Citroen: diverse iniziative per festeggiare il centenario [FOTO]

Iniziando da una domanda

Pianificato un calendario di eventi per ricordare i 100 anni del marchio francese

Si è partiti da un semplice quesito: “Come avrebbe festeggiato i 100 anni di Citroën il suo omonimo fondatore, André Citroën?” Pensando al suo carattere propositivo e innovatore, il brand transalpino ha stilato una serie di appuntamenti che arricchiranno l’anno in corso, proprio per ricordare la sua lunga storia.

Tra passato e innovazione

Diversi eventi nell’arco del 2019 ritmeranno il lungo omaggio al marchio, attivo da ben 100 anni, grazie a manifestazioni, raduni, presentazioni di visionarie concept car e un corposo utilizzo dei social network. In base alle anticipazioni fornite, sottolineando che saranno numerose le occasioni e le possibili sorprese, dopo un semplice assaggio allo scorso Salone di Parigi, Citroën già da questo mese offre un’ampia prospettiva della sua storia attraverso un museo virtuale consultabile on-line sul sito Citroën Origins, ravvivato anche dalle tinte del Centenario che caratterizzeranno anche la rete commerciale e persino le vetture ufficiali impegnate nel WRC. “Origins” è anche il termine apposto su versioni speciali di alcune vetture proposte nel corso dell’anno e in particolari mercati. Così come sono stati pensati anche gadget commemorativi e, da aprile, uno speciale libro da collezione dedicato alle strategie comunicative della casa nel corso degli anni. Mentre in estate, nell’ambito dell’iniziativa “The World Inspired by Citroën”, si darà spazio a noti fotografi che, grazie ai loro scatti, cercheranno di impreziosire ulteriormente l’immagine internazionale del brand.
Ma il programma, come detto, risulta piuttosto ricco. Interessante è l’anticipazione di due nuove concept car previste per febbraio e maggio. La prima, mostrata successivamente anche in occasione del Salone di Ginevra, è un esempio di visione futuristica nell’ambito della mobilità urbana, da quanto segnalato. Mentre la seconda, proposta a Parigi, rappresenta un’idea di ciò che intende il marchio per “ultra-comfort”. Uno degli aspetti più curati dal costruttore.

Riassaporare dei ricordi

Già da febbraio al Retromobile parigino, in programma agli inizi del mese, Citroën ha programmato comunque una corposa esposizione di esemplari storici all’interno di un ampio spazio di 1.200 m². Sono trenta i modelli attesi, suddivisi in tre raggruppamenti, ossia 10 vetture di serie, 10 concept car e 10 vetture da competizione.
L’elenco diramato prevede tra le auto di serie: Type A 10 HP, C3 5 HP, Traction Avant, Type H, 2 CV, DS 21 Pallas, Méhari, CX 25 Prestige, C6, Nuovo SUV C5 Aircross.
Le concept anticipate sono: C10, GS Camargue, Karin, Activa 1, Xanae, Osmose, C-Métisse, GTbyCitroën, Tubik, CXPERIENCE.
Quindi, le vetture da gara segnalate includono: Scarabée d’Or, Petite Rosalie, DS 21 del Rally del Marocco 1969, SM del Rally del Marocco 1971, 2 CV Raid Afrique, ZX Rallye Raid, Xsara Kit Car, C4 WRC, C-Elysée WTCC, C3 WRC.
Particolare anche l’iniziativa denominata Citroën Rent&Smile “Origins”, pianificata per aprile a Parigi e studiata per offrire l’opportunità di noleggiare anche vetture d’epoca, in alternativa alla gamma attuale sempre proposta. Da maggio, poi, attraverso i social network esclusivi filmati all’interno di una serie chiamata “Di Generazione in Generazione” permetteranno di vivere i momenti più emozionanti di alcune famiglie affezionate al marchio.
Le celebrazioni continuano a metà giungo, assumendo tinte ancora più festose nell’ambito della “Street Burst Day”, una particolare feste di compleanno per ricordare la prima Type A grazie a un’esposizione lungo una strada cittadina a Parigi, costellata da ben cento tra gli esemplari più rappresentativi nel corso del secolo.
Con “Citroën Stories”, a luglio, sempre attraverso i social network un giornalista a bordo del più recente SUV C5 Aircross è pronto ad attraversare ben sette Paesi per realizzare delle interviste incontrando gli appassionati di lungo corso.
Infine, uno degli appuntamenti più attesi potrebbe essere il cosiddetto “Le Rassemblement du Siècle”, ovvero i raduno del secolo pianificato tra i giorni 19 e 21 luglio sulla storica pista del marchio La Ferté-Vidame. Luogo sul quale avvenne lo sviluppo della storica 2CV. Si prospettano 11.000 collezionisti, quasi 5.000 vetture e 50.000 possibili visitatori nel corso dei giorni indicati. Una manifestazione organizzata dai collezionisti di Amicale Citroën & DS France e l’Aventure Peugeot, Citroën, DS, il noto museo del gruppo transalpino.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati