Ferrari Monza SP1 e Monza SP2: estetica, tradizione e potenza [VIDEO]

Altri filmati dedicati alle esclusive sportive

Il marchio del Cavallino Rampante mette in evidenza alcuni aspetti che caratterizzano le due serie speciali limitate della panoramica Icona
Ferrari Monza SP1 e Monza SP2: estetica, tradizione e potenza [VIDEO]

Un casco, dei guanti e una visione che assume sempre più forza sino a diventare rabbiosa, pur restando composta. A bassa velocità o accarezzando il limite rosso sull’indicatore, le due Ferrari Monza SP1 e Monza SP2 possiedono un’immagine forte. Una potenza ammaliante.

Profondi rimandi al passato

La particolare tonneau cover differenzia gli esemplari, come le stesse livree. Una colorazione metallica segnata anche da una fascia gialla (colorazione che riveste anche la zona posteriore del poggiatesta) per la monoposto Monza SP1 e un elegante nero per la Monza SP2 (con interni rivestiti di rosso), che consente di ospitare anche un passeggero. Il motore V12 è cuore di un progetto che presenta chiari rimando al passato, e in entrambi i video a bassa e alta velocità, si sottolineano questi dettagli che offrono una visione diversa e un po’ romantica della guida sportiva. Il profilo sinuoso e schiacciato assieme al tagliente frontale sono tipici da barchetta. Perché le due auto presentano questa configurazione, considerando il concetto di volume monolitico ad “ala spessa” impiegato nell’occasione. Distintivi anche i gruppi ottici, non solo quelli anteriori che appaiono immersi e contrassegnati da un altro fascio LED, che ne rafforza la resa visiva, ma soprattutto il motivo unico nella zona posteriore che connota quest’area piuttosto avvolgente, rimandando alle storiche Ferrari realizzate negli anni Cinquanta. Utilizzati materiali compositi e tecnologici, come interessante e l’unione di sistemi analogici e digitali, osservando in particolare il variegato quadro strumenti, con rimandi alla tradizione che suggeriscono non solo un’elevata grinta ma anche un’eleganza essenziale.

Centinaia di purosangue

Sotto il “cofango” in carbonio spinge funambolico un motore V12. Un’unità similare a quella della già performante Ferrari 812 Superfast. Le due Monza SP1 e SP2 sono inedite rappresentati di una nuova panoramica, piuttosto esclusiva e in serie limitata che contraddistingue le Icona. Uno di quattro raggruppamenti segnalati all’interno della produzione di Maranello, oltre alle vetture Sport, Gran Turismo (tra le quali si attende l’anticipato Purosangue) e le Special Series. La spinta dunque è fornita da un voluminoso 6.5 litri aspirato che trasmette ben 812 cavalli, permettendo una bruciante accelerazione completata in 2,9 secondi per raggiungere i 100 km/h in entrambi i casi (si segnala anche un arco di 7,9 secondi per raggiungere una velocità di 200 km/h), toccando quindi un picco superiore ai 300 km/h, da quanto emerso.

Video: Ferrari

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati