WP_Post Object ( [ID] => 587786 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-01-07 12:51:40 [post_date_gmt] => 2019-01-07 11:51:40 [post_content] => Il Decreto Sicurezza ha dato un giro di vite ai ‘furbetti’ con vetture con targa estera, ma residenti in Italia. Tuttavia, questo provvedimento sta creando non pochi problemi per chi è domiciliato o lavora a San Marino, pur restando residente nel Bel Paese. Come riporta il sito Asaps, sono già diversi i casi di multe salate e confisca di vetture con targa sammarinese. L’ultimo caso è avvenuto un paio di giorni fa, con una signora residente a Rimini multata di 712 euro (ridotta a 498 euro perché pagata subito), con confisca della vettura, perché era alla guida della vettura del marito sammarinese e, dunque, con targa di San Marino.

Targhe estere: i rischi per i frontalieri

I problemi sono legati principalmente ai frontalieri, che non possono guidare auto o mezzi delle aziende sammarinesi, con il rischio di multa e confisca del mezzo, se vengono fermati. Il motivo? San Marino non rientra nei paesi dell’UE o dello Spazio Economico Europeo e, dunque, non rientra nell’ambito della deroga per chi utilizza un veicolo a noleggio o in comodato. La conferma arriva da parte di Giordano Biserni, presidente dell’Asaps: “Il conducente di un veicolo con targa straniera può guidarlo comunque se lo ha in comodato, in noleggio o in qualsiasi altro tipo di assegnazione del mezzo, dal datore di lavoro – le sue parole - Il problema per San Marino è che la normativa parla di deroga per paesi dell'Unione Europea o Spazio Economico Europeo e San Marino non ne fa parte”.

Targhe estere San Marino: attesa una circolare

Gli effetti negativi potrebbero essere neutralizzati nei prossimi giorni, con l’attesa circolare esplicativa del Ministero dell’Interno. Ma, secondo un avvocato riminese, non basterà, perché servirà una fonte normativa equivalente. Tuttavia, la questione è arrivata ovviamente ai vertici della diplomazia sammarinese, che ha avviato i contatti per risolvere al più presto questo problema. Il Segretario di Stato Renzi si è detto fiducioso su una soluzione positiva, visti gli ottimi rapporti tra Italia e San Marino. [post_title] => Targhe estere: i problemi per le auto di San Marino [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => targhe-estere-i-problemi-per-le-auto-di-san-marino [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-01-07 12:51:40 [post_modified_gmt] => 2019-01-07 11:51:40 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=587786 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Targhe estere: i problemi per le auto di San Marino

Le deroghe non sono valide, San Marino è extra UE

I frontalieri di San Marino stanno avendo parecchi problemi con il Decreto Sicurezza ed il giro di vite sulle targhe estere. Il piccolo paese non rientra nell'UE e non valgono così le deroghe su noleggio o comodato.
Targhe estere: i problemi per le auto di San Marino

Il Decreto Sicurezza ha dato un giro di vite ai ‘furbetti’ con vetture con targa estera, ma residenti in Italia. Tuttavia, questo provvedimento sta creando non pochi problemi per chi è domiciliato o lavora a San Marino, pur restando residente nel Bel Paese. Come riporta il sito Asaps, sono già diversi i casi di multe salate e confisca di vetture con targa sammarinese.

L’ultimo caso è avvenuto un paio di giorni fa, con una signora residente a Rimini multata di 712 euro (ridotta a 498 euro perché pagata subito), con confisca della vettura, perché era alla guida della vettura del marito sammarinese e, dunque, con targa di San Marino.

Targhe estere: i rischi per i frontalieri

I problemi sono legati principalmente ai frontalieri, che non possono guidare auto o mezzi delle aziende sammarinesi, con il rischio di multa e confisca del mezzo, se vengono fermati. Il motivo? San Marino non rientra nei paesi dell’UE o dello Spazio Economico Europeo e, dunque, non rientra nell’ambito della deroga per chi utilizza un veicolo a noleggio o in comodato.

La conferma arriva da parte di Giordano Biserni, presidente dell’Asaps: “Il conducente di un veicolo con targa straniera può guidarlo comunque se lo ha in comodato, in noleggio o in qualsiasi altro tipo di assegnazione del mezzo, dal datore di lavoro – le sue parole – Il problema per San Marino è che la normativa parla di deroga per paesi dell’Unione Europea o Spazio Economico Europeo e San Marino non ne fa parte”.

Targhe estere San Marino: attesa una circolare

Gli effetti negativi potrebbero essere neutralizzati nei prossimi giorni, con l’attesa circolare esplicativa del Ministero dell’Interno. Ma, secondo un avvocato riminese, non basterà, perché servirà una fonte normativa equivalente.

Tuttavia, la questione è arrivata ovviamente ai vertici della diplomazia sammarinese, che ha avviato i contatti per risolvere al più presto questo problema. Il Segretario di Stato Renzi si è detto fiducioso su una soluzione positiva, visti gli ottimi rapporti tra Italia e San Marino.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati