Ferrari SP3JC: l’esemplare unico ispirato alla Pop Art [FOTO]

Monta la meccanica della F12tdf con 780 CV

La Casa di Maranello scopre la Ferrari SP3JC, una nuova one-off commissionata da un collezionista che si caratterizza per le forme da spyder con livrea Pop Art e spinta dai 780 CV del motore V12 aspirato della F12tdf.

Dopo le immagini circolate ieri in Rete, è stata ufficialmente svelata la Ferrari SP3JC, la nuova one-off della Casa del Cavallino realizzata su richiesta del noto collezionista britannico John Collins. L’esclusivissima vettura è stata disegnata dal Centro Stile Ferrari ed è frutto del programma Ferrari One-Off. Le sua configurazione è una chiaro richiamo alle spider degli anni 50′ e 6o’.

Ferrari SP3JC: look Pop Art

Altrettanto caratteristica è la livrea che avvolge la Ferrari SP3JC: una carrozzeria ispirata alla Pop Art e che mescola i colori bianco e azzurro, impreziosita da dettagli in giallo. La one-off del Cavallino ha richiesto due anni di lavoro, durante i quali gli uomini di Maranello hanno costantemente lavorato a stretto contatto con il cliente: dalla fase di realizzazione e progettazione fino alla definizione delle finiture estetiche.

In merito al look è dunque la Pop Art, grande passione di Collins, a ispirarlo. Gli esterni n Bianco Italia si abbinano ai dettagli in color Giallo Modena, mentre il frontale dell’auto è verniciato in Azzuro Met. La stessa trama cromatica viene riprese anche dagli interni, dove troviamo i rivestimenti in pelle blu arricchiti da inserti bianchi e da cuciture a contrasto.

Ferrari SP3JC: monta il V12 da 780 CV della F12tdf

La Ferrari SP3JC ha la stessa base meccanica della F12tdf, così sotto il cofano della nuova one-off del Cavallino troviamo il motore V12 aspirato che sviluppa 780 CV di potenza, montato all’anteriore e associato al cambio sequenziale a 7 velocità e alla trazione posteriore. Due apposite aperture collocate sul cofano permettono di vedere il motore V12, mentre tra gli altri dettagli sportivi derivati dalla F12tdf ci sono l’ala trasversale che unisce le due pinne dietro i roll hoop in fibra di carbonio e il tappo del serbatoio in alluminio spazzolato.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Milano Auto Classica 2018: poche ma belle…

Si vende solo se il "pezzo" e il prezzo sono giusti
Domenica 25 Novembre 2018 si sono chiusi i battenti dell’ottava edizione di MilanoAutoClassica 2018, la rassegna meneghina dedicata alla vendita