Porsche: l’obiettivo è girare in 6’30” al Nurburgring

La futura hypercar di Porsche sarà chiamata a stabilire il nuovo record del Nurburgring

Il guanto di sfida è lanciato: Porsche vuole conquistare il record al Nurburgring girando in soli 6'30". Per farlo il costruttore di Zuffenhausen scommetterà sulla sua nuova hypercar che raccoglierà la pesante eredità della 918 Spyder
Porsche: l’obiettivo è girare in 6’30” al Nurburgring

Mettere a segno il record sul giro secco al Nurburgring è ormai diventata una vera e propria ossessione per i costruttori di vetture sportive. Realizzare il miglior giro veloce possibile sull’insidioso circuito dell’Inferno Verde rappresenta oggi come oggi una cartina al tornasole per verificare la bontà di un progetto: grazie alla particolare configurazione della pista tedesca, che nell’arco di ben 20,6 km vanta tratti velocissimi alternati a tratti più guidati, le case costruttrici di supercar e hypercar devono cimentarsi nella realizzazione di vetture altamente performanti in grado di esprimere il massimo potenziale per tutta la lunghezza del percorso. Soltanto una vettura dotata di una potenza elevata, un’aerodinamica eccezionale sia alle altissime che alle basse velocità e di un assetto performante in ogni condizione di guida può ambire al record sul giro al Nurburgring.

Porsche punta a battere Lamborghini sul circuito del Nurburgring

Stando così le cose, tutti i maggiori costruttori di supercar e hypercar hanno cominciato a considerare il Nurburgring non solo un circuito dove affinare la messa a punto del proprio bolide, ma un vero e proprio teatro di sfida per demolire record su record e primeggiare nella velocità. In tal contesto, Porsche non è da meno. Al di là del record ottenuto dalla 919 Hybrid Evo, vettura da competizione che ha trionfato ben tre volte nella 24 Ore di Le Mans, che ha girato sulla pista dell’Inferno Verde in 5’19″54, il costruttore di Zuffenhausen ha dichiarato senza mezzi termini di volersi prendere il record sul giro al Nurburgring riservato alle auto di serie. Non solo: nel dettaglio, Porsche ha fatto sapere di voler puntare a girare sull’insidioso tracciato tedesco in un tempo di appena 6’30”. A titolo di paragone, ricordiamo che l’attuale record al Nurburgring per vetture di serie è detenuto dalla Lamborghini Aventador SVJ che nello scorso mese di luglio ha completato i 20,6 km del circuito tedesco con un incredibile tempo di 6’44″97.

La futura hypercar Porsche dovrà girare in 6’30” al Nurburgring

In una recente intervista rilasciata a TopGear, Frank-Steffen Walliser, responsabile motorsport di Porsche, ha affermato: “Devo raggiungere i 6’30” al Nurburgring. Non importa come, l’obiettivo resta quello di compiere un giro in 6’30”. L’essenza stessa delle vetture sportive è data dalle performance che sono in grado di raggiungere, questa è la priorità. In secondo luogo bisogna capire come arrivare a queste performance, ma è un discorso successivo a cui stiamo lavorando. Da anni le persone comparano le prestazioni ovunque, nei giochi, negli sport ed ovviamente nell’automobilismo. Penso che sia un fenomeno duro a morire.” In tal contesto Porsche mira a strappare il record di vettura di serie più veloce al Nurburgring alla su citata Lamborghini Aventador SVJ: con ogni probabilità la casa di Zuffenhausen affiderà il compito di stabilire il record sul Nurburgring alla sua prossima hypercar, sportiva che sarà chiamata a raccogliere l’eredità della Porsche 918 Spyder che nel 2013 agguantò il record sul giro al Nurburgring girando in 6’57”. Non solo: la futura hypercar di Porsche sarà chiamata anche a riscattare il precedente record sul giro sul circuito tedesco dell’Inferno Verde messo a segno dalla 911 GT2 che nel 2017 mise a segno un crono di 6’47″25. Da notare che Porsche, grazie alla 911 GT2 RS MR (dotata del kit prestazionale Manthey-Racing) è stata in grado di fermare le lancette del cronometro sul circuito del Nurburgring sull’incredibile tempo di 6’40″33 conseguendo così il nuovo primato dell’Inferno Verde per le vetture sportive omologate per l’utilizzo stradale.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati