WP_Post Object ( [ID] => 588652 [post_author] => 40 [post_date] => 2019-01-09 11:13:14 [post_date_gmt] => 2019-01-09 10:13:14 [post_content] => Il primo prototipo della storica Porsche 911 Cabriolet risale al Salone di Francoforte del 1981 e, appena nell'arco di un anno, la prima versione prodotta lasciò gli stabilimenti della casa. Era l'inizio di un'altra storia, oggi arricchita da un nuovo capitolo con l'introduzione della nuova generazione scoperta della 911.

Più contenuti tecnologici e potenza

Linee estetiche muscolari e gruppi ottici ridefiniti, soprattutto nella zona posteriore, la accomunano all'ultima serie 992. La dimensioni vigorose sono legate a un assale posteriore più ampio di 44 millimetri, una zona frontale prominente e ampi cerchi da 20 pollici anteriori e posteriori da 21 pollici. Caratterizzante e distintivo è ovviamente il tetto in tela, legato a un comando elettrico totalmente automatico che comprende un lunotto posteriore in vetro ed elementi strutturali in magnesio, da quanto segnalato. Può essere azionato anche in movimento sino a 50 chilometri orari, nell'arco di 12 secondi, corredato anche da deflettori per assicurare l'opportuno comfort. L'abitacolo, come la rinnovata 911, è stato riplasmato completamente. Lo sviluppo orizzontale e la presenza di schermi, assieme a elementi fisici e rimandi stilistici alla tradizione, costituiscono un ambiente ricercato e sportivo. Tra gli aspetti interessanti, oltre a un quadro strumenti che unisce un quadrante analogico a schermi digitali che comprendono diverse informazioni oltre a un ampio display da 10,9 pollici dell'aggiornato Porsche Communication Management, sono diverse le tecnologici studiati per assistere e amplificare la sicurezza e le prestazioni complessive. Dalla disponibilità, per la prima volta su una 911 Cabriolet, del sistema PASM (Porsche Active Suspension Management), passando a una specifica funzione Wet Mode (modalità studiata per un asfalto bagnato), un rinvigorente Sport Chrono Package e, altrettanto opzionale, la possibilità di utilizzare un Night Vision Assist durante i percorsi notturni.

Subito in versione Carrera S e Carrera 4S

Proposta inizialmente nelle varianti 911 Carrera S Cabriolet e Carrera 4S Cabriolet, per il mercato tedesco risulta già ordinabile e si prospettano prezzi a partire da 134.405,00 euro, incluse VAT e specifiche. Mentre per la variante a trazione integrale, il prezzo prospettato parte da 142.259,00 euro, secondo le indicazioni diffuse. Per il mercato italiano, i prezzi scattano invece da 138.639,00 euro iniziando dalla 911 Carrera S Cabriolet e da 146.691,00 euro propendendo per una Carrera 4S Cabriolet, compresa IVA e dotazioni specifiche. Entrambe già ordinabili, da quanto segnalato. Il nuovo propulsore, presente nell'iconica posizione posteriore a sbalzo ma all'interno di un progetto ridefinito e studiato integralmente, consente una maggiore rigidezza torsionale in simbiosi con una calibrata distribuzione dei pesi. La potenza è generata su entrambe le versioni da un boxer sei cilindri turbo-compresso da 2.981 cm³ (3.0 litri). Un'unità legata a una trasmissione doppia frizione a otto rapporti, capace di produrre 450 cavalli a 6.500 giri/minuto e 530 Nm di coppia massima tra i 2.300 e i 5.000 giri minuto. La casa segnala, nel caso di una versione Carrera S uno scatto da 0 a 100 km/h coperto in 3,9 secondi, che diventano 3,7 nel caso si opti per un Sport Chrono Package, e 306 km/h di velocità massima. Scegliendo una Carrera 4S, i 100 km/h sono raggiunti in 3,8 secondi o in 3,6 secondi con l'opzionale Sport Chrono Package. Leggermente meno elevato il dato sul tachimetro a quota 304 km/h, riportando ancora le indicazioni fornite. Video:Porsche [post_title] => Nuova Porsche 911 Cabriolet: introdotta la variante scoperta dell'ottava generazione [FOTO E VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nuova-porsche-911-cabriolet-introdotta-la-variante-scoperta-dellottava-generazione-foto-e-video [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-01-09 12:34:28 [post_modified_gmt] => 2019-01-09 11:34:28 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=588652 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nuova Porsche 911 Cabriolet: introdotta la variante scoperta dell’ottava generazione [FOTO E VIDEO]

Disponibile inizialmente nelle versioni Carrera S e Carrera 4S

La casa di Stoccarda mostra la nuova definizione dell'iconica cabriolet. Un'altra bestseller dal lontano 1982

Il primo prototipo della storica Porsche 911 Cabriolet risale al Salone di Francoforte del 1981 e, appena nell’arco di un anno, la prima versione prodotta lasciò gli stabilimenti della casa. Era l’inizio di un’altra storia, oggi arricchita da un nuovo capitolo con l’introduzione della nuova generazione scoperta della 911.

Più contenuti tecnologici e potenza

Linee estetiche muscolari e gruppi ottici ridefiniti, soprattutto nella zona posteriore, la accomunano all’ultima serie 992. La dimensioni vigorose sono legate a un assale posteriore più ampio di 44 millimetri, una zona frontale prominente e ampi cerchi da 20 pollici anteriori e posteriori da 21 pollici. Caratterizzante e distintivo è ovviamente il tetto in tela, legato a un comando elettrico totalmente automatico che comprende un lunotto posteriore in vetro ed elementi strutturali in magnesio, da quanto segnalato. Può essere azionato anche in movimento sino a 50 chilometri orari, nell’arco di 12 secondi, corredato anche da deflettori per assicurare l’opportuno comfort.
L’abitacolo, come la rinnovata 911, è stato riplasmato completamente. Lo sviluppo orizzontale e la presenza di schermi, assieme a elementi fisici e rimandi stilistici alla tradizione, costituiscono un ambiente ricercato e sportivo.
Tra gli aspetti interessanti, oltre a un quadro strumenti che unisce un quadrante analogico a schermi digitali che comprendono diverse informazioni oltre a un ampio display da 10,9 pollici dell’aggiornato Porsche Communication Management, sono diverse le tecnologici studiati per assistere e amplificare la sicurezza e le prestazioni complessive. Dalla disponibilità, per la prima volta su una 911 Cabriolet, del sistema PASM (Porsche Active Suspension Management), passando a una specifica funzione Wet Mode (modalità studiata per un asfalto bagnato), un rinvigorente Sport Chrono Package e, altrettanto opzionale, la possibilità di utilizzare un Night Vision Assist durante i percorsi notturni.

Subito in versione Carrera S e Carrera 4S

Proposta inizialmente nelle varianti 911 Carrera S Cabriolet e Carrera 4S Cabriolet, per il mercato tedesco risulta già ordinabile e si prospettano prezzi a partire da 134.405,00 euro, incluse VAT e specifiche. Mentre per la variante a trazione integrale, il prezzo prospettato parte da 142.259,00 euro, secondo le indicazioni diffuse. Per il mercato italiano, i prezzi scattano invece da 138.639,00 euro iniziando dalla 911 Carrera S Cabriolet e da 146.691,00 euro propendendo per una Carrera 4S Cabriolet, compresa IVA e dotazioni specifiche. Entrambe già ordinabili, da quanto segnalato.
Il nuovo propulsore, presente nell’iconica posizione posteriore a sbalzo ma all’interno di un progetto ridefinito e studiato integralmente, consente una maggiore rigidezza torsionale in simbiosi con una calibrata distribuzione dei pesi. La potenza è generata su entrambe le versioni da un boxer sei cilindri turbo-compresso da 2.981 cm³ (3.0 litri). Un’unità legata a una trasmissione doppia frizione a otto rapporti, capace di produrre 450 cavalli a 6.500 giri/minuto e 530 Nm di coppia massima tra i 2.300 e i 5.000 giri minuto. La casa segnala, nel caso di una versione Carrera S uno scatto da 0 a 100 km/h coperto in 3,9 secondi, che diventano 3,7 nel caso si opti per un Sport Chrono Package, e 306 km/h di velocità massima. Scegliendo una Carrera 4S, i 100 km/h sono raggiunti in 3,8 secondi o in 3,6 secondi con l’opzionale Sport Chrono Package. Leggermente meno elevato il dato sul tachimetro a quota 304 km/h, riportando ancora le indicazioni fornite.

Video:Porsche

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati