Aston Martin DBX: un RENDERING ne anticipa lo stile

L'inedita Aston Martin DBX arriverà sul mercato nel 2019

Il recente family feeling di Aston Martin contribuirà a definire il design della nuova DBX, primo SUV della casa costruttrice di Gaydon
Aston Martin DBX: un RENDERING ne anticipa lo stile

Da qualche anno a questa parte il segmento dei SUV sembra non avere più confini: il successo di questa tipologia di vetture sta contagiando SUV di ogni livello, dai più compatti ai più voluminosi, dai più sportivi ai più lussuosi. Non è un caso, dunque, che anche costruttori di un certo calibro abbiano deciso di entrare a piene mani in questo segmento di mercato investendo e sviluppando vetture concepite ad hoc, magari anche impensabili fino a qualche anno fa. Ad esempio è stato il caso di Porsche che ha ben pensato di dar vita alla Cayenne e poi alla più compatta Macan. Esempio che è stato seguito in pieno anche da altri costruttori premium di un certo livello quali Maserati, Lamborghini, Bentley e addirittura Rolls-Royce che hanno dato vita a SUV di assoluto prestigio quali rispettivamente Levante, Urus, Bentayga e Cullinan. E non è certo finita qua visto che anche Ferrari si è decisa a concepire il proprio SUV a modo suo che dovrebbe arrivare nel 2022: la inedita Purosangue, secondo quanto affermato da Louis Camilleri, nuovo amministratore delegato della Ferrari, “sarà una vettura elegante, potente, versatile, confortevole, spaziosa e connessa.”

Aston Martin: DBX è il primo SUV del brand inglese

Stando così le cose, Aston Martin non ha nessuna intenzione di stare a guardare ed è in procinto di sferrare la sua inedita offensiva nel segmento di nicchia rappresentato dai SUV sportivi ed al tempo stesso eleganti. Dopo la presentazione della concept car DBX avvenuta al Salone di Ginevra del 2015, con cui la casa costruttrice di Gaydon dichiarò di voler entrare nel segmento dei SUV, Aston Martin ha spinto sull’acceleratore per dar vita quanto prima al suo inedito SUV. Il risultato di questo tour de force è arrivato a metà dello scorso mese di novembre quando la stessa Aston Martin ha comunicato l’inizio dei test di collaudo e di sviluppo della nuova nata. Nuova nata che, a quanto pare, dovrebbe mantenere ufficialmente il nome DBX anche se dopo la registrazione del nome Varekai presso vari uffici brevetti più di qualcuno ha pensato che quest’ultimo potesse essere il nome scelto per identificare il primo SUV firmato Aston Martin.

Un rendering per anticipare le linee della nuova Aston Martin DBX

Come sarà la nuova Aston Martin DBX? Al di là delle prime foto spia e del primo video teaser di presentazione del nuovo modello rilasciato proprio in occasione dei primi test drive su strada e in off road, Carscoops ha provato a delineare le linee del primo SUV firmato dalla casa costruttrice di Gaydon. Partendo dalle prime foto spia diramate proprio da casa madre, il rendering della DBX proposto in apertura di articolo mette in evidenza un frontale in linea con le tendenze stilistiche attuali del family feeling di Aston Martin con particolare riferimento alla recente Vantage: in tal contesto una calandra generosa e tagliente, un cofano motore bombato e gruppi ottici estremamente sottili dovrebbero trovar spazio anche sulla nuova DBX. Il corpo vettura della nuova nata, inoltre, dovrebbe essere caratterizzato anche da una linea di cintura ben delineata e da un posteriore particolarmente sfuggente. Andy Palmer, CEO di Aston Martin, ha riservato queste parole di presentazione alla futura DBX: “La DBX è molto più di un classico SUV. Sarà il primo modello ad essere costruito presso il nostro nuovo impianto di St Athan. La DBX segna l’inizio di una nuova era nella lunga storia della nostra compagnia.”

L’inedita Aston Martin DBX verrà commercializzata entro la fine del 2019

La nuova era di Aston Martin dovrebbe iniziare proprio nel 2019, difatti, le ultime notizie concernenti il lancio commerciale della nuova DBX dicono che la casa costruttrice inglese dovrebbe presentare il suo primo SUV sul mercato entro la fine del prossimo anno. A spingere la nuova nata potrebbe esserci una molteplicità di propulsori: al lancio il nuovo modello dovrebbe poter contare sul V8 4.0 twin turbo da 510 cv di potenza e 685 Nm di coppia che è già appannaggio della su citata coupè Vantage. Successivamente alla presentazione dovrebbero arrivare nel cofano della nuova Aston Martin DBX anche un V6 riferito alla versione entry level ed un V12 per quanto concerne la variante top di gamma.

Crediti immagini copertina: Carscoops / Josh Byrnes

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati