Revocato il blocco dei diesel Euro 4 a Milano e in altre province lombarde

Revocato il blocco dei diesel Euro 4 a Milano e in altre province lombarde

Interessa anche Bergamo, Como, Cremona, Lecco e Varese

Lo stop, rivolto ai mezzi diesel Euro 4 per lo sforamento dei livelli di polveri sottili consentiti, è stato revocato da questa mattina
Revocato il blocco dei diesel Euro 4 a Milano e in altre province lombarde

Già dalla giornata odierna, 23 dicembre, risulta revocato il blocco dei veicoli diesel Euro 4 attivo a Milano e in diverse province lombarde, dopo il rientro delle concentrazioni di polveri sottili nei limiti previsti, come accertato nell’arco di due giorni.

La revoca

Lo scorso 20 dicembre era stato segnalato un blocco rivolto ai mezzi diesel Euro 4, nel capoluogo lombardo e in altre realtà regionali. I livelli di PM10, considerando la metropoli meneghina, avevano oltrepassato i margini consentiti per ben quattro giorni di fila, secondo quanto era stato segnalato in precedenza.
La revoca del blocco, come riportato dall’agenzia ANSA riprendendo una nota della Regione Lombardia, è legata proprio all’attenuazione dei citati valori entro i 50 microgrammi per metro cubo permessi, riscontrata per due giorni di seguito. Revoca del provvedimento che prevede restrizioni alla circolazione, indirizzata a determinati veicoli e lungo ampie fasce orarie tutti i giorni. Il blocco era attivo non solo a Milano ma anche in altre realtà lombarde come: Bergamo, Como, Cremona, Lecco e Varese compresi i comuni di provincia. Anche la revoca, in questi casi, è legata al segnalato attenuamento delle concentrazioni di PM10. Quelle stesse realtà da oltre 30.000 abitanti o che hanno comunque sottoscritto il protocollo regionale per il miglioramento della qualità dell’aria.
Nelle zone comprese nelle province di Lodi, Mantova e Pavia poi, pur non essendo già attivo alcun blocco, presentano sempre valori di polveri sottili al di sotto della soglia consentita.

Nessuna revoca al momento per Brescia e Monza-Brianza

Tra le informazioni riportate, nelle province di Brescia e Monza-Brianza sono stati accertati valori in aumento, alla luce di quanto notato nella giornata di sabato e considerando una media oltre il limite poco superiore al consentito nel primo caso, dato un valore di 50,3 microgrammi per metro cubo, quindi più corposo nel secondo caso a quota 56 microgrammi per metro cubo. Indicazioni che non hanno consentito alcuna revoca, secondo quanto riportato, rimandando successivamente qualsiasi valutazione.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati