=576308 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Ponte di Genova: inizio dei lavori prospettato per il 15 dicembre, un progetto da Fincantieri per la viabilità alternativa

Un viadotto realizzato in acciaio

Il sindaco del capoluogo ligure auspica una possibile partenza dei lavori a metà del prossimo mese, intanto Fincantieri firmerà il progetto di un ponte in acciaio, all'interno di un protocollo d'intesa che vede protagonisti più soggetti
Ponte di Genova: inizio dei lavori prospettato per il 15 dicembre, un progetto da Fincantieri per la viabilità alternativa

“Confermo la data del 15 dicembre come inizio dei lavori per il ponte. Penso che riusciremo a farcela.” Il sindaco di Genova e commissario straordinario per la ricostruzione, Marco Bucci, è intervenuto nuovamente sugli sviluppi della vicenda, dopo il crollo dello scorso 14 agosto che causò la morte di 43 persone.

Un impegno su più fronti

Interpellato nel corso della trasmissione “Che Tempo che Fa”, il primo cittadino di Genova ha sottolineato la sua soddisfazione per la legge 109 (il cosiddetto “decreto Genova”), in particolare per la cifra legata a questa che ammonta a circa 900 milioni di euro. Il 15 dicembre risulta il possibile giorno della svolta, lo stesso suggerito in precedenza dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli. Nell’occasione, il titolare del Mit ipotizzava un possibile inizio della ricostruzione nel mese di aprile, qualora i tempi coincidano.
Tra i temi figura anche il ruolo di Autostrade per l’Italia, chiamata a pagare i lavori di ricostruzione senza poter agire in prima persona. In proposito, il sindaco Bucci ha sottolineato che, una volta chiarito il quadro generale delle spese e dei costi, spedirà “una fattura, chiamiamola così” a società Autostrade che “avrà 30 giorni per pagare”, ha aggiunto.
Argomento altrettanto importante è quello degli sfollati, un altro aspetto su cui pone massima attenzione il commissario straordinario per la ricostruzione. In questo caso nell’arco di trenta giorni, ha chiarito durante il suo intervento, è prevista la partenza delle “pratiche di vendita e acquisto” di nuove abitazioni destinate alle persone colpite.

Un protocollo d’intesa per la città di Genova

In giornata, attraverso una nota congiunta, Gruppo Cassa depositi e prestiti, Fincantieri, Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, Snam e Terna hanno segnalato la sottoscrizione di un protocollo d’intesa con il commissario delegato per l’emergenza, Giovanni Toti, il commissario straordinario per la ricostruzione, Marco Bucci, la Regione Liguria, il Comune, l’Autorità del Sistema portuale del Mar Ligure Occidentale e la Finanziaria ligure per lo Sviluppo economico. Un protocollo a sostegno della ripresa economica di Genova e del suo territorio, è stato reso noto. Tra le diverse misure riferite al supporto finanziario a famiglie, imprese ed enti pubblici, nonché indirizzate all’emergenza abitativa come segnalano i colleghi del Secolo XIX, figura anche l’impegno tecnico dei citati soggetti. In particolare, come sottolineato: “Fincantieri fornirà il progetto per la realizzazione di un ponte in acciaio sul Polcevera per la viabilità alternativa e fornirà altresì il progetto per il potenziamento infrastrutturale del cantiere di Sestri Ponente”. Affianco a questo, Gruppo FS Italiane opererà sul versante del trasporto pubblico locale anche ampliando, tenendo sempre in considerazione diversi parametri, le stesse di infrastrutture di interscambio per strade, ferrovie e zona portuale. Mentre Snam, da quanto emerge, si occuperà di impianti funzionali a una mobilità più sostenibile, tipo il biometano e stazioni di rifornimento di gas naturale compresso e liquefatto (Cng/Lng), nonché attività che possano abbattere le emissioni inquinanti nell’area del porto genovese, oltre ad altri aspetti legati a questa tematica. Il fronte energetico riguarda anche la stessa Terna, con un piano di interventi che accrescano la qualità della rete elettrica cittadina e ligure, così come un collaborazioni con l’Università degli Studi di Genova promuovendo ricerche e studi di settore.

Foto: Vigili del Fuoco

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati