WP_Post Object ( [ID] => 588213 [post_author] => 40 [post_date] => 2019-01-08 11:40:21 [post_date_gmt] => 2019-01-08 10:40:21 [post_content] => Lo sguardo si sofferma sulle diverse componenti. È evidente una marcata sportività, con tanti tocchi di eleganza che da sempre contraddistinguono la Porsche 911.

Una sintesi degli interni in cinque punti

Il Direttore dell'Interior Design, Ivo van Hulten, ci guida in questo percorso costellato di forme, rivestimenti, visioni tecnologiche e una minuziosa ricerca stilistica. Questa nuova particolare classifica, secondo il parere del l'esperto, rappresenta un altro interessante appuntamento della "Porsche Top 5 Series" firmata dalla casa tedesca. Si parte dal Concept dell'abitacolo, ovvero dalla fase iniziale dell'opera. La storia, l'evoluzione e le caratteristiche iconiche che hanno da sempre reso celebre la 911, restano importanti per ogni scelta. La visione attuale è arricchita da tanta tecnologia, come ad esempio la presenza centrale di un ampio schermo da 10,9 pollici. Un'interfaccia grafica che consente diverse operazioni. Quindi si passa al volante, al centro nevralgico della guida. Rivisto nell'aspetto e caratterizzato da pulsanti e controller, testimonia già una profonda interazione col mezzo, specchiata nel quadro strumenti che presenta al centro un elegante quadrante analogico, affiancato da altri schermi. Uno dei punti più interessanti a bordo dell'auto. In successione ci si sofferma sulla console, analizzando ancora una volta l'evoluzione storica e gli importanti parametri ad essa collegata. Stile e scelte da tenere in considerazione durante la fase di studio. Da una visione orizzontale a un'altra verticale, con la presenza sempre più massiccia di sistemi tecnologici. Recuperando attualmente un'impostazione ancora orizzontale, arricchita da materiali e componenti di qualità. Al terzo punto spicca l'utilizzo di prototipi tridimensionali per definire meglio ogni dettaglio. Si mettono in evidenza le varie scelte, l'impostazione della plancia, la presenza di forme scolpite poste su differenti livelli e le proporzioni variegate di un approccio tridimensionale. Ma il già accennato quadro strumenti torna protagonista nel dettaglio, occupando saldamente la seconda posizione della classifica. L'interazione e la sinergia tra un'interfaccia analogica e altre di tipo digitale, rappresenta a un primo impatto una scelta scenografica e funzionale. Al centro, come detto, figura il quadrante analogico che segnala i numero di giri del propulsore. Iconico sulla 911. Un chiaro elemento distintivo per un'auto sportiva, che incorpora diversi indicatori luminosi all'interno della sua forma circolare. Le restanti informazioni sono racchiuse, poi, all'interno nei display che lo abbracciano. E al vertice proprio la citata interazione di questo approccio, secondo il Direttore dell'Interior Design rappresenta l'aspetto più caratterizzante dell'abitacolo. L'unione di analogico e digitale renderebbe suggestiva l'interazione con quest'auto attarverso un bilanciamento ottimizzato, da quanto emerge. Basta osservare gli elementi fisici su tunnel e plancia, oltre ai già indicati schermi che completano questo quadro d'insieme. Video: Porsche [post_title] => Porsche Top 5 Series: i punti di forza nell'abitacolo della nuova 911 [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => porsche-top-5-series-i-punti-di-forza-nellabitacolo-della-nuova-911-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-01-08 11:40:21 [post_modified_gmt] => 2019-01-08 10:40:21 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=588213 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Porsche Top 5 Series: i punti di forza nell’abitacolo della nuova 911 [VIDEO]

All'interno dell'ottava generazione

La casa tedesca consente di osservare diversi dettagli a bordo della nuova sportiva, accompagnati dal responsabile del design interno
Porsche Top 5 Series: i punti di forza nell’abitacolo della nuova 911 [VIDEO]

Lo sguardo si sofferma sulle diverse componenti. È evidente una marcata sportività, con tanti tocchi di eleganza che da sempre contraddistinguono la Porsche 911.

Una sintesi degli interni in cinque punti

Il Direttore dell’Interior Design, Ivo van Hulten, ci guida in questo percorso costellato di forme, rivestimenti, visioni tecnologiche e una minuziosa ricerca stilistica. Questa nuova particolare classifica, secondo il parere del l’esperto, rappresenta un altro interessante appuntamento della “Porsche Top 5 Series” firmata dalla casa tedesca.
Si parte dal Concept dell’abitacolo, ovvero dalla fase iniziale dell’opera. La storia, l’evoluzione e le caratteristiche iconiche che hanno da sempre reso celebre la 911, restano importanti per ogni scelta. La visione attuale è arricchita da tanta tecnologia, come ad esempio la presenza centrale di un ampio schermo da 10,9 pollici. Un’interfaccia grafica che consente diverse operazioni.
Quindi si passa al volante, al centro nevralgico della guida. Rivisto nell’aspetto e caratterizzato da pulsanti e controller, testimonia già una profonda interazione col mezzo, specchiata nel quadro strumenti che presenta al centro un elegante quadrante analogico, affiancato da altri schermi. Uno dei punti più interessanti a bordo dell’auto.
In successione ci si sofferma sulla console, analizzando ancora una volta l’evoluzione storica e gli importanti parametri ad essa collegata. Stile e scelte da tenere in considerazione durante la fase di studio. Da una visione orizzontale a un’altra verticale, con la presenza sempre più massiccia di sistemi tecnologici. Recuperando attualmente un’impostazione ancora orizzontale, arricchita da materiali e componenti di qualità.
Al terzo punto spicca l’utilizzo di prototipi tridimensionali per definire meglio ogni dettaglio. Si mettono in evidenza le varie scelte, l’impostazione della plancia, la presenza di forme scolpite poste su differenti livelli e le proporzioni variegate di un approccio tridimensionale.
Ma il già accennato quadro strumenti torna protagonista nel dettaglio, occupando saldamente la seconda posizione della classifica. L’interazione e la sinergia tra un’interfaccia analogica e altre di tipo digitale, rappresenta a un primo impatto una scelta scenografica e funzionale. Al centro, come detto, figura il quadrante analogico che segnala i numero di giri del propulsore. Iconico sulla 911. Un chiaro elemento distintivo per un’auto sportiva, che incorpora diversi indicatori luminosi all’interno della sua forma circolare. Le restanti informazioni sono racchiuse, poi, all’interno nei display che lo abbracciano. E al vertice proprio la citata interazione di questo approccio, secondo il Direttore dell’Interior Design rappresenta l’aspetto più caratterizzante dell’abitacolo. L’unione di analogico e digitale renderebbe suggestiva l’interazione con quest’auto attarverso un bilanciamento ottimizzato, da quanto emerge. Basta osservare gli elementi fisici su tunnel e plancia, oltre ai già indicati schermi che completano questo quadro d’insieme.

Video: Porsche

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati