Anas, partita l’installazione delle colonnine elettriche lungo alcune autostrade italiane

Anas, partita l’installazione delle colonnine elettriche lungo alcune autostrade italiane

Il progetto verrà ampliato entro il 2020

Il progetto prevede l'installazione delle colonnine sulle autostrade A2 'Autostrada del Mediterraneo', A19 'Palermo - Catania' e su dieci aree di servizio presenti lungo le autostrade A90 'Grande Raccordo Anulare' e A91 'Roma - Aeroporto Fiumicino'
Anas, partita l’installazione delle colonnine elettriche lungo alcune autostrade italiane

In una nota ufficiale pubblicata questa mattina, Anas ha confermato l’installazione di una serie di colonnine per la ricarica delle auto elettriche nelle aree di servizio gestite sul territorio nazionale.

Il progetto, partito con la pubblicazione dei bandi di gara, verrà avviato con l’installazione delle colonnine sulle autostrade A2 ‘Autostrada del Mediterraneo’, A19 ‘Palermo – Catania’ e su dieci aree di servizio presenti lungo le autostrade A90 ‘Grande Raccordo Anulare’ e A91 ‘Roma – Aeroporto Fiumicino’.

Da notare che questo sarà solo il primo passaggio di un progetto molto più ampio che vedrà il proprio culmine nel 2020 (l’obiettivo sarà ampliare la rete di colonnine lungo tutte le altre arterie gestite dall’Anas.ndr). La prima stazione di rifornimento, ricordiamo, è già stata installata in via sperimentale nell’area di servizio di Selva Candida Estera del Gra di Roma.

“Il progetto – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Anas Massimo Simonini – conferma l’impegno di Anas per lo sviluppo del Piano nazionale per la mobilità elettrica e sostenibile e contribuisce al piano di riduzione delle emissioni di polveri sottili, previsto dalla normativa europea, con ricadute significative in termini di miglioramento della qualità dell’aria, soprattutto nei grandi centri urbani”.

“Questo progetto – ha affermato il Presidente di Anas Claudio Andrea Gemme – testimonia la crescente attenzione che Anas rivolge all’ambiente e alla sostenibilità, in linea con le più avanzate normative in materia, e si unisce a un’altra iniziativa: la presenza all’interno delle aree di servizio di isole ecologiche per gli oli esausti. Infatti, nell’ambito delle nuove procedure di affidamento delle concessioni per le ‘Aree di Servizio carburanti’ sono valorizzate le offerte degli operatori maggiormente orientati all’adozione di politiche gestionali innovative in materia ambientale: i rifiuti prodotti nelle nuove aree di servizio confluiranno in un’isola ecologica che comprenderà, oltre ai cassoni per stoccaggi differenziati, anche serbatoi dedicati alla raccolta degli oli esausti”.

Leggi altri articoli in Auto elettriche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati