Nuova Mercedes-Benz Classe V: affinamenti e nuovi contenuti pensando sempre al comfort [FOTO]

Nuove motorizzazioni diesel OM 654

Ritocchi estetici, assieme a soluzioni meccaniche e tecnologiche, rappresentano l'essenza di questa evoluzione estetica e funzionale, studiata per rafforzare le qualità del veicolo multi-spazio marchiato con la Stella, anche nelle varianti Marco Polo

La maturazione concettuale e contenutistica della Mercedes-Benz Classe V appare mirata e sostanziale. Gli esemplari osservati a Stoccarda, compresa una ricca variante Marco Polo, hanno permesso di conoscere da vicino e tastare il fine progresso concettuale del modello rinnovato.

Riplasmata all’esterno in modo mirato

Alcuni dettagli estetici offrono una visione rinnovata di questo mezzo, confermando la sua riconoscibilità. Eleganza e accenni sportivi, annoverando ad esempio la mascherina del radiatore rielaborata al pari della presa d’aria e le inedite linee dei paraurti o un’altra tipo Matrix arricchita da pin cromati, nel caso si valuti una versione AMG Line. La variegata panoramica è composta anche dagli allestimenti: Sport, Premium ed Exclusive.
Le nuove quattro tipologie di ruote da 17, 18 e anche 19 pollici, queste ultime al vertice di gamma, quindi altre colorazioni che ne rafforzano l’immagine come un grigio grafite metallizzato e un altro selenite metallizzato, sommate alle più classiche versioni in bianco e nero e soprattutto i nuovi blu e rosso giacinto metallizzato (entrambi su richiesta), contribuiscono ad amplificarne l’aspetto generale.
Novità estetiche e contenutistiche che riguardano anche la gamma Marco Polo, imparentata con la Classe V. Compresa la peculiare variante Marco Polo HORIZON.

Interni rivisti e più tecnologici

L’abitacolo presenta stilemi che rimandano alla più recente produzione. Si notano vari inserti realizzati con materiali di diversa tipologia, un quadrante della strumentazione aggiornato e bocchette a forma di turbina. Tra le caratteristiche immediatamente visibili appena entrati. Risultano sei le tipologie di rivestimenti in pelle o tessuto impiegabili, con tonalità chiare o scure che arricchiscono di pregio l’ambiente. Ad esempio, si può optare per un tipo di pelle nappa color “Tartufo” o, in alternativa, per della pelle Lugano nelle varianti scura e beige seta.
Tra le novità interessanti messe in evidenza figurano anche dei sedili di lusso, anche questi su richiesta e localizzati nella prima fila dei passeggeri, che comprendono varie funzioni (riposo, massaggio alla schiena e climatizzazione) gestibili tramite appositi tasti localizzati.

La presenza di nuove soluzioni di assistenza, poi, rafforza la nuova Classe V dal punto di vista tecnologico. Dopo aver introdotto storicamente dei sistemi come il Crosswind Assist che sostiene in caso di vento forte o un Attention Assist focalizzato sullo stato dell’automobilista, ora si può equipaggiare il veicolo con un nuovo sistema di assistenza abbaglianti Plus. Questo gestisce il fascio d’illuminazione in modo costante ed esteso, ma senza compromettere la visibilità di coloro che sopraggiungono dal versante opposto, secondo quanto segnalato, tramite la disattivazione parzialmente dei LED dei moduli abbaglianti, producendo un’illuminazione a forma di U, mentre altri settori della strada restano illuminati. Il Brake Asstist attivo invece, riprendendo sempre le indicazioni fornite, captando un eventuale impatto segnala subito il rischio con avvisi acustici e visivi e, in caso di un’azione del guidatore, sollecita una giusta pressione frenante a sostegno della manovra. Mancando invece una reazione, provvede ad applicare una frenata automatica cercando di evitare o ridurre al minimo il contatto. L’azione del dispositivo risulta attiva anche in caso di pedoni sull’asfalto od ostacoli di altro genere.

Novità sotto il cofano

Passando alla parte propulsiva, il rinnovato multi-spazio della Stella comprende una nuova generazione di unità diesel della tipologia OM 654. Motori con pistoni in acciaio e basamento in alluminio, caratterizzati da un processo di combustione legato a camere a gradini e superfici di scorrimento con tecnologia NANOSLIDE, evidenza il costruttore tedesco, per ridurre gli attriti a vantaggio di comfort ed efficienza.
Varianti destinate ai modelli V 250 d e V 300 d a trazione posteriore, anche nelle versioni integrali 4MATIC. Esemplari che, nonostante la differente tipologia di trazione, restano comunque al di sotto dei due metri di altezza totale.
Il primo dei quattro cilindri di circa 2.0 litri, abbinato alla V 250 d, eroga 190 cavalli di potenza (140 kW) e 440 Nm di coppia massima. Al momento la casa non ha riferito i valori di consumo e di emissioni per entrambi il livelli di potenza, dato che risultano ancora provvisori. L’unità meno potente, secondo le indicazioni, consente di raggiungere i 100 km/h in 9,5 secondi (o 10,2 secondi se 4MATIC) e toccare i 205 km/h di velocità (199 km/h per la variante 4MATIC).
I più potenti esemplari di V 300 d sono animati da un motore similare, ma capace di sviluppare 239 cavalli (176 kW) e 500 Nm di coppia nominale, oltre a 30 Nm in più grazie a un ECO Boost detto anche “Overtorque”. Il costruttore evidenzia uno scatto racchiuso in 7,9 secondi, considerando il modello a trazione posteriore, oppure 8,3 secondi optando per una V 300 d 4MATIC. Il picco massimo di spinta ammonta a 220 o 214 km/h rispettivamente.
Il dinamismo è legato non solo ai citati motori, ma anche a tre varianti d’assetto (Comfort, Agility Control e sportivo), ai programmi di marcia “Comfort” e “Sport” richiamabili tramite il DYNAMIC SELECT, quindi alla trasmissione automatica con convertitore di coppia 9G-Tronic a nove rapporti, anche con la gestione “Manual” utilizzando i comandi del DIRECT SELECT, presente per la prima volta su esemplari di Classe V, indica ancora nell’occasione il costruttore tedesco.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati