Ford: le superfici coperte da foglie possono essere scivolose come quelle innevate [VIDEO]

Ford ha studiato la scivolosità delle superfici di strade ricoperte da tappeti di foglie o imbiancate da fiocchi di neve

Il risultato della ricerca promossa da Ford ha portato allo sviluppo della modalità di guida Active, ideata per le percorrenze sulle superfici ad aderenza ridotta, da oggi, disponibile a bordo della nuova Focus Active
Ford: le superfici coperte da foglie possono essere scivolose come quelle innevate [VIDEO]

L’autunno e l’inverno coi loro colori possono dar vita a scenari davvero unici: un percorso alberato caratterizzato da una moltitudine di colori caldi o un paesaggio dominato dal bianco della neve appena caduta sono due semplici esempi di scenari che gli automobilisti possono trovarsi davanti agli occhi nel corso di un viaggio. Non sono però sempre tutte rose e fiori. Un paesaggio autunnale o invernale che sia, infatti, al di là della magia ambientale, può riservare un pericolo dal punto di vista della sicurezza di marcia per via dei classici tappeti di foglie o dei fiocchi di neve che si depositano sulle strade. Nel dettaglio dell’esempio riportato, sarebbe sempre opportuno chiedersi: sono più scivolose le foglie o la neve? A darci la risposta esatta è stata Ford che per scoprirlo ha condotto un esperimento unico nel suo genere.

Ford ha misurato il livello di aderenza di superfici coperte da foglie e neve

Difatti, stando alle conoscenze attuali, è piuttosto semplice ottenere i dati relativi all’aderenza sui manti innevati in quanto è possibile svolgere appositi test presso diverse località scandinave utili allo scopo. Tuttavia, per quanto concerne la pericolosità data da tappeti di foglie bagnate presenti sull’asfalto o ammassate su più strati sulle carreggiate ad oggi non ci sono ricerche in grado di dimostrare quanto possano essere scivolose le foglie. Per studiare da vicino il problema, Ford ha semplicemente effettuato più prove empiriche: ha provveduto a raccogliere sacchi di foglie e li ha usati per ricoprire la propria pista del Centro Prove in Belgio, sul quale ha poi utilizzato un dispositivo in grado di identificare il livello di aderenza delle superfici. Dopo aver fatto numerosi test, Ford ha scoperto che, in alcune situazioni, le foglie tendono ad essere scivolose tanto quanto la neve. Nel dettaglio del test, la scivolosità (il coefficiente d’attrito) è stata misurata in μ: più la superficie è risultata scivolosa, più basso è il numero che è venuto fuori. In sostanza, nelle prove effettuate, al massimo grado di scivolosità, le foglie hanno registrato un livello di μ compreso tra 0.3 e 0.4, ossia lo stesso livello di scivolosità osservato sulle superfici nevose.

Le superfici coperte da foglie possono essere scivolose tanto quanto quelle innevate

Eddy Kasteel, Development Engineer, Ford of Europe, ha dichiarato al riguardo: “È stato divertente condurre l’esperimento, ma c’era un aspetto molto importante da sottolineare. La maggior parte delle persone sa di dover rallentare e guidare con più attenzione in caso di neve. Al contrario, quando si tratta delle foglie, non tutti si rendono conto della pericolosità che le contraddistingue e che possono essere altrettanto scivolose.” Proprio per questo, in un’ottica di maggior sicurezza, gli stessi ingegneri Ford che hanno eseguito i test, hanno contribuito a sviluppare la modalità Active per il nuovo crossover Focus Active: progettato per migliorare la trazione su superfici con aderenza ridotta, tra cui neve ghiacciata e foglie bagnate, il sistema è in grado di effettuare rapide regolazioni sui sistemi di stabilità, accelerazione e frenata per impedire all’automobile di sbandare o deviare dal percorso previsto. Nel dettaglio proprio la scorsa settimana Ford ha annunciato l’arrivo sul mercato della versione Wagon della sua Focus Active dedicata ai clienti più inclini all’off road e per questo più bisognosi di peculiarità tecniche improntate alla sicurezza sui fondi viscidi.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. GIANLUCA

    28 novembre 2018 at 11:48

    L’articolo non dice la cosa più importante, se le prove son state fatte con foglie asciutte o bagnate. Forse cambia tutto.

Articoli correlati