WP_Post Object ( [ID] => 589931 [post_author] => 40 [post_date] => 2019-01-11 16:29:39 [post_date_gmt] => 2019-01-11 15:29:39 [post_content] => Porsche AG ha registrato nel mondo 256.255 veicoli consegnati, segnalando un nuovo bilancio positivo nel 2018. Davanti a tutti il mercato cinese considerando i singoli mercati, mentre quello italiano, grazie a un lodevole risultato, guadagna la terza posizione nella classifica europea.

Un altro progresso

Tramite un comunicato, la casa tedesca ha evidenziato una crescita del 4% nell'esercizio complessivo dello scorso anno, rispetto al già ragguardevole riscontro ottenuto nel 2017. Una stagione da record. Un esito collegato anche al successo di alcuni modelli come Panamera, le cui consegne sono aumentate del 38%, tradotte in 38.443 esemplari venduti. Così come l'intramontabile gamma 911, anche questa in doppia cifra (+10%) nonostante l'annunciata e mostrata nuova generazione 992, a quota 35.573 modelli acquistati. Proprio sull'iconica sportiva il membro del Consiglio di Amministrazione e responsabile Vendite e Marketing di Porsche AG, Detlev von Platen, ha sottolineato come il "fascino" della 911 risulti ancora "più forte", attraendo nuovi clienti nell'arco del 2018 nonostante l'annuncio di un nuova generazione, poi mostrata allo scorso Salone di Los Angeles. Come nota è anche la versione Cabriolet, mostrata da pochi giorni. Interessanti anche le prestazioni della gamma SUV. Non molto ampio il divario tra l'ampia Cayenne e la più compatta Macan, rispettivamente 71.458 e 86.031 vetture consegnate, secondo le indicazioni fornite.

Il mercato italiano di nuovo sul podio europeo

Nonostante l'evoluzione del mercato, l'attuazione di nuove normative riguardanti le emissioni, nonché l'assenza di esemplari diesel in listino, in Italia la rete legata al marchio ha registrato 5.290 vendite nell'arco dello scorso anno. Un risultato vicino alla cifra record ottenuta nel 2017 che, in ogni caso, ha consentito al mercato interno di posizionarsi terzo in Europa dopo quello tedesco e inglese. Nel Vecchio Continente è stato accertato un lieve calo complessivo rispetto allo scorso anno, da quanto riferito. Lo stesso Detlev von Platen, sulla questione, ha posto in evidenza le "sfide" collegate al "nuovo ciclo di omologazione WLTP e l’introduzione dei filtri anti-particolato per motori a benzina", quindi la mancata introduzione di nuove versioni diesel da febbraio dello scorso anno. Il mercato di vertice e maggiormente trainante, osservando le consegne, resta comunque quello cinese. In questo caso si parla di una crescita del 12%, collegata a ben 80.108 consegne, davanti al quello statunitense sempre secondo tra i mercati a livello globale, cresciuto anche del 3% con 57.202 modelli venduti. [post_title] => Porsche: positivo il bilancio nel 2018, il mercato italiano sul podio tra quelli europei [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => porsche-positivo-il-bilancio-nel-2018-il-mercato-italiano-sul-podio-tra-quelli-europei [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-01-11 16:29:39 [post_modified_gmt] => 2019-01-11 15:29:39 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=589931 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Porsche: positivo il bilancio nel 2018, il mercato italiano sul podio tra quelli europei

Terzo dopo Germania e Inghilterra

La casa di Stoccarda evidenzia risultati positivi a chiusura dello scorso anno. La Cina risulta il mercato principale, mentre quello italiano occupa la terza piazza nel Vecchio Continente
Porsche: positivo il bilancio nel 2018, il mercato italiano sul podio tra quelli europei

Porsche AG ha registrato nel mondo 256.255 veicoli consegnati, segnalando un nuovo bilancio positivo nel 2018. Davanti a tutti il mercato cinese considerando i singoli mercati, mentre quello italiano, grazie a un lodevole risultato, guadagna la terza posizione nella classifica europea.

Un altro progresso

Tramite un comunicato, la casa tedesca ha evidenziato una crescita del 4% nell’esercizio complessivo dello scorso anno, rispetto al già ragguardevole riscontro ottenuto nel 2017. Una stagione da record. Un esito collegato anche al successo di alcuni modelli come Panamera, le cui consegne sono aumentate del 38%, tradotte in 38.443 esemplari venduti. Così come l’intramontabile gamma 911, anche questa in doppia cifra (+10%) nonostante l’annunciata e mostrata nuova generazione 992, a quota 35.573 modelli acquistati. Proprio sull’iconica sportiva il membro del Consiglio di Amministrazione e responsabile Vendite e Marketing di Porsche AG, Detlev von Platen, ha sottolineato come il “fascino” della 911 risulti ancora “più forte”, attraendo nuovi clienti nell’arco del 2018 nonostante l’annuncio di un nuova generazione, poi mostrata allo scorso Salone di Los Angeles. Come nota è anche la versione Cabriolet, mostrata da pochi giorni. Interessanti anche le prestazioni della gamma SUV. Non molto ampio il divario tra l’ampia Cayenne e la più compatta Macan, rispettivamente 71.458 e 86.031 vetture consegnate, secondo le indicazioni fornite.

Il mercato italiano di nuovo sul podio europeo

Nonostante l’evoluzione del mercato, l’attuazione di nuove normative riguardanti le emissioni, nonché l’assenza di esemplari diesel in listino, in Italia la rete legata al marchio ha registrato 5.290 vendite nell’arco dello scorso anno. Un risultato vicino alla cifra record ottenuta nel 2017 che, in ogni caso, ha consentito al mercato interno di posizionarsi terzo in Europa dopo quello tedesco e inglese. Nel Vecchio Continente è stato accertato un lieve calo complessivo rispetto allo scorso anno, da quanto riferito. Lo stesso Detlev von Platen, sulla questione, ha posto in evidenza le “sfide” collegate al “nuovo ciclo di omologazione WLTP e l’introduzione dei filtri anti-particolato per motori a benzina”, quindi la mancata introduzione di nuove versioni diesel da febbraio dello scorso anno.
Il mercato di vertice e maggiormente trainante, osservando le consegne, resta comunque quello cinese. In questo caso si parla di una crescita del 12%, collegata a ben 80.108 consegne, davanti al quello statunitense sempre secondo tra i mercati a livello globale, cresciuto anche del 3% con 57.202 modelli venduti.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati