WP_Post Object ( [ID] => 594509 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-01-28 14:39:01 [post_date_gmt] => 2019-01-28 13:39:01 [post_content] => La Renault Twizy è stato uno dei primi veicoli elettrici ad arrivare sul mercato ed ha avuto un successo importante nel 2012, l’anno in cui ha debuttato. Gli anni successivi hanno visto un calo importante delle vendite ed ora il futuro di questo mezzo è in Asia, precisamente in Corea del Sud. Dove c’è ottimismo su un buon volume di vendite, non solo da un punto di vista privato.

Le Renault Twizy sostituirà le motociclette

In particolare, è in atto un progetto pilota, in collaborazione con il servizio postale coreano. L’obiettivo è quello di sostituire 10.000 motociclette a combustione interna altamente inquinanti entro il 2020, con “veicoli elettrici ultra-compatti”. Esattamente le caratteristiche della Renault Twizy, modello ideale per le strade strette di Seul e di altre città del paese asiatico. Anche ai privati, comunque, sembra piacere questo modello della Losanga. Secondo il Korea Joongang Daily, infatti, lo scorso novembre sono stati venduti 1.400 esemplari nel paese asiatico ed una promozione su un canale di televendite ha riscosso l’interesse di 3.700 persone, con richieste di informazioni più dettagliate su questo modello. L’obiettivo è di vendere almeno 15.000 vetture entro il 2024. “La Twizy non è ancora morta – le parole di Gilles Normand, direttore del veicolo elettrico di Renault, riportate da Autonews Europe – Siamo stati in grado di adattarlo alla domanda locale in Corea, per il servizio postale o per le flotte di consegna locali. In Europa, invece, ha un uso più individuale”.

Renault Twizy e l’Europa

Come dicevamo, la Renault Twizy ha avuto un ottimo impatto anche nel Vecchio Continente, quando è stata lanciata, cioè nell’aprile 2012. E’ stata la vettura 100% elettrica più venduta in Europa in quell’anno, con oltre 9.000 esemplari acquistati, ma successivamente le vendite sono scese a circa 2.000 auto all’anno, andando così sotto le aspettative. [post_title] => Renault Twizy: un futuro 'da moto' in Corea del Sud [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => renault-twizy-un-futuro-da-moto-in-corea-del-sud [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-01-28 14:39:01 [post_modified_gmt] => 2019-01-28 13:39:01 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=594509 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Renault Twizy: un futuro ‘da moto’ in Corea del Sud

Il veicolo sarà utilizzato anche per il servizio postale

La Renault Twizy va in Corea del Sud. La casa della Losanga punta sul paese asiatico per dare nuova linfa al piccolo veicolo elettrico, non solo per quanto riguarda i privati, ma anche per servizio postale o le consegne locali.
Renault Twizy: un futuro ‘da moto’ in Corea del Sud

La Renault Twizy è stato uno dei primi veicoli elettrici ad arrivare sul mercato ed ha avuto un successo importante nel 2012, l’anno in cui ha debuttato. Gli anni successivi hanno visto un calo importante delle vendite ed ora il futuro di questo mezzo è in Asia, precisamente in Corea del Sud. Dove c’è ottimismo su un buon volume di vendite, non solo da un punto di vista privato.

Le Renault Twizy sostituirà le motociclette

In particolare, è in atto un progetto pilota, in collaborazione con il servizio postale coreano. L’obiettivo è quello di sostituire 10.000 motociclette a combustione interna altamente inquinanti entro il 2020, con “veicoli elettrici ultra-compatti”. Esattamente le caratteristiche della Renault Twizy, modello ideale per le strade strette di Seul e di altre città del paese asiatico.

Anche ai privati, comunque, sembra piacere questo modello della Losanga. Secondo il Korea Joongang Daily, infatti, lo scorso novembre sono stati venduti 1.400 esemplari nel paese asiatico ed una promozione su un canale di televendite ha riscosso l’interesse di 3.700 persone, con richieste di informazioni più dettagliate su questo modello. L’obiettivo è di vendere almeno 15.000 vetture entro il 2024.

“La Twizy non è ancora morta – le parole di Gilles Normand, direttore del veicolo elettrico di Renault, riportate da Autonews Europe – Siamo stati in grado di adattarlo alla domanda locale in Corea, per il servizio postale o per le flotte di consegna locali. In Europa, invece, ha un uso più individuale”.

Renault Twizy e l’Europa

Come dicevamo, la Renault Twizy ha avuto un ottimo impatto anche nel Vecchio Continente, quando è stata lanciata, cioè nell’aprile 2012. E’ stata la vettura 100% elettrica più venduta in Europa in quell’anno, con oltre 9.000 esemplari acquistati, ma successivamente le vendite sono scese a circa 2.000 auto all’anno, andando così sotto le aspettative.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. vacanziere

    29 Gennaio 2019 at 10:59

    Sarebbe Bastato Dotare la TWizy di 2 semplici Porte leggere con Vetri in Plastica per continuare o Cominciare a Venderne di Piu’. Senza porte e’ Funzionale Solo per la Stagione Estiva..come una Moto con le Porte Tutto l’ Anno,come una Vera Auto…ma e’ra Indispensabile anche Aumentare l’ Autonomia.

Articoli correlati