Benzina gratis per errore, denunciate quaranta persone nel catanese

Le persone in questione sono state denunciate per furto aggravato

Il gestore di una stazione di servizio a Giarre aveva dimenticato di reinserire la funzione di erogazione automatica, causando un danno vicino ai 10 mila euro
Benzina gratis per errore, denunciate quaranta persone nel catanese

Ha del grottesco ciò che è accaduto in un area di servizio Eni a Giarre, paese in provincia di Catania.

A causa di piccola svista del gestore, infatti, il distributore ha erogato circa 10 mila euro di benzina gratis, causando un danno non indifferente alla stazione di rifornimento. Il tutto è capitato durante la giornata di Ferragosto, quando il proprietario, aprendo la stazione di servizio al fine di favorire un cliente abituale (doveva rifornire urgentemente un articolato.ndr), ha dimenticato di reinserire la funzione di erogazione automatica, lasciando di fatto le colonne del carburante libere e accessibili per tutti.

Una disattenzione costata carissimo al gestore, visto che il team tam scatenatosi all’interno del paese ha fatto si che molta gente si recasse alla stazione, sfruttando l’opportunità a proprio vantaggio. Da notare che i clienti, increduli a quanto stesse succedendo, non si limitavano solamente a fare il pieno alle proprie auto o moto, ma si recavano al distruttore con bidoni e recipienti di vario tipo.

Fortunatamente, probabilmente avvisato da qualche passante, il proprietario si è accorto di ciò che stava accadendo e tempestivamente si è nuovamente recato alla stazione, reinserendo la funzione di erogazione automatica nelle varie colonnine. Una vera e propria sfortunata per tutte le autovetture incolonnate pronte a sfruttare il gentile regalo del responsabile.

I Carabinieri, grazie al sistema di videosorveglianza, hanno annotato le targhe dei mezzi che hanno sfruttato la disattenzione (parliamo di circa 40 autoveicoli.ndr). Tra loro ci sono anche molti pregiudicati e tutti sono stati già denunciati dai Carabinieri per furto aggravato.

Leggi altri articoli in Carburanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati