Volkswagen e-Up! consegnata alla Polizia di Milano [FOTO]

La e-Up! è la prima elettrica del parco auto della Polizia milanese

La Polizia di Milano ha preso in consegna una Volkswagen e-Up!, la compatta city car 100% elettrica che prenderà servizio tra le strade e le aree pedonali del centro cittadino del capoluogo lombardo.

Questa mattina Volkswagen ha consegnato una e-Up!, la sua compatta elettrica, alla Polizia di Milano. La city car a zero emissioni, consegnata alla presenza del Questore Marcello Cardona e di Massimo Nordio, amministratore delegato di Volkswagen Italia, entra a far parte del parco auto del Commissariato Centro della Questura di Milano.

Volkswagen e-Up!: 160 km d’autonomia

La piccola tedesca, prima auto 100% elettrica a disposizione degli agenti della Polizia del capoluogo lombardo, è in grado di azzerare le emissioni di gas nocivi allo scarico e l’inquinamento acustico. Dotata di alimentazione a batteria-motore da 60 kW, garantisce fino a 160 chilometri d’autonomia con una singola carica, la e-Up! sfrutta anche la compattezza delle sue dimensioni. Questo mix di caratteristiche rendono la vettura un mezzo particolarmente adatto per i servizi di Polizia nelle aree pedonali del centro cittadino di Milano.

Volkswagen e-Up!: le parole di Nordio

L’ad di Volkswagen Italia, Massimo Nordio, ha dichiarato: “Dal 2015 abbiamo consegnato alla Polizia di Stato oltre 1.800 vetture tra Volkswagen Passat, Seat Leon, Skoda Octavia e Superb e Volkswagen Crafter, a conferma del legame speciale tra il Gruppo Volkswagen e il nostro Paese. Dopo la consegna delle e-Up! alla Polizia di Roma avvenuta a dicembre del 2016, questa è un’ulteriore occasione che consolida una partnership di valore e che testimonia il nostro impegno e la nostra volontà di espandere la mobilità elettrica in Italia. Il fatto che la prima vettura elettrica della Polizia di Milano sia un modello del nostro Gruppo mi rende particolarmente orgoglioso”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati