WP_Post Object ( [ID] => 596673 [post_author] => 40 [post_date] => 2019-02-04 16:14:33 [post_date_gmt] => 2019-02-04 15:14:33 [post_content] => Sembra un piccolo percorso in poche tappe, cogliendo attraverso le vetture vari aspetti della lunga storia firmata da Peugeot, in occasione del salone Rétromobile 2019 a Parigi.

Prospettive elettrizzanti

Modelli storici che consentono di cogliere anche l'evoluzione tecnologica della casa del Leone partendo dalla Peugeot VLV, un acronimo che indica Voiture légère ville, ovvero "Veicolo Leggero da Città". Rappresenta il primo esemplare ad alimentazione elettrica della casa, introdotto già a maggio del 1941. Una piccola cabriolet che mostra già come la casa transalpina abbia sperimentato un tipo di alimentazione alternativa e priva di emissioni nel remoto passato. Potrebbe essere considerata un'antesignana della recentissima e-LEGEND, la concept mostrata nel corso dello scorso Salone di Parigi e caratterizzata da sistemi tecnologici innovativi legati a un concetto di guida autonoma, uno stile retrò ma allo stesso tempo futuristico e, appunto, un sistema propulsivo totalmente elettrico. Un'anticipazione della possibile mobilità futura, considerando lo sviluppo di almeno un modello elettrificato per ogni esemplare introdotto entro il 2023, secondo quanto segnalato. Tornando alla storica VLV, l'energia proviene da quattro batterie da 12 Volt consentendo un’autonomia stimata di 75-80 km, secondo le indicazioni del costruttore. La velocità massima raggiungibile ammonta a 36 km/h. Doveroso ricordare che si parla di un mezzo degli anni Quaranta.

Le altre protagoniste

In occasione della kermesse parigina, sono in evidenza anche altri classici. Ad esempio una Peugeot 201 Torpedo, proposta dal sodalizio "Les Amis du Lion" per il 90° anniversario. Mostrata nel 1929, rappresenta l'incipit dell'iconica serie “2” realizzata in circa 143 000 esemplari, nonché uno dei primi esemplari con denominazione a tre cifre, inframezzate da uno zero. Mostrato anche un esemplare di 304 grazie al Club Peugeot 204 & 304, che risulta anche la più datata tra gli esemplari della stessa tipologia giunti su strada, considerando le informazioni legate al modello. La stessa 304 presente davanti al pubblico del Salone di Parigi, nel lontano ottobre del 1969. Il Club 604 International invece consente di osservare un modello di 604 TI, che rappresenta il primo esempio mosso da un motore a 6 cilindri e distinguibile dal design firmato da Pininfarina, anticipato a Ginevra nel mese di marzo del 1975 prima dell'effettivo lancio commerciale. Infine una Peugeot 204 Coupé risalente al 1967. Anche questa presente grazie al Club Peugeot 204 & 304, distinguibile per la livrea firmata da Design Peugeot e iscritta al Tour Auto 2019, giunta dagli archivi de l’Aventure Peugeot. Quindi una Talbot Tagora SX del 1983, equipaggiata con un motore V6 PRV di 2.664 cm3 esposta dall’equipe dell’Aventure Automobile di Poissy. [post_title] => Peugeot: alcuni esemplari storici protagonisti al Rétromobile 2019 [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => peugeot-alcuni-esemplari-storici-protagonisti-al-retromobile-2019-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-02-04 16:15:42 [post_modified_gmt] => 2019-02-04 15:15:42 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=596673 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Peugeot: alcuni esemplari storici protagonisti al Rétromobile 2019 [FOTO]

Un accenno al futuro con la e-LEGEND

Vari modelli mostrati in occasione dell'evento transalpino dedicato alle vetture d'epoca, in programma dal 6 al 10 febbraio, con la particolare presenza della prima storica a propulsione elettrica sviluppata dal marchio, sino alla più recente concept introdotta allo scorso Salone di Parigi

Sembra un piccolo percorso in poche tappe, cogliendo attraverso le vetture vari aspetti della lunga storia firmata da Peugeot, in occasione del salone Rétromobile 2019 a Parigi.

Prospettive elettrizzanti

Modelli storici che consentono di cogliere anche l’evoluzione tecnologica della casa del Leone partendo dalla Peugeot VLV, un acronimo che indica Voiture légère ville, ovvero “Veicolo Leggero da Città”. Rappresenta il primo esemplare ad alimentazione elettrica della casa, introdotto già a maggio del 1941. Una piccola cabriolet che mostra già come la casa transalpina abbia sperimentato un tipo di alimentazione alternativa e priva di emissioni nel remoto passato. Potrebbe essere considerata un’antesignana della recentissima e-LEGEND, la concept mostrata nel corso dello scorso Salone di Parigi e caratterizzata da sistemi tecnologici innovativi legati a un concetto di guida autonoma, uno stile retrò ma allo stesso tempo futuristico e, appunto, un sistema propulsivo totalmente elettrico. Un’anticipazione della possibile mobilità futura, considerando lo sviluppo di almeno un modello elettrificato per ogni esemplare introdotto entro il 2023, secondo quanto segnalato.
Tornando alla storica VLV, l’energia proviene da quattro batterie da 12 Volt consentendo un’autonomia stimata di 75-80 km, secondo le indicazioni del costruttore. La velocità massima raggiungibile ammonta a 36 km/h. Doveroso ricordare che si parla di un mezzo degli anni Quaranta.

Le altre protagoniste

In occasione della kermesse parigina, sono in evidenza anche altri classici. Ad esempio una Peugeot 201 Torpedo, proposta dal sodalizio “Les Amis du Lion” per il 90° anniversario. Mostrata nel 1929, rappresenta l’incipit dell’iconica serie “2” realizzata in circa 143 000 esemplari, nonché uno dei primi esemplari con denominazione a tre cifre, inframezzate da uno zero.
Mostrato anche un esemplare di 304 grazie al Club Peugeot 204 & 304, che risulta anche la più datata tra gli esemplari della stessa tipologia giunti su strada, considerando le informazioni legate al modello. La stessa 304 presente davanti al pubblico del Salone di Parigi, nel lontano ottobre del 1969. Il Club 604 International invece consente di osservare un modello di 604 TI, che rappresenta il primo esempio mosso da un motore a 6 cilindri e distinguibile dal design firmato da Pininfarina, anticipato a Ginevra nel mese di marzo del 1975 prima dell’effettivo lancio commerciale.
Infine una Peugeot 204 Coupé risalente al 1967. Anche questa presente grazie al Club Peugeot 204 & 304, distinguibile per la livrea firmata da Design Peugeot e iscritta al Tour Auto 2019, giunta dagli archivi de l’Aventure Peugeot. Quindi una Talbot Tagora SX del 1983, equipaggiata con un motore V6 PRV di 2.664 cm3 esposta dall’equipe dell’Aventure Automobile di Poissy.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. MICHAEL 1963

    9 Maggio 2019 at 18:53

    MICHAEL 1963
    (09/05/2019) A proposito della Talbot Tagora, mi preme lasciare un commento e un ricordo per questa auto: Intorno al 1981 – 82 iniziavo a vedere in giro qualche Tagora, soprattutto in versione diesel. Roba di ormai quasi 40 anni fa: Mamma mia quanto tempo è passato!! Era il tempo della scuola superiore e della patente appena conquistata. Ricordo che la Tagora mi piaceva. La trovavo imponente, forse un pò troppo squadrata, ma aveva un suo fascino. Addirittura ad una fiera a Foggia visitata con la scuola in terzo superiore ebbi la possibilità, con molta soddisfazione da parte mia, di sedermici anche dentro. Si, mi piaceva!! Negli anni a venire di Tagora in giro se ne videro poche e di quelle poche poi se ne videro sempre meno con il trascorrere del tempo, fino a non vederne proprio più. Ora in Italia si possono considerare quasi del tutto estinte! L’ultima che ho visto in ordine di tempo, qualche anno fa, per caso mentre ero di passaggio per Montecilfone, un paese non molto distante da Termoli, nel Molise, è stata una Tagora grigio metallizzato, in versione diesel con targa francese. E in un attimo il mio pensiero è tornato indietro nel tempo a quegli inizi degli anni ’80, quando la mia vita era molto diversa da come è divenuta con il trascorrere del tempo fino ad oggi. Come allora, la passione per le automobili resta sempre tanta!!!

Articoli correlati