WP_Post Object ( [ID] => 578560 [post_author] => 24 [post_date] => 2018-11-26 18:50:34 [post_date_gmt] => 2018-11-26 17:50:34 [post_content] => Mentre Carlos Ghosn, manager brasiliano di origini libanesi arrestato in Giappone lo scorso lunedì, si dichiara innocente rispetto all'accusa di evasione fiscale per circa 10 miliardi di yen (78 milioni di euro) avanzata dai magistrati giapponesi, le Case automobilistiche dell'Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi finora sotto la sua guida stanno prendendo le loro contromisure.

Mitsubishi: Ghosn licenziato

Mitsubishi Motors ha deciso di licenziare Carlos Ghosn. Il consiglio di amministrazione del costruttore giapponese si è espresso a favore della rimozione del manager brasiliano dalle cariche di presidente e consigliere. Il marchio dei tre diamanti ha dunque seguito la stessa strada intrapresa da Nissan che già qualche giorno fa, in linea con quanto espresso dal CdA dell'azienda nipponica, aveva licenziato Ghosn destituendolo dalle cariche di presidente e consigliere. In Mitsubishi la presidenza è stata ora affidata Osamu Masuko, attuale amministratore delegato dell'azienda. Ghosn perde così il ruolo che gli era stato assegnato meno di due anni fa, quando Mitsubishi venne acquisita e salvata in seguito allo scandalo relativo alle false certificazioni sui consumi.

Mitsubishi: scelta in direzione opposta a Renault

Rispetto alle due Case giapponesi, Renault per il momento è stata più prudente, optando per una scelta diversa rispetto a Nissan e Mitsubishi: il marchio francese ha nominato dei delegati ad interim, Philippe Lagayette e Thierry Bolloré, per svolgere operativamente le funzioni esecutive del Gruppo, lasciando però formalmente a Ghosh gli incarichi di presidente e amministratore delegato, in attesa che le indagini facciano maggiore chiarezza sulla condotta del dirigente brasiliano.

Mitsubishi: il futuro dell'Alleanza

In questa situazione di decisioni contrastanti resta da decifrare il destino dell'Alleanza tra Renault, Nissan e Mitsubishi, questo nonostante le dichiarazioni di dirigenti delle tre Case e dei politici, tanto in Francia quanto in Giappone, convergano per il momento nel promettere il massimo impegno per salvaguardare la stabilità del sodalizio che ha portato l'Alleanza al vertice della classifica di vendite mondiali. [post_title] => Mitsubishi Motors rimuove Carlos Ghosn dalle cariche di presidente e consigliere [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mitsubishi-motors-rimuove-carlos-ghosn-dalle-cariche-di-presidente-e-consigliere [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-11-26 18:50:34 [post_modified_gmt] => 2018-11-26 17:50:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=578560 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mitsubishi Motors rimuove Carlos Ghosn dalle cariche di presidente e consigliere

Mitsubishi, come Nissan, destituisce Ghosn

Dopo Nissan, anche il consiglio di amministrazione di Mitsubishi Motors ha destituito Carlos Ghosn dagli incarichi di presidente e consigliere della Casa dei tre diamanti. La presidenza è stata affidata a Osamu Masuko.
Mitsubishi Motors rimuove Carlos Ghosn dalle cariche di presidente e consigliere

Mentre Carlos Ghosn, manager brasiliano di origini libanesi arrestato in Giappone lo scorso lunedì, si dichiara innocente rispetto all’accusa di evasione fiscale per circa 10 miliardi di yen (78 milioni di euro) avanzata dai magistrati giapponesi, le Case automobilistiche dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi finora sotto la sua guida stanno prendendo le loro contromisure.

Mitsubishi: Ghosn licenziato

Mitsubishi Motors ha deciso di licenziare Carlos Ghosn. Il consiglio di amministrazione del costruttore giapponese si è espresso a favore della rimozione del manager brasiliano dalle cariche di presidente e consigliere. Il marchio dei tre diamanti ha dunque seguito la stessa strada intrapresa da Nissan che già qualche giorno fa, in linea con quanto espresso dal CdA dell’azienda nipponica, aveva licenziato Ghosn destituendolo dalle cariche di presidente e consigliere.

In Mitsubishi la presidenza è stata ora affidata Osamu Masuko, attuale amministratore delegato dell’azienda. Ghosn perde così il ruolo che gli era stato assegnato meno di due anni fa, quando Mitsubishi venne acquisita e salvata in seguito allo scandalo relativo alle false certificazioni sui consumi.

Mitsubishi: scelta in direzione opposta a Renault

Rispetto alle due Case giapponesi, Renault per il momento è stata più prudente, optando per una scelta diversa rispetto a Nissan e Mitsubishi: il marchio francese ha nominato dei delegati ad interim, Philippe Lagayette e Thierry Bolloré, per svolgere operativamente le funzioni esecutive del Gruppo, lasciando però formalmente a Ghosh gli incarichi di presidente e amministratore delegato, in attesa che le indagini facciano maggiore chiarezza sulla condotta del dirigente brasiliano.

Mitsubishi: il futuro dell’Alleanza

In questa situazione di decisioni contrastanti resta da decifrare il destino dell’Alleanza tra Renault, Nissan e Mitsubishi, questo nonostante le dichiarazioni di dirigenti delle tre Case e dei politici, tanto in Francia quanto in Giappone, convergano per il momento nel promettere il massimo impegno per salvaguardare la stabilità del sodalizio che ha portato l’Alleanza al vertice della classifica di vendite mondiali.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati