Koenigsegg Regera: il trattamento ‘naked carbon’ la rende ancora più intrigante

Carbonio a vista su tutta la carrozzeria per la Koenigsegg Regera

Koenigsegg Regera: l'hypercar progettata da Christian Von Koenigsegg indossa una livrea caratterizzata dall'ampio utilizzo della fibra di carbonio per tutto il corpo vettura
Koenigsegg Regera: il trattamento ‘naked carbon’ la rende ancora più intrigante

Svelata in anteprima mondiale al Salone di Ginevra del 2016, la Koenigsegg Regera è stata una delle hypercar più richieste della casa costruttrice svedese guidata da Christian Von Koenigsegg. Dopo circa un anno dalla presentazione ufficiale, infatti, nel mese di giugno di un anno fa fu lo stesso fondatore a dare notizia che tutti gli 80 esemplari previsti della Regera erano stati già tutti prenotati. Un successo non di poco conto per il piccolo costruttore svedese che da poco ha finito di ultimare la produzione della sua Regera, hypercar costruita artigianalmente sulla base delle specifiche esigenze di personalizzazione richieste dai facoltosi ed appassionati clienti del marchio svedese. Non a caso, infatti, uno degli elementi di successo che più in generale caratterizzano le hypercar sono proprio le molteplici possibilità di personalizzazione che i clienti hanno nel dar vita ad un “bolide” davvero unico.

Fibra di carbonio a vista per la Koenigsegg Regera

Difatti, al di là delle edizioni limitate, molte hypercar acquisiscono ancora più prestigio per via delle livree utilizzate, dei colori scelti e delle personalizzazioni estetiche richieste dai rispettivi clienti. A tal riguardo Koenigsegg ha fatto sapere di aver completato la produzione di una Regera molto particolare contraddistinta dall’originale livrea con fibra di carbonio a vista. Si tratta di una finitura decisamente esclusiva ma con una particolarità: quella di godere di una carrozzeria totalmente in fibra di carbonio a vista ma senza la necessità di alcuna copertura in superficie come protezione in modo tale da far risaltare l’estrema bellezza della fibra di carbonio. In realtà si tratta di una finitura molto difficile da realizzare in quanto la lucidatura a mano deve essere fatta in una maniera molto scrupolosa per far sì che la struttura del carbonio possa risaltare al meglio.

Il trattamento “naked carbon” permette alla Koenigsegg Regera di risparmiare circa 20 kg di peso

Nella fattispecie il trattamento denominato “naked carbon” permette ai clienti di sentire ed apprezzare il nudo carbonio senza “intermediari” come ad esempio isolanti o vernici. A tal riguardo Koenigsegg ha anche precisato di aver svolto numerosi test per verificare la solidità del trattamento “naked carbon”: un gran numero di carrozzerie trattate in nuda fibra di carbonio sono state lasciate per diversi anni alla luce del sole o sotto la pioggia in modo tale da testarle direttamente sul campo. I test sono stati estremamente positivi e hanno incoraggiato Koenigsegg a dar vita alla carrozzeria trattata in “naked carbon”. Nel dettaglio, Koenigsegg ha anche fatto sapere che il non utilizzo di cere, pellicole protettive e vernici da applicare alla carrozzeria “naked carbon” ha permesso anche di risparmiare circa 20 kg sul piatto della bilancia rispetto alle Regera verniciate con le classiche colorazioni. Christian von Koenigsegg, CEO della Koenigsegg, ha affermato al riguardo: “Non è affatto insolito che i clienti ci chiedano una vettura con carrozzeria in fibra di carbonio a vista. Dal punto di vista prettamente estetico è un materiale davvero molto bello e tanti clienti amano mostrare e dare risalto a questo tipo di materiale con cui la loro vettura è costruita. La finitura ‘naked carbon’ eleva l’idea di una carrozzeria in fibra di carbonio ad un livello decisamente più alto grazie ad una estrema luminosità e ad una morbidezza al tatto davvero incredibile.”

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati