WP_Post Object ( [ID] => 585162 [post_author] => 40 [post_date] => 2018-12-18 12:36:11 [post_date_gmt] => 2018-12-18 11:36:11 [post_content] => Il test e il successivo impatto sono avvenuti pochi giorni fa, considerando le informazioni diffuse in rete. Il primo esemplare di auto volante ibrida sviluppata dalla Detroit Flying Cars ha spiccato il volo, ma la fase di atterraggio non è andata come previsto, considerando le condizioni della vettura.

Un grave impatto col suolo

Il filmato proposto su Youtube da WXYZ-TV Detroit | Channel 7 documenta i soccorsi e il prototipo già pesantemente danneggiato sulla pista del Willow Run Airport, un comprensorio teatro del grave incidente. Sull'accaduto sta indagando la FAA, ossia la Federal Aviation Administration. Secondo le informazioni riportate dall'agenzia ANSA, riprendendo quanto segnalato dai colleghi di clickondetroit.com, alla guida del mezzo denominato WD-1 c'era il co-fondatore della stessa Detroit Flying Cars, che ha sviluppato l'innovativa vettura volante: Sanjay Dhall. L'imprenditore ha preso parte al test dell'esemplare, al momento l'unico sviluppato dalla start-up statunitense, guidandolo in prima persona. Si tratta di una vettura bi-posto dall'aspetto estremamente aerodinamico, sviluppata con materiali leggeri e dotata di ali retrattili, che tramite un meccanismo ibrido può viaggiare sia su strada che in aria. Sull'asfalto la vettura grazie a una spinta elettrica di un motore da 40kW può coprire senza generare emissioni 50 miglia (un'ottantina di km) e ben 400 miglia (circa 644 km) grazie all'energia delle batterie, rigenerate tramite un motore a combustione. Unità termica che è funzionale anche in volo, considerando una potenza di 100 cavalli. In aria il prototipo può raggiungere i 200 km/h e disporre della medesima autonomia di 400 miglia già segnalata, in base alle specifiche riportate sul portale della società. Da quanto emerso, Sanjay Dhall è stato trasferito in un ospedale a Detroit, fortunatamente le condizioni non sono apparse gravi ai soccorritori. Video: WXYZ-TV Detroit | Channel 7 [post_title] => Auto volante ibrida: incidente durante un test a Detroit [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => auto-volante-ibrida-incidente-durante-un-test-a-detroit-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-12-18 12:36:11 [post_modified_gmt] => 2018-12-18 11:36:11 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=585162 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Auto volante ibrida: incidente durante un test a Detroit [VIDEO]

Sul fatto sta indagando la Federal Aviation Administration

Nel corso di un test della prima auto volante ibrida, sviluppata a Detroit, il veicolo in grado di volare è rimasto fortemente danneggiato in fase d'atterraggio
Auto volante ibrida: incidente durante un test a Detroit [VIDEO]

Il test e il successivo impatto sono avvenuti pochi giorni fa, considerando le informazioni diffuse in rete. Il primo esemplare di auto volante ibrida sviluppata dalla Detroit Flying Cars ha spiccato il volo, ma la fase di atterraggio non è andata come previsto, considerando le condizioni della vettura.

Un grave impatto col suolo

Il filmato proposto su Youtube da WXYZ-TV Detroit | Channel 7 documenta i soccorsi e il prototipo già pesantemente danneggiato sulla pista del Willow Run Airport, un comprensorio teatro del grave incidente. Sull’accaduto sta indagando la FAA, ossia la Federal Aviation Administration.
Secondo le informazioni riportate dall’agenzia ANSA, riprendendo quanto segnalato dai colleghi di clickondetroit.com, alla guida del mezzo denominato WD-1 c’era il co-fondatore della stessa Detroit Flying Cars, che ha sviluppato l’innovativa vettura volante: Sanjay Dhall.
L’imprenditore ha preso parte al test dell’esemplare, al momento l’unico sviluppato dalla start-up statunitense, guidandolo in prima persona. Si tratta di una vettura bi-posto dall’aspetto estremamente aerodinamico, sviluppata con materiali leggeri e dotata di ali retrattili, che tramite un meccanismo ibrido può viaggiare sia su strada che in aria. Sull’asfalto la vettura grazie a una spinta elettrica di un motore da 40kW può coprire senza generare emissioni 50 miglia (un’ottantina di km) e ben 400 miglia (circa 644 km) grazie all’energia delle batterie, rigenerate tramite un motore a combustione. Unità termica che è funzionale anche in volo, considerando una potenza di 100 cavalli. In aria il prototipo può raggiungere i 200 km/h e disporre della medesima autonomia di 400 miglia già segnalata, in base alle specifiche riportate sul portale della società.
Da quanto emerso, Sanjay Dhall è stato trasferito in un ospedale a Detroit, fortunatamente le condizioni non sono apparse gravi ai soccorritori.

Video: WXYZ-TV Detroit | Channel 7

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati