WP_Post Object ( [ID] => 583231 [post_author] => 37 [post_date] => 2018-12-09 13:51:50 [post_date_gmt] => 2018-12-09 12:51:50 [post_content] => Valentino Rossi ha vinto il Monza Rally Show 2018 a bordo della Ford Fiesta WRC+ by M-Sport, bissando il successo dello scorso anno. In coppia con l'inossidabile Carlo Cassina il numero 46 ha guidato in maniera impeccabile per tutto il weekend sul circuito brianzolo, trovandosi a suo agio sulla nuova tipologia di vettura del Campionato Mondiale Rally.

Il riassunto del perfetto weekend di Rossi

Il Venerdì mattina era stato dedicato alle cosiddette prove "Shakedown", dove i concorrenti potevano testare il tracciato e le sue difficoltà senza che si tenesse conto dei tempi nella tabella finale. In questa occasione non si erano capiti i reali valori delle WRC+, che hanno circa 30 CV in più ed un'aerodinamica da Formula Uno, sulle "vecchie" WRC16, che sono state mandate in pensione nel Campionato FIA WRC da ormai due anni. Ma il pomeriggio le cose hanno cominciato a farsi chiare, con due piloti che hanno cominciato a distinguersi sul resto del nutritissimo gruppo (oltre 100 vetture iscritte): Valentino Rossi e Teemu Suninen. Il 24enne finlandese, reduce dalla stagione nei rallies mondiali con il Team Ford M-Sport, ha portato qui anche la livrea ufficiale firmata Red Bull ed un nuovo co-pilota, Marko Salminen. Un bel test per conoscersi meglio, dato che i due disputeranno assieme tutta la stagione 2019 del FIA World Rally Championship. Rossi si è aggiudicato entrambe le Prove Speciali disputatesi sino al tardo pomeriggio, rispettivamente con il tempo di 1'12"6 e 6'49"0, mettendosi alle spalle prima Alessandro Perico e poi lo stesso Suninen. «La sensazione con la WRC+ è di guidare la MotoGP delle due ruote, mi sento positivo anche se so che la sfida in questo weekend è più capire la vettura e sfidare Suninen, in quanto gli avversari degli altri anni hanno delle WRC16» aveva dichiarato Valentino Rossi al termine del Day 1.

Un Sabato (quasi) perfetto

Il secondo giorno si è aperto con la PS 3 “Parabolica 1”, di 9,660 chilometri, seguita dalla PS 4 “Autodromo”. Nel pomeriggio sono poi giunte la PS 5 “Parabolica 2” e la lunga “Grand Prix 1” da ben 44,830 km, svolta con le luci aggiuntive per aumentare la visibilità del percorso ormai buio. Qui Valentino Rossi ha fatto segnare i migliori crono, gestendo al meglio la sua Ford Fiesta WRC+ mentre Suninen è stato autore di un testacoda che lo ha portato a perdere davvero tanti secondi. Il finlandese ha infatti chiuso la giornata a poco meno di 50 secondi dal Dottore, che nella prova più lunga ha quasi compiuto, come si suol dire nel calcio, un "clean sheet" se non fosse stato per una toccata rimediata in un sorpasso ad un avversario. Cosa che comunque non ha arrestato né intaccato la WRC+ giallo-nera. «Ho cercato sempre di spingere al massimo e di portare al limite la macchina, che dà proprio gusto. Nell’ultima Prova Speciale ho avuto un problema perché Spinelli mi ha tamponato alla Prima Variante, però è andata bene perché si è piegata solo la marmitta» ha commentato Rossi una volta sceso dalla vettura.

La vittoria della Domenica

Nell'ultima giornata del Monza Rally Show 2018 si sono disputate tre Prove Speciali. In quella più lunga, simile a quella del giorno precedente, sempre il #46 di Tavullia si è imposto con un crono di 20'54"5 inseguito a distanza dalle altre WRC+ di Suninen, Brivio e Salucci. Nella penultima, la PS8 "Roccolo 2", Valentino ha mantenuto la leadership con ben 1'06"5 su Suninen. L'ultima prova, una passerella di 1260 metri sul rettifilo principale gremito di pubblico, l'ha visto trionfare alla kermesse sul Monza Eni Circuit con il tempo totale di 1:13'08.7. Secondo posto per Suninen e terzo per Brivio. Valentino Rossi ha fatto inoltre segnare il record di PS vinte: ben nove. [post_title] => Valentino Rossi ha vinto il Monza Rally Show 2018 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => valentino-rossi-ha-vinto-il-monza-rally-show-2018 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-12-09 13:53:45 [post_modified_gmt] => 2018-12-09 12:53:45 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=583231 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Valentino Rossi ha vinto il Monza Rally Show 2018

Successo del Dottore con la Ford Fiesta

Valentino Rossi si è confermato imprendibile per tutto il weekend del Monza Rally Show 2018.
Valentino Rossi ha vinto il Monza Rally Show 2018

Valentino Rossi ha vinto il Monza Rally Show 2018 a bordo della Ford Fiesta WRC+ by M-Sport, bissando il successo dello scorso anno. In coppia con l’inossidabile Carlo Cassina il numero 46 ha guidato in maniera impeccabile per tutto il weekend sul circuito brianzolo, trovandosi a suo agio sulla nuova tipologia di vettura del Campionato Mondiale Rally.

Il riassunto del perfetto weekend di Rossi

Il Venerdì mattina era stato dedicato alle cosiddette prove “Shakedown”, dove i concorrenti potevano testare il tracciato e le sue difficoltà senza che si tenesse conto dei tempi nella tabella finale. In questa occasione non si erano capiti i reali valori delle WRC+, che hanno circa 30 CV in più ed un’aerodinamica da Formula Uno, sulle “vecchie” WRC16, che sono state mandate in pensione nel Campionato FIA WRC da ormai due anni.

Ma il pomeriggio le cose hanno cominciato a farsi chiare, con due piloti che hanno cominciato a distinguersi sul resto del nutritissimo gruppo (oltre 100 vetture iscritte): Valentino Rossi e Teemu Suninen. Il 24enne finlandese, reduce dalla stagione nei rallies mondiali con il Team Ford M-Sport, ha portato qui anche la livrea ufficiale firmata Red Bull ed un nuovo co-pilota, Marko Salminen. Un bel test per conoscersi meglio, dato che i due disputeranno assieme tutta la stagione 2019 del FIA World Rally Championship.
Rossi si è aggiudicato entrambe le Prove Speciali disputatesi sino al tardo pomeriggio, rispettivamente con il tempo di 1’12″6 e 6’49″0, mettendosi alle spalle prima Alessandro Perico e poi lo stesso Suninen. «La sensazione con la WRC+ è di guidare la MotoGP delle due ruote, mi sento positivo anche se so che la sfida in questo weekend è più capire la vettura e sfidare Suninen, in quanto gli avversari degli altri anni hanno delle WRC16» aveva dichiarato Valentino Rossi al termine del Day 1.

Un Sabato (quasi) perfetto

Il secondo giorno si è aperto con la PS 3 “Parabolica 1”, di 9,660 chilometri, seguita dalla PS 4 “Autodromo”. Nel pomeriggio sono poi giunte la PS 5 “Parabolica 2” e la lunga “Grand Prix 1” da ben 44,830 km, svolta con le luci aggiuntive per aumentare la visibilità del percorso ormai buio. Qui Valentino Rossi ha fatto segnare i migliori crono, gestendo al meglio la sua Ford Fiesta WRC+ mentre Suninen è stato autore di un testacoda che lo ha portato a perdere davvero tanti secondi. Il finlandese ha infatti chiuso la giornata a poco meno di 50 secondi dal Dottore, che nella prova più lunga ha quasi compiuto, come si suol dire nel calcio, un “clean sheet” se non fosse stato per una toccata rimediata in un sorpasso ad un avversario. Cosa che comunque non ha arrestato né intaccato la WRC+ giallo-nera.

«Ho cercato sempre di spingere al massimo e di portare al limite la macchina, che dà proprio gusto. Nell’ultima Prova Speciale ho avuto un problema perché Spinelli mi ha tamponato alla Prima Variante, però è andata bene perché si è piegata solo la marmitta» ha commentato Rossi una volta sceso dalla vettura.

La vittoria della Domenica

Nell’ultima giornata del Monza Rally Show 2018 si sono disputate tre Prove Speciali. In quella più lunga, simile a quella del giorno precedente, sempre il #46 di Tavullia si è imposto con un crono di 20’54″5 inseguito a distanza dalle altre WRC+ di Suninen, Brivio e Salucci. Nella penultima, la PS8 “Roccolo 2”, Valentino ha mantenuto la leadership con ben 1’06″5 su Suninen. L’ultima prova, una passerella di 1260 metri sul rettifilo principale gremito di pubblico, l’ha visto trionfare alla kermesse sul Monza Eni Circuit con il tempo totale di 1:13’08.7. Secondo posto per Suninen e terzo per Brivio. Valentino Rossi ha fatto inoltre segnare il record di PS vinte: ben nove.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati