WP_Post Object ( [ID] => 606347 [post_author] => 60 [post_date] => 2019-03-04 10:05:55 [post_date_gmt] => 2019-03-04 09:05:55 [post_content] => In una nota congiunta rilasciata nel corso della giornata di ieri, Usb e Cub hanno elencato tutte le rivendicazioni relative allo sciopero proclamato per l'8 marzo, sottolineando come la data non sia stata scelta completamente a caso. L'obiettivo di questo sciopero, infatti, sarà quello di rivendicare più diritti e più uguaglianza per le donne, soprattutto in termini di parità salariale e politiche a sostegno della maternità e paternità condivisa.Una scelta forte che, ovviamente, creerà forti forti disagi per chi sfrutta giornalmente i servizi pubblici, in particolare nei trasporti. "Lo sciopero sarà indirizzato contro la violenza maschile sulle donne, le discriminazioni di genere e contro la precarietà e la privatizzazione del Welfare", hanno dichiarato Usb e Cub in una nota congiunta. "Non vanno dimenticati inoltre il diritto ai servizi pubblici gratuiti e accessibili, al reddito universale e incondizionato, alla casa, al lavoro, alla parità salariale, all'educazione scolastica, alla libertà di movimento, per le politiche di sostegno alla maternità e paternità condivisa". Da notare che nella nota sono stati ufficializzati anche gli orari in cui lo sciopero diventerà operativo, con Milano, ad esempio, che affronterà numerosi disagi dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino al termine del servizi. Sono previsti ulteriori comunicati in merito. [post_title] => Sciopero nazionale dellʼ8 marzo, trasporti pubblici a serio rischio [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => sciopero-nazionale-dell%ca%bc8-marzo-trasporti-pubblici-a-serio-rischio [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-04 10:07:36 [post_modified_gmt] => 2019-03-04 09:07:36 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=606347 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Sciopero nazionale dellʼ8 marzo, trasporti pubblici a serio rischio

A Milano previsti disagi dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino al termine dei servizi

"Lo sciopero sarà indirizzato contro la violenza maschile sulle donne, le discriminazioni di genere e contro la precarietà e la privatizzazione del Welfare", hanno dichiarato Usb e Cub in una nota congiunta
Sciopero nazionale dellʼ8 marzo, trasporti pubblici a serio rischio

In una nota congiunta rilasciata nel corso della giornata di ieri, Usb e Cub hanno elencato tutte le rivendicazioni relative allo sciopero proclamato per l’8 marzo, sottolineando come la data non sia stata scelta completamente a caso.

L’obiettivo di questo sciopero, infatti, sarà quello di rivendicare più diritti e più uguaglianza per le donne, soprattutto in termini di parità salariale e politiche a sostegno della maternità e paternità condivisa.Una scelta forte che, ovviamente, creerà forti forti disagi per chi sfrutta giornalmente i servizi pubblici, in particolare nei trasporti.

“Lo sciopero sarà indirizzato contro la violenza maschile sulle donne, le discriminazioni di genere e contro la precarietà e la privatizzazione del Welfare”, hanno dichiarato Usb e Cub in una nota congiunta. “Non vanno dimenticati inoltre il diritto ai servizi pubblici gratuiti e accessibili, al reddito universale e incondizionato, alla casa, al lavoro, alla parità salariale, all’educazione scolastica, alla libertà di movimento, per le politiche di sostegno alla maternità e paternità condivisa”.

Da notare che nella nota sono stati ufficializzati anche gli orari in cui lo sciopero diventerà operativo, con Milano, ad esempio, che affronterà numerosi disagi dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino al termine del servizi. Sono previsti ulteriori comunicati in merito.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati