Autostrade risponde a Di Maio: “Le nostre tariffe sono tra le più basse in Europa”

Autostrade risponde a Di Maio: “Le nostre tariffe sono tra le più basse in Europa”

La concessionaria sottolinea che gli investimenti ci sono

Autostrade per l'Italia risponde alle accuse di tariffe troppo elevate e investimenti esigui avanzate dal vice premier Luigi Di Maio con una nota che mette nero su bianco i numeri, confrontati con quelli di Paesi comparabili all'Italia come Francia e Spagna.
Autostrade risponde a Di Maio: “Le nostre tariffe sono tra le più basse in Europa”

Dopo la diretta Facebook del vice premier Luigi Di Maio, in compagnia di Alessandro Di Battista, con la quale veniva criticata Autostrade per l’Italia di essere troppo cara, proponendo un sistema di pagamento simili a quello della Svizzera con conseguente abolizione dei caselli a favore di un abbonamento annuale valido per tutta la rete, è arrivata la risposta della concessionaria.

Autostrade: “In Italia costo per chilometro inferiore a Francia e Spagna”

Autostrade replica all’accusa delle tariffe troppo alte affermando di essere in realtà tra le più convenienti a livello europeo: “Autostrade per l’Italia ricorda che le tariffe autostradali sulla propria rete sono in media le più basse d’Europa nei Paesi comparabili: sono circa il 40% più basse rispetto a quelle applicate in Spagna e circa il 15% inferiori rispetto a quelle francesi”. Dando un’occhiata alla tabella pubblicata sul sito della concessionaria che mette a confronto le tariffe autostradali scopriamo che in Italia il costo al chilometro è di 7,36 centesimi di euro, meno degli 8,73 centesimi della Francia e dei 12,13 centesimi della Spagna.

Autostrade: gli investimenti sono stati fatti

Oltre alla tariffe troppo care, le accuse di Di Maio e Di Battista si sono concentrate anche sulla questione investimenti. Nel video social diffuso ieri dal Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico era stato ancora una volta ribadito l’impegno del governo nel togliere le concessioni ad Autostrade per l’Italia che, secondo l’esecutivo in carica, non avrebbe investito in maniera adeguata sulla rete autostradale nazionale, provocando così tragedie fatali come nel caso del crollo del ponte Morandi di Genova dell’agosto 2018.

Pure su questo tema Autostrade per l’Italia snocciola i numeri a sostegno del fatto che gli investimenti fatti sulla rete autostradale negli ultimi anni sono stati significativi: “La società ha investito dalla privatizzazione a fine 2017 13,6 miliardi di euro, con un livello medio annuo di investimenti pari a 757 milioni di euro l’anno contro i 127 milioni di euro annui medi della gestione pubblica. Inoltre Autostrade per l’Italia spende in manutenzione, per km di infrastruttura, circa 108.000 euro l’anno (periodo 2013-2017), cinque volte di più rispetto ad ANAS e tre volte di più rispetto alle principali concessionarie francesi e spagnole”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati