Share Now: nasce il nuovo car sharing dall’unione BMW e Daimler

Share Now: nasce il nuovo car sharing dall’unione BMW e Daimler

Si uniscono i servizi car2go e Drive Now e non solo

Il mondo del car sharing sta per cambiare: BMW e Daimler hanno deciso di unire le forze per i servizi di mobilità urbana. Si fondono, dunque, car2go e Drive Now, per formare il nuovo servizio Share Now.
Share Now: nasce il nuovo car sharing dall’unione BMW e Daimler

Il car sharing cambia faccia, con la joint venture tra Daimler e BMW. Si uniscono, infatti, car2go e Drive Now, per dare vita al nuovo servizio Share Now. Gli utenti dei due servizi vedranno affiancato il nuovo logo sull’app, sul sito internet e sulle auto, in attesa la ‘fusione’ sia completata. Ma, già da ora, è possibile vedere i veicoli di entrambi i servizi sulle rispettive app.

Share Now: l’unione di Smart, Mercedes, BMW e Mini

Dunque, i clienti di car2go potranno visualizzare anche le BMW e le Mini presenti nella zona richiesta sull’app ufficiale, così come chi utilizza Drive Now vedrà disponibili anche Mercedes e Smart. Ma, fino a quando l’app di Share Now non sarà pronta, sarà necessario registrarsi separatamente ai due servizi per poter prenotare ed utilizzare le auto.

L’obiettivo, con la nuova app, è “combinare il meglio di quelle attuali e creare la miglior app possibile per il car sharing”. Con una maggiore di scelta e disponibilità dei veicoli, all’interno dell’area operativa prevista. Non sono state date delle tempistiche sull’arrivo del nuovo servizio, ma la speranza è “rendere il processo di transizione facilissimo” ed il più veloce possibile.

I numeri del servizio Share Now

Secondo quanto annunciato, una volta creato definitivamente il servizio di Share Now, ci saranno più di 20.000 auto per il car sharing in tutto il mondo, di cui 3.200 elettriche. Con tredici paesi coinvolti e trenta città, tra cui ovviamente quelle già presenti nel panorama italiano con car2go e Drive Now (Milano, Roma, Torino e Firenze).

La joint venture BMW e Daimler

Le due case automobilistiche hanno deciso di unire le forze, proprio pensando alla mobilità urbana e condivisa. L’investimento complessivo previsto è di un miliardo di euro in questi servizi, con la creazione fino a 1.000 nuovi posti di lavoro nel mondo.

Dal condividere un’auto al prenotare un autista, vengono unite sotto lo stesso tetto le cinque soluzioni di mobilità urbana più innovative: car sharing, servizio autista, pianificazione di viaggi multimodale, parcheggio a distanza e ricarica elettrica.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati