WP_Post Object ( [ID] => 585552 [post_author] => 40 [post_date] => 2018-12-19 12:43:08 [post_date_gmt] => 2018-12-19 11:43:08 [post_content] => Al NAIAS (North American International Auto Show) di Detroit è programmato il debutto della nuova Toyota Supra, dopo le concept mostrate in occasione di altri eventi internazionali.

Un cuore con un DNA tedesco

Interpellato dai colleghi di Automotive News Europe, l'ingegnere responsabile Tetsuya Tada, pur mantenendo un certo riserbo su diversi aspetti, ha comunque sottolineato l'indole sportiva di una vettura legata a un cuore sei cilindri in linea. La stessa architettura presente sulla precedente generazione. Un motore potente che ha delle interessanti qualità: "Un ottimo bilanciamento e basse vibrazioni", come evidenziato dall'ingegnere. Da qui la collaborazione con BMW, che ha una profonda esperienza con questo tipo di unità. In base alle indiscrezioni, dunque, la quinta generazione della sportiva nipponica sarebbe spinta da un propulsore di derivazione BMW, ma sul quale interverrebbero i tecnici del reparto sportivo di Toyota, quelli della divisione Gazoo Racing. Un motore di 3.0 litri imparentato con quello che anima la nuova Z4 M40i, in grado di generare parlando della tedesca ben 340 cavalli di potenza e 500 Nm di coppia. I tecnici della casa giapponese lavorerebbero su questo, sul telaio che sarebbe anch'esso condiviso e sulla trasmissione, pure questa di matrice bavarese e opportunamente tarata per la sportiva del Sol Levante.

Una reattività che potrebbe ricordare la LFA

Considerando quanto segnalato e la firma di Gazoo Racing, si prospetta una vettura spumeggiante, atletica e propositiva. Sebbene nel corso dell'intervista non siano state fornite specifiche indicazioni. Tenendo presente anche la rilevanza della tecnologia ibrida nella produzione della casa, si sopetta che una maggior spinta possa derivare anche da un'elettrificazione dello stesso progetto. Ma al momento sono ipotesi, così come quelle riguardanti il dinamismo. Ipotizzando un equilibrio delle masse, fornendo così la giusta rigidezza torsionale, la nuova Supra potrebbe ricordare persino il carattere della Lexus LFA, una delle sportive più esclusive in circolazione. Tra gli altri aspetti, la vettura potrebbe vantare anche sospensioni adattive, un muscoloso impianto frenante a quattro pistoncini firmato da Brembo e un differenziale autobloccante posteriore di tipo elettrico. [post_title] => Toyota Supra: sulla nuova generazione si prospetta un potente sei cilindri in linea [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => toyota-supra-sulla-nuova-generazione-si-prospetta-un-potente-sei-cilindri-in-linea [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-12-19 12:43:08 [post_modified_gmt] => 2018-12-19 11:43:08 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=585552 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Toyota Supra: sulla nuova generazione si prospetta un potente sei cilindri in linea

Sarebbe basato sul 3.0 litri della nuova BMW Z4 M40i

Nuove indiscrezioni a proposto della futura Toyota Supra, la sportiva giapponese attesa sotto i riflettori di Detroit
Toyota Supra: sulla nuova generazione si prospetta un potente sei cilindri in linea

Al NAIAS (North American International Auto Show) di Detroit è programmato il debutto della nuova Toyota Supra, dopo le concept mostrate in occasione di altri eventi internazionali.

Un cuore con un DNA tedesco

Interpellato dai colleghi di Automotive News Europe, l’ingegnere responsabile Tetsuya Tada, pur mantenendo un certo riserbo su diversi aspetti, ha comunque sottolineato l’indole sportiva di una vettura legata a un cuore sei cilindri in linea. La stessa architettura presente sulla precedente generazione. Un motore potente che ha delle interessanti qualità: “Un ottimo bilanciamento e basse vibrazioni”, come evidenziato dall’ingegnere. Da qui la collaborazione con BMW, che ha una profonda esperienza con questo tipo di unità. In base alle indiscrezioni, dunque, la quinta generazione della sportiva nipponica sarebbe spinta da un propulsore di derivazione BMW, ma sul quale interverrebbero i tecnici del reparto sportivo di Toyota, quelli della divisione Gazoo Racing. Un motore di 3.0 litri imparentato con quello che anima la nuova Z4 M40i, in grado di generare parlando della tedesca ben 340 cavalli di potenza e 500 Nm di coppia. I tecnici della casa giapponese lavorerebbero su questo, sul telaio che sarebbe anch’esso condiviso e sulla trasmissione, pure questa di matrice bavarese e opportunamente tarata per la sportiva del Sol Levante.

Una reattività che potrebbe ricordare la LFA

Considerando quanto segnalato e la firma di Gazoo Racing, si prospetta una vettura spumeggiante, atletica e propositiva. Sebbene nel corso dell’intervista non siano state fornite specifiche indicazioni. Tenendo presente anche la rilevanza della tecnologia ibrida nella produzione della casa, si sopetta che una maggior spinta possa derivare anche da un’elettrificazione dello stesso progetto. Ma al momento sono ipotesi, così come quelle riguardanti il dinamismo. Ipotizzando un equilibrio delle masse, fornendo così la giusta rigidezza torsionale, la nuova Supra potrebbe ricordare persino il carattere della Lexus LFA, una delle sportive più esclusive in circolazione. Tra gli altri aspetti, la vettura potrebbe vantare anche sospensioni adattive, un muscoloso impianto frenante a quattro pistoncini firmato da Brembo e un differenziale autobloccante posteriore di tipo elettrico.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati