WP_Post Object ( [ID] => 584887 [post_author] => 24 [post_date] => 2018-12-17 11:36:29 [post_date_gmt] => 2018-12-17 10:36:29 [post_content] => Quando parliamo di raffinate e sofisticate hypecar Bugatti ha pochi rivali sulla piazza. Le vetture del marchio franco-tedesco non solo sono estremamente potenti e veloci, ma garantiscono anche un livello di comfort e di esperienza di guida paragonabili a quelli delle auto di lusso.

Bugatti Divo: così si fa più hard

Qualche mese fa però Bugatti ha lanciato la Divo facendo un passo in direzione opposto, ovvero affacciandosi nel segmento delle hypercar più votate a prestazioni e performance, una nicchia di mercato attualmente occupata da marchi del calibro di Koenigsegg e Pagani. Ma come sarebbe la Bugatti Divo ulteriormente estremizzata e resa ancora più "hard"? A questa domanda risponde il rendering realizzato dal designer Hao Hu, un lavoro, che prende il nome di Bugatti Type 100, che trae ispirazione ovviamente dalla Chiron. Tuttavia piuttosto che prendere come base la Chiron e aggiungere nuovi parti aerodinamiche, Hao ha creato un nuovo corpo auto su misura per il veicolo che assume alcuni dei più importanti tratti stilistici tipici del design Bugatti.

Bugatti Divo: stravolto il posteriore

La parte anteriore della Type 100 ha un aspetto grintoso, con la piccola griglia Bugatti a ferro di cavallo, i fari anteriori sottili a LED, lo splitter in fibra di carbonio e delle enormi prese d'aria. La conformazione del tetto e dei finestrini, entrambi molto ribassati, contribuiscono a rendere l'hypercar ancora più snella e slanciata rispetto alla Chiron. Il posteriore dell'hypercar è ancora più impressionante. Invece dello stretto lunotto della Chiron la sezione è stata chiusa con un grande pezzo in fibra di carbonio che include una grossa presa d'aria aperta sul tetto e una "pinna di squalo" che aiuta l'aerodinamica. Gran parte della parte posteriore, nella sezione inferiore, è aperta, consentendo così all'aria di uscire da questa inedita maxi-presa d'aria dopo esser passata sotto e attraverso il corpo dell'hypercar. Qualcosa di simile potrebbe realmente concretizzarsi in futuro, dato che secondo alcune indiscrezioni Bugatti starebbe già lavorando ad una serie di nuovi veicoli basati sulla Chiron, destinati ad ampliare le novità sulla scia della Divo. [post_title] => Bugatti, come sarebbe un hypercar più estrema della Divo? [RENDERING] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bugatti-come-sarebbe-un-hypercar-piu-estrema-della-divo-rendering [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-12-17 11:36:29 [post_modified_gmt] => 2018-12-17 10:36:29 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=584887 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Bugatti, come sarebbe un hypercar più estrema della Divo? [RENDERING]

Stravolto completamente il posteriore della Divo

Chiamata Type 100 del designer Hao Hu che l'ha realizzata, l'hypercar protagonista di questo rendering è una reinterpretazione in chiave hard ed estrema della Bugatti Divo.

Quando parliamo di raffinate e sofisticate hypecar Bugatti ha pochi rivali sulla piazza. Le vetture del marchio franco-tedesco non solo sono estremamente potenti e veloci, ma garantiscono anche un livello di comfort e di esperienza di guida paragonabili a quelli delle auto di lusso.

Bugatti Divo: così si fa più hard

Qualche mese fa però Bugatti ha lanciato la Divo facendo un passo in direzione opposto, ovvero affacciandosi nel segmento delle hypercar più votate a prestazioni e performance, una nicchia di mercato attualmente occupata da marchi del calibro di Koenigsegg e Pagani. Ma come sarebbe la Bugatti Divo ulteriormente estremizzata e resa ancora più “hard”?

A questa domanda risponde il rendering realizzato dal designer Hao Hu, un lavoro, che prende il nome di Bugatti Type 100, che trae ispirazione ovviamente dalla Chiron. Tuttavia piuttosto che prendere come base la Chiron e aggiungere nuovi parti aerodinamiche, Hao ha creato un nuovo corpo auto su misura per il veicolo che assume alcuni dei più importanti tratti stilistici tipici del design Bugatti.

Bugatti Divo: stravolto il posteriore

La parte anteriore della Type 100 ha un aspetto grintoso, con la piccola griglia Bugatti a ferro di cavallo, i fari anteriori sottili a LED, lo splitter in fibra di carbonio e delle enormi prese d’aria. La conformazione del tetto e dei finestrini, entrambi molto ribassati, contribuiscono a rendere l’hypercar ancora più snella e slanciata rispetto alla Chiron.

Il posteriore dell’hypercar è ancora più impressionante. Invece dello stretto lunotto della Chiron la sezione è stata chiusa con un grande pezzo in fibra di carbonio che include una grossa presa d’aria aperta sul tetto e una “pinna di squalo” che aiuta l’aerodinamica. Gran parte della parte posteriore, nella sezione inferiore, è aperta, consentendo così all’aria di uscire da questa inedita maxi-presa d’aria dopo esser passata sotto e attraverso il corpo dell’hypercar.

Qualcosa di simile potrebbe realmente concretizzarsi in futuro, dato che secondo alcune indiscrezioni Bugatti starebbe già lavorando ad una serie di nuovi veicoli basati sulla Chiron, destinati ad ampliare le novità sulla scia della Divo.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati