WP_Post Object ( [ID] => 586717 [post_author] => 40 [post_date] => 2018-12-27 15:57:53 [post_date_gmt] => 2018-12-27 14:57:53 [post_content] => Il nome Kamal risale al 2003. Il marchio Alfa Romeo lo accostò allora a una concept car. Solo a distanza di anni un'idea similare, seppur differente, sarebbe stata tradotta in un prodotto commercializzato in diversi mercati. Il presente si chiama Stelvio e, nonostante appaia suggestivo associare altri passi di montagna ad altrettanti SUV della casa lombarda, quel nome anticipato diversi anni fa al Salone di Ginevra potrebbe tornare protagonista.

Immaginando un SUV compatto

Affiorano dunque indiscrezioni sul prossimo modello marchiato Alfa Romeo. I tecnici del marchio starebbero lavorando su un modello di dimensioni più contenute rispetto allo Stelvio e, poco tempo fa, si vociferava di sospetti avvistamenti. In ogni caso è necessario usare il condizionale, al momento. Tra le voci che circolano, questo progetto sarebbe noto proprio con il nome Kamal e potrebbe essere realizzato nello stabilimento di Pomigliano d'Arco. Ma come segnalato, si tratta di indiscrezioni non notizie certe. Valutando l'interpretazione di Alessandro Masera, che in occasione delle festività ha diffuso un'interessante ipotesi, si nota una certa parentela con l'attuale Stelvio. Soprattutto osservando il design dei gruppi ottici LED anteriori. Frutto di un caratteristico equilibrio di forme, riproponendo un taglio stilistico anteriore che ricorda l'attuale SUV, ma rivisto ricalcando lo schema scelto per i fari posteriori dello stesso. L'effetto visivo risulta più schiacciato, accentuato dal prominente scudo affiancato a sua volta dalle voluminose prese d'aria. Riproponendo proprio lo schema visivo anticipato con la concept Kamal, ma secondo stilemi più attuali e vicini all'impronta stilistica recente del marchio. Confrontando ancora l'idea firmata da Masera con il prototipo introdotto nel 2003, ulteriori gruppi ottici sono evidenti a margine delle vistose prese d'aria, abbracciati dalle nervature che le delineano.

Imparentato con Jeep Renegade e Compass?

Il futuro SUV compatto dell'Alfa Romeo, sempre secondo le indiscrezioni circolate sino ad ora, potrebbe poggiare sul telaio Small Wide, sul quale sono già realizzati i modelli più compatti della gamma Jeep: Renegade e Compass. Le dimensioni potrebbero essere similari a questo ultimo. Tra gli aspetti vociferati, oltre a versioni tradizionali, la proposta potrebbe includere anche una versione ibrida plug-in. L'ipotizzato modello PHEV potrebbe essere spinto da un'unità a benzina FireFly Turbo di nuova generazione, legata a un propulsore elettrico. Il debutto avverrebbe nel 2019 e la commercializzazione potrebbe iniziare nel corso dell'anno seguente, ma è sempre doveroso usare il condizionale in attesa di informazioni precise sulla nuova vettura. Rendering: Masera [post_title] => Alfa Romeo: riportato in auge il nome Kamal per un'ipotesi del futuro SUV compatto [RENDERING] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => alfa-romeo-riportato-in-auge-il-nome-kamal-per-unipotesi-del-futuro-suv-compatto-rendering [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-12-27 15:57:53 [post_modified_gmt] => 2018-12-27 14:57:53 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=586717 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Alfa Romeo: riportato in auge il nome Kamal per un’ipotesi del futuro SUV compatto [RENDERING]

Già impiegato per una concept car nel 2003

Tra le visionarie idee sulla futura produzione del marchio lombardo, un conosciuto designer ha pensato al possibile aspetto del prossimo SUV
Alfa Romeo: riportato in auge il nome Kamal per un’ipotesi del futuro SUV compatto [RENDERING]

Il nome Kamal risale al 2003. Il marchio Alfa Romeo lo accostò allora a una concept car. Solo a distanza di anni un’idea similare, seppur differente, sarebbe stata tradotta in un prodotto commercializzato in diversi mercati. Il presente si chiama Stelvio e, nonostante appaia suggestivo associare altri passi di montagna ad altrettanti SUV della casa lombarda, quel nome anticipato diversi anni fa al Salone di Ginevra potrebbe tornare protagonista.

Immaginando un SUV compatto

Affiorano dunque indiscrezioni sul prossimo modello marchiato Alfa Romeo. I tecnici del marchio starebbero lavorando su un modello di dimensioni più contenute rispetto allo Stelvio e, poco tempo fa, si vociferava di sospetti avvistamenti. In ogni caso è necessario usare il condizionale, al momento. Tra le voci che circolano, questo progetto sarebbe noto proprio con il nome Kamal e potrebbe essere realizzato nello stabilimento di Pomigliano d’Arco. Ma come segnalato, si tratta di indiscrezioni non notizie certe.
Valutando l’interpretazione di Alessandro Masera, che in occasione delle festività ha diffuso un’interessante ipotesi, si nota una certa parentela con l’attuale Stelvio. Soprattutto osservando il design dei gruppi ottici LED anteriori. Frutto di un caratteristico equilibrio di forme, riproponendo un taglio stilistico anteriore che ricorda l’attuale SUV, ma rivisto ricalcando lo schema scelto per i fari posteriori dello stesso. L’effetto visivo risulta più schiacciato, accentuato dal prominente scudo affiancato a sua volta dalle voluminose prese d’aria. Riproponendo proprio lo schema visivo anticipato con la concept Kamal, ma secondo stilemi più attuali e vicini all’impronta stilistica recente del marchio. Confrontando ancora l’idea firmata da Masera con il prototipo introdotto nel 2003, ulteriori gruppi ottici sono evidenti a margine delle vistose prese d’aria, abbracciati dalle nervature che le delineano.

Imparentato con Jeep Renegade e Compass?

Il futuro SUV compatto dell’Alfa Romeo, sempre secondo le indiscrezioni circolate sino ad ora, potrebbe poggiare sul telaio Small Wide, sul quale sono già realizzati i modelli più compatti della gamma Jeep: Renegade e Compass. Le dimensioni potrebbero essere similari a questo ultimo. Tra gli aspetti vociferati, oltre a versioni tradizionali, la proposta potrebbe includere anche una versione ibrida plug-in. L’ipotizzato modello PHEV potrebbe essere spinto da un’unità a benzina FireFly Turbo di nuova generazione, legata a un propulsore elettrico. Il debutto avverrebbe nel 2019 e la commercializzazione potrebbe iniziare nel corso dell’anno seguente, ma è sempre doveroso usare il condizionale in attesa di informazioni precise sulla nuova vettura.

Rendering: Masera

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati